Tag - Kymera

1
I Kymera si staranno rivoltando nella tomba
2
X-Factor 4, Nathalie Giannitrapani vince la peggior edizione di sempre. Mara Maionchi EPIC FAIL
3
X-Factor 4 – La reunion delle anime perse e l’eliminazione di Stefano Filipponi
4
Riavvolgiamo il tempo e iniziamo a sognare (ma senza chiudere gli occhi che rischiate di addormentarvi)
5
X-Factor 4 – settima puntata. Eliminata Cozzandra

I Kymera si staranno rivoltando nella tomba

X-Factor UK edizione 8 entra nel vivo (magra consolazione per quei quattro tirchioni tra cui il sottoscritto che non vedranno X-Factor Italia edizione 5 su Sky: scusate, ma nel mio codice etico l’opzione “paga 20 euro al mese per vedere Simona Ventura” non è contemplata). Lo show inglese sta plasmando i nuovi talenti della musica, tipo Johnny Robinson: una specie di Enzo Miccio coi capelli, un guardaroba degno di “Ma come ti vesti?” e la voce di Kylie Minogue in calore

(ps: aborro i quattro giudici. Chi caspita è Tulisa Vattelapesca?)

X-Factor 4, Nathalie Giannitrapani vince la peggior edizione di sempre. Mara Maionchi EPIC FAIL

davide mogavero mara maionchi Il distacco emotivo ha avuto il sopravvento sull’entusiasmo e sulla partecipazione a questa edizione di X-Factor a causa di un evidente concorso di colpa tra autori, giudici e cantanti. Questa allegra combriccola, unendo le forze, è riuscita a trasformare un programma di alte ambizioni (ed alto budget) in una floppante sagra paesana di periferia, nonché a far perdere appeal ad un talent show che ancora aveva una minima parvenza di credibilità, che funziona in tutto il mondo ma forse qui non siamo ancora pronti. L’involuzione è stata tangibile fin da quando si è tentato di snidare il format dalla nicchia di pubblico musicofilo che l’aveva apprezzato all’inizio, per renderlo più appetibile alle masse bimbominchiesche e alle casalinghe con le caviglie stanche. Pian piano lo snidamento è diventato un vero e proprio snaturamento e l’azzeramento dei contenuti ha fatto precipitare lo show nel pantano della banalità più inaudita. Lo scopo (che potrebbe risultare anche legittimo se operato da autori all’altezza) di accalappiare un pubblico più ampio si è concretizzato in una defezione del pubblico stesso. E se X-Factor era un programma con vocazioni di nicchia considerato un successo quando faceva il 12% di share, non saprei come definirlo ora che è stato appiattito come Anna Tatangelo prima della mastoplastica, e ha una media auditel del 9% se è tanto.

nathalie vince x factor 4Gli slogan di Facchinetti che autoproclamavano lo show come una eccitante novità si sono rivelati fasulli fin dalla prima messa in onda: X-Factor è rimasto immobile, anzi, se qualcosa è cambiato, è cambiato in peggio virando verso una straordinaria sciatteria che ha avuto come effetto il fuggi-fuggi generale del pubblico. Le grandi aspettative iniziali sono state disattese e – stando così le cose – ritengo plausibile che il programma venga messo in archivio definitivamente: è inutile che ci sia un X-Factor 5 con questi presupposti. Se non usciremo dal provincialismo e dall’ipocrisia non andremo da nessuna parte: tanto vale guardare Amici che, per quanto artefatto, risulta molto più appassionante dal punto di vista della struttura narrativa. Meno male che, almeno alla puntata finale, un barlume di giustizia ha prevalso, incoronando Nathalie Giannitrapani vincitrice (meritata) di questa sbiadita edizione, sconfiggendo il fantasma di Davide Mogavero, assente causa coprifuoco minorenni.

