Category - Amici 7

1
Amici di Maria 8 – Prima puntata: i nuovi alunni 2008-2009
2
Marco Carta – Ti rincontrerò
3
Amici in piazza (pace fatta tra Marco Carta e Grazia di Michele)
4
Amici 7: la finale – Vince Marco Carta
5
Amici: Marta Rossi fuori dagli zebedei, le imitazioni di Pasqualino e Susy Sacco di Patate
6
Amici: dramma pasquale in tre atti
7
Sfida Celentano contro Garrison, addio Giulia Gambecorte

Amici di Maria 8 – Prima puntata: i nuovi alunni 2008-2009

LEGGI ANCHE: Amici 8 – Serale – Prima puntata

Non so se la domenica sia peggio un pranzo sociale con i chierichetti per festeggiare il cinquantesimo anniversario di arcipretato del parroco della parrocchia, oppure la prima puntata di Amici di Maria edizione numero otto. Io ho scelto quest’ultima per pura solidarietà a Nostra Signora del Tronismo, dato che stasera vedrà la chiusura anticipata causa flop della sua più recente creatura, il “Ballo delle debuttanti“, vomitus maximum di questo inizio d’autunno televisivo.

La nuova collocazione della domenica pomeriggio non regala grandi novità ad Amici: non la scenografia, legnosa e ormai trapanata dai tarli, non la sigla, interpretata dai reduci più scarsi dell’anno scorso (Roberta Bonanno in versione “che me sò maggnata” compresa), non la commissione (la nuova pettinatura frangettosa di Alessandra Celentano era già nota). La De Filippi disquisisce con Roberta sulla sua ormai sfibrata rivalità con Marco Carta, che viene introdotto dalla conduttrice davvero come una grande star:

Maria: “Adesso Marco canterà un brano del suo nuovo album che non mi ricordo… Chicco tu te lo ricordi?”
Chicco: “No, l’ho sentito alle prove ma non me lo ricordo”
Maria: “Ah, beh… allora facciamo partire la base…”

Anzichè il disco di platino, a Marco Carta viene consegnato il disco di pàttino: cioè mettitelo ai piedi e via, filare, fuori dalle scatole che siamo pronti ad eleggere il nuovo idolo carampano della stagione. Ci sono dei nuovi professori di canto, tipo il maestro Pino Perris Hilton e anche uno nuovo di danza, non ho capito il nome, ma sembra prelevato di peso dal nightclub gay in zona porto commerciale. Questa edizione di Amici ha anche dei banchi in più dove troverà posto la nuova categoria dei cantautori che scrivono le canzoni con gli sms. Ma ecco gli alunni di quest’anno:

Francesco di Nicola, cantante. Fighetto polemico, labbroni scimmieschi, afferma che è colto, bello e intelligente; non sopporta chi ha poca cultura, il qualunquismo, il pressapochismo. E’ nel posto giusto, praticamente. Canta peggio di Federico Angelucci, il che è tutto dire.

Alice Bellagamba, ballerina. Più che “bellagamba”, “gambacorta”. Alta un metro e un tappo, è una teenager molto televisiva: infatti si definisce una ragazza “vera semplice e solare”. Si prevedono lacrime di sangue a causa di Alessandra Celentano che la accusa di avere “il cranio sproporzionato”.

Leonardo Maki Monteiro, ballerino. Maura Paparo dice che se fosse per lei non sarebbe mai entrato perché balla in maniera inquietante. Sembra Lil’ Mama in versione femminile. Leonardo si esibisce in mutande e la Celentano nota che “è più bravo rispetto a Gennaro. E anche più dotato”.

Mario Nunziante, cantautore. Vetunennne geometra, inaugura la nuova categoria. E’ orfano di madre e vive in simbiosi con la fidanzata (che dopo il programma non avrà più). Canta “Domani” di cui ha scritto parole e musica. Qualcosa che si rifiuterebbero di interpretare pesino i Sonohra.

Daniela Stradaioli, ballerina. Trecentoventichili di lardo di Colonnata in olio d’oliva. Dice di sè “io sono l’esempio che il talento può sopperire al difetto fisico”. Almeno l’autoironia non le manca

Alessandra Amoroso, cantante: la nuova Anita Baker secondo Luca Jurman. La nuova Anitra WC secondo me.

