Tag - Cielo

1
X-Factor 5 – Gli inediti
2
X-Factor 5 per poveri – Sesta puntata (natalizia) su Cielo
3
X-Factor 5 per poveri – quinta puntata su Cielo
4
X-Factor 5 per poveri – quarta puntata su Cielo
5
Masterchef – I tre finalisti
6
X-Factor 5 per poveri – terza puntata su Cielo
7
Masterchef, in attesa della finale

X-Factor 5 – Gli inediti

Cari amici poveri e senza Sky, la mensa della Caritas stasera ci aspetta. Prima però, per festeggiare degnamente, questa fine d’anno ci porta in dono cinque nuove canzoni di cui non si sentiva la necessità: gli inediti dei concorrenti di X-Factor. Questa settimana, causa festività, niente chissenecronaca, ma ci focalizziamo direttamente sui meravigliosi brani scritti da grandissimi e stimatissimi autori della musica italiana. Ne approfitto per farvi gli auguri di buona fine e buon principio; e chissà se almeno una di queste cinque canzoni sopravviverà a capodanno, oppure se saranno tutte gettate dalla finestra insieme alla roba vecchia.

Di L.Mattioni, M.Cianchi e Kaballà “Sarà possibile”. Canta: Nicole

Come è stata presentata dalla Ventura: “inedito dalle sonorità HARD DANCE che potrebbe funzionare in previsione dell’estate”.

Cos’è nella realtà: arrangiamento fatto col Musik Maker 10.1 versione shareware, melodia banale che richiama l’ultima Giorgia (lei, però, non risponde).

Precisazioni: secondo me Nicole ha cantato in playback. Vi invito a rivedere il video dell’esibizione e fare caso a quando sale tra il pubblico.

Giudizio finale: fuori tempo, fuori stagione e soprattutto fuori (finalmente) Nicole dal programma.

 

Di L. Marino “Cuore scoppiato”. Canta: Antonella

Come è stata presentata da Arisa: “E’ stata scritta da un mio caro amico che si chiama Luca Marino ed è una canzone con le palle, un pezzo cazzuto che ha un tiro micidiale”

Cos’è nella realtà: ruffianeria pura nell’arrangiamento che tende ad accalappiare un pubblico fighetto dai gusti british, ma in soldoni pare un pezzo scartato da un album qualunque dei Subsonica. Il ritornello – orrendo – gira sulla rima cuore/amore, e non voglio infierire ulteriormente.

Precisazioni: 1) Arisa: cambia amicizie nonché spacciatore – 2) nel 2010 Luca Marino partecipò a Sanremo tra i giovani e su questo blog commentammo così: “Luca Marino: strappato, per venire a Sanremo, alla fabbrica di pantofole del padre. Un appello alla famiglia: non affrettatevi ad assumere qualcun altro” e “se Luca Argentero mettesse incinta un babbuino nascerebbe uno così”.

Giudizio finale: dai Goldfrapp a Dolcenera senza passare dal via.

Read More

X-Factor 5 per poveri – Sesta puntata (natalizia) su Cielo

Buonasera popolo squattrinato di X-Factor su Cielo e ancora buon Natale. Quello immortalato nella gif animata qui sotto è il momento più interessante della puntata. La Ventura entra in scena e rischia subito di lasciarci giù un femore. Questo avvenimento la renderà più trifolazebedei che mai.

simona ventura cade xfactor

Antonella

The world is not enough (Garbage) – Non so cosa dire, il sogno della mia vita era sentire una canzone dei Garbage a X-Factor e in tutta onestà non pensavo sarebbe mai stato possibile. Ora possiamo anche sopprimere il programma e i quattro giudici di questa edizione con esso (no vabbè, dai, Calimero Arisa la salviamo che mi fa troppa tenerezza). Non ho la lucidità necessaria per giudicare alcunché a causa del doppio carampanesimo che mi affligge (per Antonella e per Shirley Manson), ma invece ho la lucidità necessaria per dire che le eleganti obiezioni della Ventura (“devo mettermi a novanta?”) sono simpatiche come la cacca di cane pestata a piedi nudi un giorno d’agosto quando il comune ha sospeso l’erogazione dell’acqua corrente. Voto 10