Giudizio ai giudici:

Read More

X-Factor 4 – La reunion delle anime perse e l’eliminazione di Stefano Filipponi

Questo X-Factor è alla X-Frutta, ma gli autori non si arrendono. Al (ricercato, voluto e meritato) flop della quarta stagione rispondono scendendo a patti persino col diabolico cocainomanecattivoesempiopernoigggiovani Morgan, la gatta in tangenziale Simona Ventura e la molleggiated housewife Claudia Mori. E arrivare a rimpiangere persino quest’ultima, testimonia il penoso stato di indigenza in cui versa quest’annata dello show. Una volta tanto in due mesi, il piatto della serata è ricchissimo, ammicca allo zoccolo duro del pubblico nostalgico scappato a gambe levate dalla presente edizione, propone come ospite una star internazionale davvero di prima grandezza (Rihanna, non la Ventura) e lascia in secondo piano quello che dovrebbe essere il vero sugo del talent, una gara canora ahimè degna di un karaoke tra avvinazzati.

Ed è davvero una puntata che si differenzia dal mortorio al quale ci eravamo abituati da dieci settimane, riuscendo nel finale – liberatorio per l’esito ma orrendo dal punto di vista della credibilità del programma – a ristabilire un minimo d’ordine e di equità meritocratica. Dei sette giudici presenti stasera, i tre riesumati si fanno decisamente rivalutare per una brillantezza che i nuovi arrivati si sognano. Peccato che anche loro cadano nel tranello Stefano Filipponi: è chiaro che c’è una precisa direttiva autorale che impone a chiunque parli di lui, di elogiarlo a prescindere per non colpirlo nelle sue fragilità, in nome di un inspiegabile buonismo di facciata tipico da “famiglia del Mulino Bianco che guarda i programmi Rai”, nonostante stonature da antologia (stasera ha rischiato l’autosoffocamento tentando di prendere un fa diesis) e la presenza scenica di un trattore Landini ingolfato.

Evidentemente il format di X-Factor è stato trasformato in “Pronto Elisir” dove qualsiasi disadattato può andare a farsi prescrivere cure med(iat)iche per rinvigorire la propria autostima, curare sociopatie o disturbi in genere (vale anche per Nevruz). Quando affideranno la conduzione a Michele Mirabella, il processo sarà completo e mi presenterò pure io ai provini perché ho l’assoluta necessità che qualcuno mi dica che ho dei capelli foltissimi e assomiglio a Brad Pitt basandosi sull’inconfutabile certezza che ambedue disponiamo di un intestino crasso.

Read More

Riavvolgiamo il tempo e iniziamo a sognare (ma senza chiudere gli occhi che rischiate di addormentarvi)

Io praticamente ho visto solo il finale con la surreale eliminazione del padre di Ruggero che rappresentava il figlio sul palco mentre cantava in differita perché minorenne e i minorenni possono comparire in tv dopo la mezzanotte solo tramite RVM (mah!), ma ritengo che l’inizio della puntata di X-Factor di ieri sera (record negativo di ascolti di sempre, tanto per dire) sia l’unico momento minimamente guardabile di questa edizione, per i seguenti tre motivi:

1. Finalmente si ammette palesemente il fatto che ci troviamo a “Ti Lascio una Canzone”

2. La cuccarini che precipita dalla scalinata

3. Facchinetti che, dopo la Marcuzzi, rinnova con sensuali movimenti di bacino, il suo sempre più inarrestabile trasporto erotico verso le MILF attempate

X-Factor 4 – settima puntata. Eliminata Cozzandra

x factor 4 settima puntataDopo l’eccesso di internazionalità della scorsa settimana è giunto il momento, ad X-Factor, di omaggiare la musica italiana dell’ultimo decennio (che non avrebbe alcun bisogno di omaggi bensì di sonore pedate nel fondoschiena, un po’ come Dami). La scelta dei brani lascia onestamente interdetti per  tanta pochezza, pare la playlist di un programma tappabuchi del pomeriggio di RDS condotto da Marco Liorni. Questa è anche la puntata dell’orfanismo di Anna Tatangelo che, nel daytime, ha dichiarato che sarà più severa nei giudizi: vedremo quante volte dirà “cùore” e quante “emozzziòune“.

