Tag - Davide Papasidero

1
Csnf intervista Davide Papasidero: stimo Morgan e mi ispiro ai cantanti del passato, tra cui Freddie Mercury e i Beatles. La cultura non puo’ essere sostituita. Maria De Filippi e’ una grande professionista
2
X-Factor 5 – Gli inediti
3
X-Factor 5 per poveri – Sesta puntata (natalizia) su Cielo
4
X-Factor 5 per poveri – quinta puntata su Cielo
5
X-Factor 5 per poveri – quarta puntata su Cielo
6
X-Factor 5 per poveri – terza puntata su Cielo
7
X-Factor 5 per poveri – seconda puntata rieditata su Cielo

Csnf intervista Davide Papasidero: stimo Morgan e mi ispiro ai cantanti del passato, tra cui Freddie Mercury e i Beatles. La cultura non puo’ essere sostituita. Maria De Filippi e’ una grande professionista

davide papasideroQuesta (lunga) intervista doveva essere pubblicata in esclusiva mondiale tipo sei mesi fa. E invece i poteri forti che governano il mondo (leggi: le case discografiche, Angela Merkel, il Gabibbo e la patonza depilata di Sara Tommasi) l’hanno bloccata senza un ragionevole motivo fino ad ora. Oggi Davide Papasidero, il Kurt di Glee di XFactor 5 (eliminato dal talent dopo l’ahinoi indimenticabile performance su “We are your friends” dei Justice VS Simian) è finalmente libero di rispondere alle scomodissime domande del Chissenefrega Blog. L’avevo assolto per essersi fatto intervistare prima da Riverblog che da me, ma ho preso come un affronto personale il fatto che si sia fatto intervistare pure da Paola Saluzzi a Buongiorno Cielo prima di concedersi al sottoscritto. Una volta visto il videoclip de “Il giardino segreto”, però, gli si perdona tutto.

Davide, iniziamo con una domanda ORIGINALISSIMA: come nasce l’analogia con il personaggio di Kurt di Glee? E’ una scelta furba e studiata, o una inconsapevole coincidenza? Oppure è lui che ha copiato il tuo look?

Inizio subito dicendo che amo Glee, è un telefilm molto divertente e scorrevole, apprezzo molto il messaggio che lancia, perché è lo stesso di cui cerco di farmi portavoce nel singolo “ Il giardino segreto”. Per quanto riguarda Kurt devo essere sincero, non ho mai pensato di ispirarmi a lui, se in molti hanno trovato una somiglianza probabilmente è perché abbiamo molte cose in comune, io lo prendo comunque come un complimento, visto che il suo personaggio è stato inserito nella lista dei cento personaggi più influenti in America negli ultimi anni, ed ha sempre avuto un look inconfondibile 🙂

Cosa ti ha lasciato l’esperienza di X-Factor? Più orgoglio per averla fatta o più rimpianti per non essere arrivato fino alla fine?

L’esperienza di X factor mi ha lasciato una consapevolezza maggiore, mi ha dato la carica giusta per poter provare ad affrontare il mondo discografico di oggi, pieno di ingiustizie e stranezze. X factor è sempre stato un sogno per me, l’ho sempre guardato con molto piacere sin dalle prime edizioni in Inghilterra, e ritrovarmi a cantare su quel palco è stato bellissimo, quindi direi assolutamente orgoglio per averla fatta. Non ho alcun tipo di rimpianti, anche perché penso di essermi preso la mia rivincita nel post X factor.

Senti ancora il tuo ex giudice Morgan? Com’era il rapporto con lui? A bocce ferme puoi fare un’analisi lucida e più fredda: Morgan credeva davvero nelle tue potenzialità oppure in qualche momento hai avuto il sospetto che prevalesse una sua voglia di “fare scena” per scopi televisivi (un po’ come fece con Valerio)?