Read More

Marco Carta – Ti rincontrerò

Carampane Cartine a rapporto! Vi vedo già schierate, in fila per sei col resto di due, tutte pronte a danzare sulla mattonella questa nuova ballad-rompiballe del vostro beniamino Marco Carta Diva: sulla copertina del suo primo (ed ultimo) disco, vi regala la sua miglior espressione da coniglietto lapin pronto ad essere squartato e trasformato in colletto per un giubbino economico Conbipel. Il brano, invece, di un’inutilità disarmante (non che mi aspettassi nulla di più, comunque), mi si colloca discograficamente a metà strada tra “Gli ostacoli del cuore” di Elisa e il gracchiare di un citofono coi fili scoperti durante una giornata di pioggia.

You need to a flashplayer enabled browser to view this YouTube video

Amici in piazza (pace fatta tra Marco Carta e Grazia di Michele)

Non sapevo che TRL fosse stato promosso su Canale 5. Certo che la Santarelli si è ridotta proprio male: talmente male che ricorda in maniera inquietante la De Filippi.

Update: in questo momento c’è anche Franceso Facchinetti intervistato da Emilio Fede a Sipario del TG4. Cosa mi sono perso? E’ una festività nazionale oggi?

Update 2: Marco Carta non si smentisce mai e si riconferma il re dei mash-up. Parte la base di “Ricordati di me” e lui comincia a cantare “Ogni volta“, venendo deriso da Alessandro Cattelan Chicco Sfondrini. Quanto mi farebbe felice vedere che, oltre ai peluche vinti coi punti del Mulino Bianco e di cui il pubblico vuole disfarsi a causa dell’indefinibile bruttezza, arrivassero sul palco anche un paio di Trudini riempiti di mattoni.

Update 3: di fronte alla coreografia di Susy e Giulia sulle note di “4 Minutes”, Madonna e Justin Timberlake sembrano Carla Fracci e Roberto Bolle. Marco Carta canna attacco e tonalità di “Più bella cosa” e Luca Jurman vorrebbe annegarsi nella fontana di Piazza del Popolo.

Update 4: Marco e Grazia di Michele firmano l’armistizio con un abbraccio dal sapore molto mediatico, come per riabilitare la trasmissione agli occhi dei genitori che hanno accompagnato le carampane ad assistere all’evento. E tutto andò a finire a tarallucci e vino, in vero italian-style.

You need to a flashplayer enabled browser to view this YouTube video

Amici 7: la finale – Vince Marco Carta

Amici di Maria anno settimo, finale del 16 aprile 2008. Sarà una serata lunga. Finchè va in onda la pubblicità, scaldiamo i motori ricordando i bei tempi andati: l’anno scorso Federico “Scaldabagno” Angelucci trionfava, non certo a sorpresa (e non certo meritatamente) sui banchi della Scuola della Musica (nota a latere, il post della finale del 2007 è rimasto nella storia di questo blog per le sue 14.192 visite in venitquattr’ore). Quest’anno il più accreditato alla vittoria è Marco Scartoffia Carta, ma con il regolamento che cambia ogni due minuti come gli exit-poll elettorali, non si può mai sapere. I professori, nel daytime, hanno confessato che vorrebbero veder vincere Pasqualino. Oh, ecco, si comincia. Entra la nostra conduttrice preferita, che mi aspettavo avvolta in un tubino di latex nero, con borchie e frustino nel consueto stile Sadomaria, invece opta per un castigato insieme di spugnette da lavabo cucite in una sartoria pakistana. Sempre nere, comunque.

Prima di cominciare le esibizioni vengono presentati tutti i critici musicali e produttori discografici del Paese, ciò mi fa supporre che ci sia uno dei tre cantanti in odore di vittoria. Ma va? A sostenere/criticare il ballerino c’è Carla Fracci che esordisce con “Sono molto contenta di essere qui con amici”, forse pensa di essere a casa sua davanti ad una pizza. La Fracci bacchetta Anbeta, poiché l’aspettava per un’audizione al Teatro dell’Opera, ma la ballerina non si è presentata, preferendo continuare a lavorare nel porcile televisivo.

La prima sfida vede Francesco Mariottini, ultimo in classifica ed unico ballerino superstite, contro Pasqualino “Paky” Maione. Errevuemme di incoraggiamento di Fiorello e Baldini con Gianluca Guidi sullo sfondo, beccati a tradimento durante la pausa-cicca, una roba triste e raffazzonata quasi come le frasi che compone Marco Carta quando parla.

Tra il pubblico in studio si nota l’Angelucci di cui sopra, seduto in seconda fila, impallato dalla pachidermica Platinette che veste abiti maschili. Quelle strisce che ha sul cranio glabro, e che sembrano un finto tatuaggio, in realtà sono strisce di Bostik per tenere incollata la parrucca che, stasera però, deve aver scordato sull’autobus. Parte il leit-motif Celentano, sulle linee, la tecnica, le caratteristiche fisiche e bla bla bla.