Disincanto (Mango) – Concordo con Morgan che non conosce questo “inno della Lucania”: nemmeno io, e avrei preferito continuare a vivere nell’ignoranza. Antonella non c’entra nulla con questa roba sciatta e obsoleta, al primo ascolto mi pare una canzone adatta al più per la messa di mezzanotte. Virtualmente potrebbe essere il suo inedito: mi sento come se mi avessero svegliato tirandomi una secchiata di acqua gelata. Voto 4

Voto medio 7

Francesca

The house of the rising sun (The Animals) – Come look sembra una Adele magra e il rock è senz’altro il suo elemento (il suo “brodo”, secondo Elio). Tutto molto interessante finché rimaniamo nel mondo delle cover di pezzoni storici, ma contestualizzata nella discografia italiana attuale che rock la mettiamo a fare? Quello della pubblicità del Pocket Coffee con Irene Grandi? Voto 7

You shook me all night long (AC/DC) – La Ventura la presenta così: “un rock color metallo pesante, un rock da STADI PENI [ha detto proprio così e lei è una che se ne intende… di stadi, ovviamente], un rock con la canzone simbolo dei grandi EH SI, DISSI“. Francesca è poco convincente, molto meno rock di quanto dovrebbe e anche di quanto millanta di essere. Vocalità fiacca, poca personalità, in certe inquadrature pare Alessandra Amoroso. Voto 4

Voto medio 5,5

Read More

X-Factor 5 per poveri – quinta puntata su Cielo

arisia x factorAlla faccia dell’edizione british, stasera ad X-Factor domina il televoto. Un concorrente verrà eliminato dal pubblico sott’ano e l’altro – come di consueto – dai giudici. Peraltro, se proprio volessimo cercare l’uovo nel pagliaio (cit.), potremmo dire che in questa edizione il televoto è vittima del doping peggio che in Rai. Improbabile, infatti, che ci siano spettatori “occasionali” che si sintonizzano facendo zapping e decidono di televotare, dato il bacino ristretto di utenti di Sky. Pertanto, quelli che votano vedendo il programma sono sempre gli stessi. E la possibilità di esprimere la preferenza gratuitamente anche via internet e con le app per smartphone dà la possibilità di votare a chicchessia anche senza essere davanti al televisore (e quindi senza giudicare il reale merito dei cantanti). Se ne conviene che quest’anno più che mai vincerà il concorrente che dispone del fanclub più forte (al momento sembra essere quello di Nicole con interi comuni radunati al cinema parrocchiale). Io, per la cronaca, voto sempre Antonella a scatola chiusa.

Jessica – Sally. Come interpretazione ci siamo, come intonazione un po’ meno. Non mi colpisce come le altre volte, forse perché il pezzo è davvero stato cantato nei talent show fino allo sfinimento. Morgan prima fa delle allusioni sessuali, poi dice che Jessica potrà diventare la nuova Mia Martini. E’ evidentemente la sua area sudombelicale che parla. Voto 6+

I Moderni – Fuck you. Per la seconda volta  in cinque puntate mi sono piaciuti (meglio che niente). Non fanno dimenticare certi terribili momenti passati, ma l’esibizione di stasera aveva quel nonsoché di divertente, anche per l’irriverente dedica ad andare a quel paese rivolta a Morgan. Quest’ultimo risponde alla provocazione di Elio con un biberon gigante mentre lo stesso Elio fa la parodia castoldiana insultando strumentalmente i concorrenti, quindi salendo sul palco e prendendoli a calci nel sedere: “Come vi permettete? Avete fatto schifo, siete saccenti e arroganti, siete delle merde”. Loro sono sembrati sinceramente scioccati dalla reazione del loro giudice, il momento è stato indubbiamente divertente. L’Elio che vorremmo vedere sempre e che invece si concede con troppa parsimonia. Voto 6 e 1/2

Read More

X-Factor 5 per poveri – quarta puntata su Cielo

x factor 2011Alessandro Cattelan è fin troppo british stasera: apre il programma senza nemmeno un minimo saluto al pubblico, manco fosse Maria de Filippi. Nei primi due minuti di trasmissione riesce senza che nessuno lo corregga a: 1) dire che la finale di X-Factor si terrà il 5 maggio (????) 2) chiamare il cantante dei Maroon Five Davide (scambiandolo forse per Papasidero a cui è appena stato concesso un tanto inutile quanto indegno tributo) e 3) – anatema degli anatemi – pronunciare il cognome del leader dei Maroon Five LEVAIN anziché Levìn. Cattelan perde punti: mettiamogli – non so – un gobbo, un auricolare, un pappagallo parlante sulla spalla che gli faccia da suggeritore. E non vestiamolo di velluto stile cassa da morto, per favore. Peraltro, noto solo ora che batte le palpebre tipo 50.000 volte al minuto. Sarà colpa di Morgan che ha alzato la polvere?