Morgan è una persona che stimo profondamente, sia dal punto di vista umano che da quello artistico. Con lui si è creato un rapporto davvero speciale, sin dai primi provini, ho sentito che durante le selezioni di Xf6 mi ha di nuovo tirato in ballo, paragonando uno degli aspiranti ragazzi a me, dicendo quanto fosse stata prematura la mia eliminazione, e tutto ciò , non può che farmi piacere.  Sicuramente Morgan è molto scenico, ama far parlare di se, e automaticamente dei suoi cantanti, abbiamo sempre fatto scelte abbastanza coraggiose e rischiose, ma per me X factor è anche questo, voglia di sperimentare e di mettersi in gioco al cento per cento.

Tu, a X-Factor, sei stato eliminato e la settimana dopo ti hanno invitato come ospite per duettare con Morgan. Un trattamento di favore? Un buco in scaletta da riempire? Oppure c’era qualcosa che dovevi ancora dimostrare che invece non avevi fatto in tempo a dimostrare durante la tua permanenza nel talent? Se sì, cosa?

Di certo tornare la settimana dopo la mia eliminazione è stata una soddisfazione davvero grande, non me lo aspettavo, e quando ho ricevuto la chiamata ricordo ancora i salti di gioia che feci.  Sono stato invitato in trasmissione per due motivi: sia perché Morgan è rimasto molto male della mia eliminazione e voleva quindi permettermi di fare un duetto con lui, ed anche perché molta gente non ha preso bene la mia eliminazione, soprattutto nella puntata dance, e quindi la produzione ha deciso di darmi un ultimo momento di gloria, che, devo essere sincero, non dimenticherò mai. Avevo le gambe e le mani  che tremavano come non so cosa, e quando si è aperto il led , vedere tutta quella gente applaudirmi è stato davvero emozionante.

So che recentemente hai organizzato una reunion dei concorrenti dell’ultima edizione. Come è andata? Cosa avete fatto durante la rimpatriata? Siete tutti ancora amici, oppure, dopo la fine del programma sono scattate le invidie e le inimicizie?

Read More

X-Factor 5 – Gli inediti

Cari amici poveri e senza Sky, la mensa della Caritas stasera ci aspetta. Prima però, per festeggiare degnamente, questa fine d’anno ci porta in dono cinque nuove canzoni di cui non si sentiva la necessità: gli inediti dei concorrenti di X-Factor. Questa settimana, causa festività, niente chissenecronaca, ma ci focalizziamo direttamente sui meravigliosi brani scritti da grandissimi e stimatissimi autori della musica italiana. Ne approfitto per farvi gli auguri di buona fine e buon principio; e chissà se almeno una di queste cinque canzoni sopravviverà a capodanno, oppure se saranno tutte gettate dalla finestra insieme alla roba vecchia.

Di L.Mattioni, M.Cianchi e Kaballà “Sarà possibile”. Canta: Nicole

Come è stata presentata dalla Ventura: “inedito dalle sonorità HARD DANCE che potrebbe funzionare in previsione dell’estate”.

Cos’è nella realtà: arrangiamento fatto col Musik Maker 10.1 versione shareware, melodia banale che richiama l’ultima Giorgia (lei, però, non risponde).

Precisazioni: secondo me Nicole ha cantato in playback. Vi invito a rivedere il video dell’esibizione e fare caso a quando sale tra il pubblico.

Giudizio finale: fuori tempo, fuori stagione e soprattutto fuori (finalmente) Nicole dal programma.

 

Di L. Marino “Cuore scoppiato”. Canta: Antonella

Come è stata presentata da Arisa: “E’ stata scritta da un mio caro amico che si chiama Luca Marino ed è una canzone con le palle, un pezzo cazzuto che ha un tiro micidiale”

Cos’è nella realtà: ruffianeria pura nell’arrangiamento che tende ad accalappiare un pubblico fighetto dai gusti british, ma in soldoni pare un pezzo scartato da un album qualunque dei Subsonica. Il ritornello – orrendo – gira sulla rima cuore/amore, e non voglio infierire ulteriormente.