Stefano: “Eppure Sentire” – Elisa. Stefano stasera si esibisce dopo la polemica sui sentimenti di pietà che suscita nel telespettatore innescata da Sora Tata (cioè, adesso ti svegli? Sei fuori tempo massimo cara mia, come per tutto il resto, d’altronde). E’ quasi rissa tra le tre vecchie della combriccola, Mara, Anna e la Casale, accusata dalla Tatangelo di dire “stronzate” (beh, e un bel “senti chi parla” no, eh?). Comunque, Filipponi pare doppiato da una bambina delle elementari, che pena. Io ho TERRORE VERO di chi ha gli occhi più grandi degli occhiali. Voto 0

Commento via FB:

Mandiamo a casa stefano, il maggiolino tutto matto rivuole i suoi fanali

Cassandra: “Ricomincio Da Qui” – Malika Ayane. La canzone ha un crescendo che esplode in un solenne finale: è da cantare “soffiata” con classe e delicatezza, ma Cozzandra urla fin dall’inizio peggio che il pubblico di Barbara D’Urso. Brano non adeguato alla sua vocalità. Voto 3

Davide: “Parlami d’amore” – Negramaro. Non serve nemmeno ascoltarlo per sapere che “bravo, mi sei piaciuto”. Se vocalmente non gli si può dire nulla, attendo di sentire qualche brano scritto apposta per/da lui così potrò finalmente stroncarlo come vorrei. Voto 6

Kymera: “Non Me Lo So Spiegare” – Tiziano Ferro. Io, invece, non mi so spiegare cosa ci facciano questi ancora qui dentro: uno è vestito da Olivia Geisha, l’altro da Pisellino-curato-di-campagna. Ad ogni modo, “sono contento di vedere una coppia omosessuale che canta una canzone di un single omosessuale in prima serata”. Qui potrebbe scattare il threesome o anche la gangbang se si aggiunge qualcuno a scelta di quelli che siedono in prima fila. Voto 0

Momento ospite internazionale: non avevo mai sentito cantare dal vivo Enrique Iglesias e non avrei mai pensato che avrebbe potuto farmi rivalutare Stefano Filipponi.

Nevruz: “Nuova Ossessione” – Subsonica. Devo dire che la ridicola”sfida” che Nevruz ha lanciato a Dami in settimana per affermarsi come “maschio alfa” (o forse sarebbe meglio dire “maschio analfa“) del gruppo, da un lato mi ha fatto proprio ridere – dalla disperazione – , dall’altro mi ha fatto riflettere sul perché Nevruz sia tanto amato dal pubblico femminile. Non ci avevo mai fatto caso, ma i “maschi” all’interno del programma sono praticamente inesistenti e dunque inapprocciabili: tutti illibati imberbi, mezzi ritardati (con tutto il rispetto per i mezzi) o diversamente eterosessuali. Fatto salvo che io sono fermamente convinto che anche Nevruz appartenga ad una delle succitate categorie, posso comunque comprendere che l’irrefrenabile istinto della crocerossina, insito nella telespettatrice/opinionista media ingrifata, spinga la suddetta a considerare il rocker di stacippa come unico essere simil-umano tangente ad una vaga parvenza di mascolinità a cui far pervenire le sue amorevoli cure. Non so se essere triste per voi oppure sentirmi sollevato del fatto che siate così di bocca buona (apriamo il televoto). Esibizione a dir poco dilettantesca, ma Nevruz è leggermente più intonato del solito. Voto 1+

Read More

© 2006-2014 - Chissenefrega 2.0 #whocares #zeroodio #tantoammore - Created by Meks. Powered by WordPress.