Read More

Amici: Marta Rossi fuori dagli zebedei, le imitazioni di Pasqualino e Susy Sacco di Patate

Amici, serale del 2 aprile. Dopo la sfuriata del giorno di Pasqua, in cui ha dimostrato tutto il peggio che una ventenne armata di telecamera caricata a superbia potesse dimostrare, finalmente, con un televoto a dir poco plebiscitario (a favore della squadra bianca in netta e sacrosanta rimonta) e tutta la commissione contro, Marta Rossi si toglie definitivamente dai cosiddetti. Entrata in sordina a ottobre nella scuola, la bionda coi fusilli in testa non ci ha messo molto a sfoderare quantità industriali di arroganza e boria spacciandole per “sincerità”.

Già definita un “castoro con la parrucca bionda“, una “Mariah Carey intrappolata nel corpo di Christina Aguilera” e un “impasto per pizza coi neuroni di Antonella Elia” siamo certi che non solo non la rimpiangeremo, ma di lei non sentiremo mai più parlare. Probabilmente non sentiremo più parlare nemmeno di Pasqualino, che all’inizio del programma era un po’ la Marta della squadra bianca: altezzoso e polemico fino a quando non è riuscito a trovare la sua ragione di vita, cioè le improbabili imitazioni di Space Vampire Iancu usate come trappola attiravoti, ma che a tratti parevano quasi (ho detto quasi, eh) divertenti. Premio della critica ad Alessandra Celentano che definisce Susy un “sacco di patate” (ammetto, ho riso di fronte alla disarmante perfidia dell’insegnante di danza).

Amici: dramma pasquale in tre atti

Marco Carta Diva fa un apprezzamento pesante sul fondoschiena di Marta la Cornacchia, la quale dà letteralmente di matto ed attacca una interminabile manfrina che la porta sull’orlo di una crisi di nervi. L’isterica piange a secco, minaccia di abbandonare la scuola, le si gonfia la faccia come un pesce palla attaccato da un predatore e urla nelle orecchie dell’invisibile Cassandra scambiandola per un enorme attaccapanni al quale appendere le sue paturnie.

Read More

Sfida Celentano contro Garrison, addio Giulia Gambecorte

Serale di Amici del 19 marzo. Davanti ad un parterre orfano di Nosferatu Iancu e formato dalla sempre presente Platinette Winehouse (tatuata coi pennarelli da lavagnetta, ma fortunatamente vestita) e da una tremenda Oriella Dorella (che in un lapsus defilippiano viene chiamata “Orietta”: Maria deve averla confusa con la Berti, ma – bisogna ammettere – la pettinatura poteva ingannare) si è consumata stasera la madre di tutte le battaglie danzerecce.

La ragazza della via Gluck, Alessandra Celentano (ormai nota solo come “Quella lì”) lancia il guanto di sfida a Confettino Garrison. “Quella lì” entra in scena con il cappello volutamente sugli occhi per impedirsi la visione della Dorella mentre tenta l’impiccagione con le extension di Platinette. Alessandra balla un passo a molti che dovrebbe essere un tango, il cui risultato è più argentiano che argentino, per quanto sembra terrificante. Tra stacchi d’ascella e pestoni sui piedi, la Celentano porta a termine l’opera quasi decorosamente. Ma in tutto ciò il ballerino Francesco dov’era?

Confettino Garrison è pronto al contrattacco e risponde mettendo in scena una coreografia hip-hop ispirata all’artrite. Susy è completamente inadeguata a fargli da partner, mentre Giulia se la cava un po’ più discretamente, ma solo perchè il regista la inquadra poco. Senza fiato e con un paio di ossa rotte, Garrison stramazza al suolo: quest’uomo non è più lui da quando Brian l’ha abbandonato sull’altare.

PS: Attendo video. Grazie Matteo.

You need to a flashplayer enabled browser to view this YouTube video

PS2: Anche stasera Marco Carta frigna, perché perde la sfida di canto con Roberta. E, a sorpresa, lei gli frega anche il primo posto in classifica, tiè! La squadra bianca risulta perdente: l’allieva che anziché esibirsi ha passato tutta la serata a fissare il soffitto fischiettando, sperando di non essere schierata in nessuna prova è Susy. Meriterebbe di uscire lei e invece la scure del televoto si abbatte su Giulia Gambecorte. Un po’ (ma proprio poco, eh) mi dispiace.

© 2006-2014 - Chissenefrega 2.0 #whocares #zeroodio #tantoammore - Created by Meks. Powered by WordPress.