Precisazioni: 1) Arisa: cambia amicizie nonché spacciatore – 2) nel 2010 Luca Marino partecipò a Sanremo tra i giovani e su questo blog commentammo così: “Luca Marino: strappato, per venire a Sanremo, alla fabbrica di pantofole del padre. Un appello alla famiglia: non affrettatevi ad assumere qualcun altro” e “se Luca Argentero mettesse incinta un babbuino nascerebbe uno così”.

Giudizio finale: dai Goldfrapp a Dolcenera senza passare dal via.

Read More

X-Factor 5 per poveri – Sesta puntata (natalizia) su Cielo

Buonasera popolo squattrinato di X-Factor su Cielo e ancora buon Natale. Quello immortalato nella gif animata qui sotto è il momento più interessante della puntata. La Ventura entra in scena e rischia subito di lasciarci giù un femore. Questo avvenimento la renderà più trifolazebedei che mai.

simona ventura cade xfactor

Antonella

The world is not enough (Garbage) – Non so cosa dire, il sogno della mia vita era sentire una canzone dei Garbage a X-Factor e in tutta onestà non pensavo sarebbe mai stato possibile. Ora possiamo anche sopprimere il programma e i quattro giudici di questa edizione con esso (no vabbè, dai, Calimero Arisa la salviamo che mi fa troppa tenerezza). Non ho la lucidità necessaria per giudicare alcunché a causa del doppio carampanesimo che mi affligge (per Antonella e per Shirley Manson), ma invece ho la lucidità necessaria per dire che le eleganti obiezioni della Ventura (“devo mettermi a novanta?”) sono simpatiche come la cacca di cane pestata a piedi nudi un giorno d’agosto quando il comune ha sospeso l’erogazione dell’acqua corrente. Voto 10

Disincanto (Mango) – Concordo con Morgan che non conosce questo “inno della Lucania”: nemmeno io, e avrei preferito continuare a vivere nell’ignoranza. Antonella non c’entra nulla con questa roba sciatta e obsoleta, al primo ascolto mi pare una canzone adatta al più per la messa di mezzanotte. Virtualmente potrebbe essere il suo inedito: mi sento come se mi avessero svegliato tirandomi una secchiata di acqua gelata. Voto 4

Voto medio 7

Francesca

The house of the rising sun (The Animals) – Come look sembra una Adele magra e il rock è senz’altro il suo elemento (il suo “brodo”, secondo Elio). Tutto molto interessante finché rimaniamo nel mondo delle cover di pezzoni storici, ma contestualizzata nella discografia italiana attuale che rock la mettiamo a fare? Quello della pubblicità del Pocket Coffee con Irene Grandi? Voto 7

You shook me all night long (AC/DC) – La Ventura la presenta così: “un rock color metallo pesante, un rock da STADI PENI [ha detto proprio così e lei è una che se ne intende… di stadi, ovviamente], un rock con la canzone simbolo dei grandi EH SI, DISSI“. Francesca è poco convincente, molto meno rock di quanto dovrebbe e anche di quanto millanta di essere. Vocalità fiacca, poca personalità, in certe inquadrature pare Alessandra Amoroso. Voto 4

Voto medio 5,5

Read More

X-Factor 5 per poveri – quinta puntata su Cielo

arisia x factorAlla faccia dell’edizione british, stasera ad X-Factor domina il televoto. Un concorrente verrà eliminato dal pubblico sott’ano e l’altro – come di consueto – dai giudici. Peraltro, se proprio volessimo cercare l’uovo nel pagliaio (cit.), potremmo dire che in questa edizione il televoto è vittima del doping peggio che in Rai. Improbabile, infatti, che ci siano spettatori “occasionali” che si sintonizzano facendo zapping e decidono di televotare, dato il bacino ristretto di utenti di Sky. Pertanto, quelli che votano vedendo il programma sono sempre gli stessi. E la possibilità di esprimere la preferenza gratuitamente anche via internet e con le app per smartphone dà la possibilità di votare a chicchessia anche senza essere davanti al televisore (e quindi senza giudicare il reale merito dei cantanti). Se ne conviene che quest’anno più che mai vincerà il concorrente che dispone del fanclub più forte (al momento sembra essere quello di Nicole con interi comuni radunati al cinema parrocchiale). Io, per la cronaca, voto sempre Antonella a scatola chiusa.

