Tag - Laura Scimone

1
Sarà Gemmadelsud che farà riprendere l’attività di questo blog?
2
Csnf (ec)citato sul Corriere: grazie Laura, ma soprattutto grazzzie Maicolgecczzon
3
Ode a Laura Scimone, star del momento

Sarà Gemmadelsud che farà riprendere l’attività di questo blog?

Per il popolo internauta prematuramente rimasto orfano della divina Laura Scimone, l’approdo sui lidi youtubiani di Gemmadelsud rappresenta un regalo di Natale anticipato. Certo, l’originale è solo da rimpiangere, ma Gemma ha di buono che, grazie alla sua perseveranza, e ad un evidente abuso di barbiturici, può riuscire dove Laura ha fallito.

Se la fan di Maicolgekkzon rimase traumatizzata dal precoce successo (quasi quanto noi alla visione dei suoi video) tanto da ritirarsi velocemente nell’anonimato facendo perdere le tracce di sé (anzichè cavalcare l’onda della popolarità e guadagnarsi delle remunerative ospitate in fattorie di periferia), la seconda, pur non avendo ancora raggiunto le vette di fama di Laura, dimostra di essere una vera imprenditrice del trash, che si muove a passi spediti per colmare un vuoto ancora molto sentito.

Read More

Csnf (ec)citato sul Corriere: grazie Laura, ma soprattutto grazzzie Maicolgecczzon

Grazie a tutti quelli che me l’hanno segnalato, ma soprattutto grazie alla mitica, unica e incommensurabile escavatrice Bobcat … ehm… Laura Scimone per aver fatto guadagnare a questo blog la sua prima citazione sulle prestigiose colonne del Corriere online (sarà contenta Diana aka Ncstndgrl).

Ebbene, pure la redazione digitale del quotidiano di Via Solferino si è finalmente accorta della nuova star del web (anche se il titolo è in bilico, pronto per esserle strappato dal camionista aspirante grandefratellaro Ciccio Benzina) dopo che Laura aveva fatto capolino come un simpatico furetto da ogni pertugio dell’underground internettiano, rimbalzando finanche sul piccolo schermo come ospite richiesta – ma mai realmente comparsa – in carne ed occhiali, a “Quelli che il Calcio” (sono dell’idea che non la vedremo mai: la Ventura è piuttosto restia ad invitare nel suo programma quelle che potrebbero essere più brave di lei a presentare. Non per niente l’altra settimana c’era Luisa Corna).

Ma un vero e proprio mistero di matrice enricoruggeriana avvolge la vita e le opere della giovane ragazza che “vèggnu da Palèmmo”: la sua fama istantanea ottenuta a colpi di “votate votate votate, commentate commentate commentate, smack smack smack” e l’affermazione come icona digitale 2.0, sono coincise con la sua repentina scomparsa dalla grande Rete, come se Laura avesse voluto abbandonare tutto e tutti nel momento dell’apice del successo, alla stregua di una delle poche, ultime, vere dive d’altri tempi rimaste (mai che venga un’idea del genere anche a Valeria Marini, eh?!).

O, più verosimilmente, forse i suoi genitori le hanno soltanto requisito la webcam dopo che si sono ritrovati ad essere lo zimbello del paese (e del Paese), e l’hanno reclusa in cameretta senza cena (che tanto, di riserve lipidiche, Laura non sembrava essere carente e un po’ di digiuno male non le fa). Resta il fatto che i vecchi video della nostra eroina continuano a circolare ed il suo verbo a fare proseliti. Fa specie che in un mondo dove in mille si scapicollano per tentare di creare  un minimo di interesse attorno al proprio operato (magari senza riuscirci, Diana aka Ncstndgrl in questo momento starà pensando: “questo blog compreso”, e come darle torto), un tanto semplice quanto svalvolato “Scimone Business” si sia rivelato tutt’altro che un “monkey business” (somiglianza fisica a parte), in grado di autoreplicarsi all’infinito per sopperire alla mancanza di offerta generando il corto circuito dei più elementari e ferrei dogmi del marketing. E tutto solo con un disarmante “grazzzie maicolgeccczzon“, ma dannatamente ben assestato.

Ode a Laura Scimone, star del momento

Laura ScimoneEra dai lontani tempi di Jeansy (come sarebbe a dire che non sapete chi è Jeansy?) che l’internet nostrana non eleggeva a suo portabandiera nazionale una nuova, chiara, fresca, dolce e meritevole starlette al gusto cassata avariata che sprizza vitalità e capacità comunicativa (e non solo) da tutti gli orifizi corporei, in particolar modo da quelli più nascosti. Molte sgallettate di quarta categoria avevano provato a rubare all’interprete di “Game Over” lo scettro di reginetta italiana della Rete,  ma finora nessuna era riuscita nella difficoltosa impresa di diventare un personaggio talmente cult da essere sulla bocca (e sui profili Facebook) di tutti. Emersa su Youtube non troppo tempo fa con il suo “ringrazzziamento a maicolgecczon” (visibile dopo il salto), Laura Scimone non ha proprio intenzione di fare la figura della meteora trash in questa via lattea di latte alle ginocchia. Ecco dunque che la nostra eroina, motivata dal tam tam sui social network, ha pensato bene di continuare a riempire le sue (e le nostre) tristi giornate con video di ogni genere in cui non centellina di certo il proprio talento. Laura dimostra di essere una showgirl a 360.000 gradi Fareneith, una di quelle che davvero non esistono più. Sa cimentarsi con agevole destrezza in balli sensuali e canti diaframmatici meglio di qualsiasi Belen Rodriguez e rilascia proclami alla Nazione che meriterebbero una denuncia all’autorità giudiziaria solo per la strampalata dizione. Laura, infatti, sfoggia un originale timbro gutturale come se avesse quattordici piercing in bocca che le tengono unita la lingua al palato; quando parla sembra che si sia appena scolata una damigiana di acido muriatico e, nel canto, la soave sonorità della sua voce è paragonabile a quella di una marmitta catalitica in una giornata d’inverno. Laura Scimone nelle sue imperdibili performance da triangolo ottuso vivente esprime qualità che farebbero invidia ad uno spremiagrumi elettrico, si muove con la leggiadria di un escavatore Bobcat ed ha un fascino unico che potrebbe portarla ben presto a guadagnarsi la conduzione della Prova del Cuoco, che tanto, paragonandone le capacità dialettiche e la presenza scenica con quelle di Elisa Isoardi, più o meno siamo lì.

E intanto ovunque si scatena la discussione: la ragazza è consapevole di ciò che ha creato? E’ un geniaccio che ci sta pigliando tutti per il naso, oppure è soltanto l’ennesima ingenua teenager fagocitata senza saperlo dalla potenza mediatica della Rete? Su Youtube è nata addirittura una videoguerra tra quelle succitate “sgallettate di quarta categoria” (tipo Princessa e Ncstndgrl) che non riuscendo a brillare di luce propria, sfruttano la coda della meteora litigando tra di loro a colpi di webcam, schierandosi prima con Laura e poi contro di lei, rilasciando inutili dichiarazioni in merito al suo presunto “non talento” o ai suoi ventilati “problemi psichici” (tutti da dimostrare, comunque).

Read More

© 2006-2014 - Chissenefrega 2.0 #whocares #zeroodio #tantoammore - Created by Meks. Powered by WordPress.