Nicole – Heaven. “E’ un pezzo nuovo di trincia” afferma la Ventura. Ah, pensavo fosse un pezzo nuovo di Emeli Sandé (che poi, comunque, non si direbbe “nuovo di TRINCA” ???? MAH). Pezzo giovane cantato da una giovane, finalmente. Nicole risulta ancora parecchio acerba e carente di personalità. Ma carica di sebo. Voto 6

Vincenzo – Portatemi Dio. Da non ascoltatore di Vasco Rossi, ammetto di non aver mai sentito questa canzone prima d’ora. Il brano sarà anche adeguato, ma mi sembra che si stia trasformando Vincenzo nel nuovo Damiano Fiorella di X-Factor 3. Voto 6 e 1/2

Proprio l’altro giorno invocavo la limonata omosex per Cattelan come avvenuto per il conduttore di X-Factor USA, ma direi che la scena degli scongiuri con grattatine genitali reciproche tra lui e Vincenzo è stata più che sufficiente per farmi inorridire.

Claudio – Mi sei scoppiato dentro al cuore. Arisa dice titoli a caso, nel frattempo Claudio rivela che si sente insicuro perché proviene da un dimagrimento di 50 chili. E per gli altri 50 cosa stiamo aspettando, la dieta Joe Bastianich? La canzone è stata voluta dallo stesso Claudio (al posto dei Nickelback) e francamente gli interrogativi sul perché di tale scelta si sprecano. Arrangiamento popdanzereccio decisamente brutto, di cui Arisa di assume le responsabilità. Elio tenta senza successo di estorcere un outing a Claudio, il quale canta anche decentemente, ma nemmeno stavolta risulta particolarmente entusiasmante. Voto 6+

Read More

Masterchef – I tre finalisti

Sono rimasti in tre dietro i fornelli di Masterchef, il talent show più cool(in-ario) della tv. Trattasi di:

luisa masterchef1) Luisa Cuozzo: già definita la reincarnazione satanica di Marisa Laurito, al suo confronto Lucifero è un allevatore di coccinelle. Antipatica fino al midollo, falsa e ipercritica nei confronti degli altri ma mai di se stessa, eccessivamente sicura di sé e con un vocabolario tutto suo (“Imbuttunata”, “Mo’ penzàvo che s’affòga”) ama follemente i cibi pesanti e fritti (chi l’avrebbe mai detto). La diversamente magra Luisa è una grande STR…atega: il suo livello di perfidia eguaglia quello dei giudici e per questo motivo è la principale candidata alla vittoria. Dalla sua parte lo chef Carlo Cracco con cui durante tutta la stagione si è scambiata occhiate dolci come la pastiera napoletana e col quale vorrebbe finire a fare la frittata su un letto di maionese.

ilenia masterchef2) Ilenia Bazzacco: è la mia personale vincitrice, e non solo per motivi campanilistici (il mio preferito, comunque, era Cosciagrossa Danny, ma me l’hanno eliminato due settimane fa). Ho sempre apprezzato la sua serietà da casalinga e mamma perfetta. Ha anche qualche inaspettato scheletro nell’armadio: il rapporto con il marito non è dei migliori e sta tentando di ricostruirlo; ma non sarà facile se continua a perdersi negli occhi vitrei di Joe Bastianich. Spoiler della finale anticipano che avrà gravissime difficoltà in cucina, ma altri spoiler video/fotografici post reality la ritraggono con un’immagine rinnovata da milfone arricchito, agghindata con gioielli e pellicce. Che abbia vinto lei i 100.000 euro del premio e li abbia già investiti in chirurgia, preziosi e abiti firmati?

Read More

X-Factor 5 per poveri – terza puntata su Cielo

x factor 5 terza puntataX-Factor 5 ha due uniche grandi certezze: la prima è che Alessandro Cattelan si veste molto male (stasera pare un esperimento genetico tra Babbo Natale e Spiderman). La seconda è IL DEGRADO QUALITATIVO dello show. Un degrado talmente rapido che nemmeno lo stracchino dimenticato fuori dal frigo fa così presto a irrancidirsi.