Jessica – Sally. Come interpretazione ci siamo, come intonazione un po’ meno. Non mi colpisce come le altre volte, forse perché il pezzo è davvero stato cantato nei talent show fino allo sfinimento. Morgan prima fa delle allusioni sessuali, poi dice che Jessica potrà diventare la nuova Mia Martini. E’ evidentemente la sua area sudombelicale che parla. Voto 6+

I Moderni – Fuck you. Per la seconda volta  in cinque puntate mi sono piaciuti (meglio che niente). Non fanno dimenticare certi terribili momenti passati, ma l’esibizione di stasera aveva quel nonsoché di divertente, anche per l’irriverente dedica ad andare a quel paese rivolta a Morgan. Quest’ultimo risponde alla provocazione di Elio con un biberon gigante mentre lo stesso Elio fa la parodia castoldiana insultando strumentalmente i concorrenti, quindi salendo sul palco e prendendoli a calci nel sedere: “Come vi permettete? Avete fatto schifo, siete saccenti e arroganti, siete delle merde”. Loro sono sembrati sinceramente scioccati dalla reazione del loro giudice, il momento è stato indubbiamente divertente. L’Elio che vorremmo vedere sempre e che invece si concede con troppa parsimonia. Voto 6 e 1/2

Read More

X-Factor 5 per poveri – quarta puntata su Cielo

x factor 2011Alessandro Cattelan è fin troppo british stasera: apre il programma senza nemmeno un minimo saluto al pubblico, manco fosse Maria de Filippi. Nei primi due minuti di trasmissione riesce senza che nessuno lo corregga a: 1) dire che la finale di X-Factor si terrà il 5 maggio (????) 2) chiamare il cantante dei Maroon Five Davide (scambiandolo forse per Papasidero a cui è appena stato concesso un tanto inutile quanto indegno tributo) e 3) – anatema degli anatemi – pronunciare il cognome del leader dei Maroon Five LEVAIN anziché Levìn. Cattelan perde punti: mettiamogli – non so – un gobbo, un auricolare, un pappagallo parlante sulla spalla che gli faccia da suggeritore. E non vestiamolo di velluto stile cassa da morto, per favore. Peraltro, noto solo ora che batte le palpebre tipo 50.000 volte al minuto. Sarà colpa di Morgan che ha alzato la polvere?

Nicole – Heaven. “E’ un pezzo nuovo di trincia” afferma la Ventura. Ah, pensavo fosse un pezzo nuovo di Emeli Sandé (che poi, comunque, non si direbbe “nuovo di TRINCA” ???? MAH). Pezzo giovane cantato da una giovane, finalmente. Nicole risulta ancora parecchio acerba e carente di personalità. Ma carica di sebo. Voto 6

Vincenzo – Portatemi Dio. Da non ascoltatore di Vasco Rossi, ammetto di non aver mai sentito questa canzone prima d’ora. Il brano sarà anche adeguato, ma mi sembra che si stia trasformando Vincenzo nel nuovo Damiano Fiorella di X-Factor 3. Voto 6 e 1/2

Proprio l’altro giorno invocavo la limonata omosex per Cattelan come avvenuto per il conduttore di X-Factor USA, ma direi che la scena degli scongiuri con grattatine genitali reciproche tra lui e Vincenzo è stata più che sufficiente per farmi inorridire.