La delusione, relativamente alla piega surreale che ha saputo prendere questo programma nel giro di sole tre settimane, è palpabile. E lo dico da telespettatore di “Serie B”. Fossi uno di quelli paganti, chiederei il rimborso dell’abbonamento a Sky e un panettone all’uvetta come risarcimento morale.

La mia idea è che X-Factor si sta trasformando sempre più in Z-Factor e non è un problema di Rai, di Sky o di budget. E’ un problema di team autorale (sempre lo stesso delle vecchie edizioni e su questo aspetto Morgan non aveva proprio tutti i torti durante il suo agghiacciante delirio finale), di idee antiquate e stagnanti, di ipocrisia galoppante, di gente che giudica senza essere in pace col proprio cervello.

Questo talent ha bisogno di leggerezza televisiva, non di alterchi spazzatura e monologhi farneticanti. Ha bisogno di purezza d’immagine, non delle caricature sceniche di Tommassini. Ha un estremo bisogno di ritrovare la centralità dei concorrenti, ma di concorrenti all’altezza. Questo talent necessita soprattutto di una nuova verginità, che si è rivelata solo illusoria con il passaggio a Sky: propongo che alla fine di ogni edizione i quattro giudici, (più gli autori, più Tommassini) rimettano il mandato e vengano sostituiti da un governo tecnico. E già che ci siamo, cambiamo anche la legge elettorale e facciamo la patrimoniale.

Passiamo al commento delle esibizioni, prima che mi venga la bile. Ah, dimenticavo, la puntata è A TEMA (ecco, mi è venuta la bile). E il tema è la “Disco Dance”, che già non vuol dire niente, ma il cui concetto secondo i giudici è talmente elastico che comprende sia Mick Jagger che Lady Gaga (e ho detto tutto).

Antonella – ‘Strict Machine’. Deve dimostrare di essere una “macchina vibrante del sesso” (cit.) e stasera è chiamata ad esibire tutta la sua femminilità. Il genere è un elettropop che ha passato tutti i test del controllo qualità del Team Arisa e che piace al pubblico che ama questo show (sempre meno). Antonella è prorompente, sexy, perfetta. L’unico motivo per continuare a seguire X-Factor. Voto 9+

Davide – ‘Never Be Alone’. Le ultime parole famose: “E’ la serata dance, quella che aspettavo: la mia”, afferma l’ignaro Davide. Vedrai come la sentirai tra un paio d’ore. Canzone stupenderrima e a mio avviso simbolo della rinascita della musica elettronica negli ultimi anni. Fin da quando ho saputo dell’assegnazione mi sono chiesto come avrebbe fatto Davide a cantarla. Ora mi sono tolto il dubbio: Voto: 1

Read More

Masterchef, in attesa della finale

masterchef italia

Esiste un talent show in grado di coniugare qualità televisiva e reali meriti dei suoi concorrenti? Fino a poche settimane fa no. Il miracolo avviene con l’arrivo di Masterchef Italia e l’apparizione catodica dei tre Re Magi del focolare radicalchic, Carlo Cracco, Bruno Barbieri e il sempre magro Joe Bastianich. Masterchef è senz’ombra di dubbio il cult dell’autunno: produzione di Cielo che nel giro di una manciata di puntate ha quadruplicato gli ascolti dell’esordio guadagnandosi sul campo la medaglia di programma tv più riuscito dell’intero bouquet di canali free del digitale terrestre.

In Masterchef trionfa il merito perché è preregistrato e non vige il televoto; ma anche se fosse in diretta, il telespettatore non avrebbe alcun modo per giudicare in maniera appropriata l’oggetto del contendere. Se nei talent canori o danzerecci il pubblico sovrano è fondamentale per il destino dei concorrenti e può esprimere il suo giudizio anche basandosi solo sul più classico “mi arriva / non mi arriva”, nell’ X-Factor dei cuochi c’è una carenza sensoriale (fino a che non inventeranno la tv in gustorama) che rende il telespettatore impotente, e lo costringe di fatto a fidarsi delle papille gustative dei giudici chiamati a criticare i piatti preparati dagli aspiranti chef.

Read More

© 2006-2014 - Chissenefrega 2.0 #whocares #zeroodio #tantoammore - Created by Meks. Powered by WordPress.