Claudio – Mi sei scoppiato dentro al cuore. Arisa dice titoli a caso, nel frattempo Claudio rivela che si sente insicuro perché proviene da un dimagrimento di 50 chili. E per gli altri 50 cosa stiamo aspettando, la dieta Joe Bastianich? La canzone è stata voluta dallo stesso Claudio (al posto dei Nickelback) e francamente gli interrogativi sul perché di tale scelta si sprecano. Arrangiamento popdanzereccio decisamente brutto, di cui Arisa di assume le responsabilità. Elio tenta senza successo di estorcere un outing a Claudio, il quale canta anche decentemente, ma nemmeno stavolta risulta particolarmente entusiasmante. Voto 6+

Read More

X-Factor 5 per poveri – terza puntata su Cielo

x factor 5 terza puntataX-Factor 5 ha due uniche grandi certezze: la prima è che Alessandro Cattelan si veste molto male (stasera pare un esperimento genetico tra Babbo Natale e Spiderman). La seconda è IL DEGRADO QUALITATIVO dello show. Un degrado talmente rapido che nemmeno lo stracchino dimenticato fuori dal frigo fa così presto a irrancidirsi.

La delusione, relativamente alla piega surreale che ha saputo prendere questo programma nel giro di sole tre settimane, è palpabile. E lo dico da telespettatore di “Serie B”. Fossi uno di quelli paganti, chiederei il rimborso dell’abbonamento a Sky e un panettone all’uvetta come risarcimento morale.

La mia idea è che X-Factor si sta trasformando sempre più in Z-Factor e non è un problema di Rai, di Sky o di budget. E’ un problema di team autorale (sempre lo stesso delle vecchie edizioni e su questo aspetto Morgan non aveva proprio tutti i torti durante il suo agghiacciante delirio finale), di idee antiquate e stagnanti, di ipocrisia galoppante, di gente che giudica senza essere in pace col proprio cervello.

Questo talent ha bisogno di leggerezza televisiva, non di alterchi spazzatura e monologhi farneticanti. Ha bisogno di purezza d’immagine, non delle caricature sceniche di Tommassini. Ha un estremo bisogno di ritrovare la centralità dei concorrenti, ma di concorrenti all’altezza. Questo talent necessita soprattutto di una nuova verginità, che si è rivelata solo illusoria con il passaggio a Sky: propongo che alla fine di ogni edizione i quattro giudici, (più gli autori, più Tommassini) rimettano il mandato e vengano sostituiti da un governo tecnico. E già che ci siamo, cambiamo anche la legge elettorale e facciamo la patrimoniale.

Passiamo al commento delle esibizioni, prima che mi venga la bile. Ah, dimenticavo, la puntata è A TEMA (ecco, mi è venuta la bile). E il tema è la “Disco Dance”, che già non vuol dire niente, ma il cui concetto secondo i giudici è talmente elastico che comprende sia Mick Jagger che Lady Gaga (e ho detto tutto).

Antonella – ‘Strict Machine’. Deve dimostrare di essere una “macchina vibrante del sesso” (cit.) e stasera è chiamata ad esibire tutta la sua femminilità. Il genere è un elettropop che ha passato tutti i test del controllo qualità del Team Arisa e che piace al pubblico che ama questo show (sempre meno). Antonella è prorompente, sexy, perfetta. L’unico motivo per continuare a seguire X-Factor. Voto 9+

Davide – ‘Never Be Alone’. Le ultime parole famose: “E’ la serata dance, quella che aspettavo: la mia”, afferma l’ignaro Davide. Vedrai come la sentirai tra un paio d’ore. Canzone stupenderrima e a mio avviso simbolo della rinascita della musica elettronica negli ultimi anni. Fin da quando ho saputo dell’assegnazione mi sono chiesto come avrebbe fatto Davide a cantarla. Ora mi sono tolto il dubbio: Voto: 1

Read More

X-Factor 5 per poveri – seconda puntata rieditata su Cielo

Torna – a grande richiesta – il post su X-Factor per gente indigente. Ricordo anche a chi passa di qua per sbaglio che, volendo e potendo, seguiamo il live della differita in diretta sul Gruppo Bacheca Ammiraglia su Facebook, ogni domenica alle 19. Premessa: ho trovato questa puntata molto pesante.

Claudio – The dog days are over: che scelta snob i Florence & The Machine, quasi quanto i Royksopp la settimana scorsa. Il Team Arisa punta sulla qualità, ma mentre Antonella brilla di luce propria, Claudio si arrabatta come può. Elio attacca col pippone della “credibilità” che sarà il leitmotiv della serata e a me, francamente, fa rimpiangere i bestemmioni della Maionchi. Claudio, vocalmente, mi ricorda TREMENDAMENTE quel Giuliano dei tempi di Claudia Mori, e ciò non è un bene. Voto 5/6

Jessica – Messaggio. La Ventura deve averla spedita dal suo chirurgo estetico di fiducia, stasera è gnocchissima, una specie di Asia Argento però in versione “silver plated”. La diva del noir di questo X-Factor canta un “inno cazzutissmo” (cit.) con svariate imprecisioni; ha una vocalità tradizionale e ampi margini di miglioramento ma ha anche quel “qualcosa” in più rispetto ad altri, e non sto parlando dei denti storti. Elio le dà della giostraia, Morgan della cantante di liscio. Secondo me sarebbe adatta per Marylin Manson. O per cantarlo o per fidanzarcisi. Voto 6 1/2

Davide – Jealous Guy. Morgan lo vuole meno clericale e più “vissuto”: la soluzione per renderlo tale sarebbe una quantità industriale di bastoncini del Capitan Findus con il Capitano annesso. Passeggia sul palco e sale le scale con la sicurezza di un’anziana con l’alluce valgo. Propongo la prossima settimana di farlo cantare dal backstage e inquadrare durante l’esibizione la polvere accumulata sotto la sedia di Tommassini che è più televisivamente gradevole. Vocalmente migliora rispetto alla settimana scorsa ed il brano è più adatto. Voto 5/6

L’rvm che mostra i complotti morgan-venturiani ai danni di Arisa è la dimostrazione di ciò che qui si pensa fin dall’inizio. Arisa è troppo ingenua e poco smaliziata per tener testa all’ipocrisia e alla falsità degli altri tre (settimana scorsa, prima di eliminarla, Simona diceva: “Rahma io comprerei un tuo disco”; questa settimana: “abbiamo sempre parlato male di Rahma fin dai provini”). Elio si esprime poco, e quel poco è una chiosa ancora più fastidiosamente bugiarda e mentitoria (“Le 5 hanno più potenzialità  discografiche”). Le mie simpatie sono tutte per la cantante di “Sincerità” (titolo profetico) in questo momento, mentre gli altri, che ostentano sicurezza da scolaretti saputi nei confronti delle dinamiche dello show, sarebbero tutti e tre da prendere a sberle.

Le 5 – Single Ladies. L’arma per contrastare lo scarso appeal commerciale (e guadagnare i televoti mancati la settimana scorsa) si chiama gigionità a buon mercato, abbinata ad un nuovo look firmato da Luca Tommassini che prevede giubbini in pelle, borchie e make-up da cocktail party stile  inaugurazione di un centro commerciale. Irriconoscibili rispetto all’esibizione corale della settimana scorsa: da gruppo perfetto per i musical di qualità a Spice Girls anzianotte e sovrappeso (uguali alle originali, praticamente). Uno scempio totale, basandosi su questa esibizione la loro eliminazione è più che meritata (peccato, perché all’ultimo scontro, quando sono ritornate nei loro panni erano nettamente superiori all’inqualificabile sfidante Valerio). Voto 4

Francesca – La guerra è finita. Insieme alla guerra, è finita anche la magia della sedicenne col rock nell’anima che ha stupito pubblico e critica. A parte che secondo me, le canzoni dei Baustelle possono cantarle solo i Baustelle (le critiche di Morgan lasciano, francamente, il tempo che trovano), non sono affatto dell’idea che questo tipo di rock decadente sia adatto ad una della sua età (“Sai di cosa parla questa canzone?” afferma Miss Ventura “di suicidio”. Ecco, appunto, ascoltati una buona volta). Voto 5-

Read More

© 2006-2014 - Chissenefrega 2.0 #whocares #zeroodio #tantoammore - Created by Meks. Powered by WordPress.