Category - Robe varie

1
Comunicazione di servizio
2
Po po po ? Troppo troppo troppo !
3
Redentore, Venezia in festa
4
Po po roppo po po …po: Altro che Mameli

Comunicazione di servizio

La prossima settimana, il qui presente tenutario del blog, potrà risultare poco presente causa impegni vacanzieri.

Ho preparato, comunque, alcuni post schedulati che dovrebbero autopubblicarsi (ripongo la massima fiducia in questa funzionalità di WordPress, e, in ogni caso è l’occasione ideale per testarla, seppur non mi piaccia molto in quanto preferisco essere “sul pezzo”…)

Voi continuate pure a leggere, a commentare e a segnalare (qui: chissenef[at]gmail.com, sostituendo [at] con @ ovviamente) perchè dal primo di agosto tutto tornerà (più o meno) alla normalità.

Grazie, come sempre, per l’attenzione.

Po po po ? Troppo troppo troppo !

Sono stato uno dei fautori del tormentone “po po po”, visto che ne ho linkato pure il video (ma il post era ironico e spero di avere un’attenuante poiché la canzone l’avevo scoperta già un paio d’anni fa…), però ora mi vedo costretto a fare pubblica ammenda.

Ok: il gioco è bello finchè dura poco. La prossima volta che sento il riff di “Seven Nation Army” io esplodo. Prima però, linko un post di Teledicoio con il quale concordo al 100%. Siamo proprio un popolo di pecoroni.

Redentore, Venezia in festa

Ogni anno, verso la metà di luglio, Venezia si illumina d’immenso. La festa del Redentore è una delle manifestazioni folkloristiche più apprezzate, non solo dai veneziani, ma soprattutto dai turisti (per lo più orientali) allibiti di fronte alla maestosità dello spettacolo pirotecnico che si svolge davanti alla cornice di Piazza San Marco.

Tutti sulla linea di partenza, quindi, con macchinette digitali, telefonini e naso all’insù, pronti per immortalare un altro momento di storia della città lagunare. Io non sono un amante di queste celebrazioni mondane e non ho ancora capito, nella sostanza, cosa ci sia tanto da festeggiare, per giustificare un così grande spreco di denaro pubblico. Però, quando si presenta un’opportunità, è dovere di un blogger serio coglierla, se non per fare un reportage esaustivo, almeno per darne una breve segnalazione.

Read More

Po po roppo po po …po: Altro che Mameli

I “The White Stripes” si staranno rivoltando nella tomba, (uh? come? sono ancora vivi?) sapendo che la loro miglior hit è stata trasformata nel’inno maranza della vittoria italiana ai mondiali di calcio 2006. Il (bel) video della versione originale di “Seven nation army” è qui ed è fornito ovviamente da Youtube. Il brano in questione ha indubbiamente un giro assai accattivante, che probabilmente invoglia a far festa. Mi spiace solo di non poterne fornire una versione remix in “cassa dritta e synth alla gabry ponte” destinata ai dancefloor della domenica pomeriggio, interpretata magari dalla viva voce dei giocatori dalla nazionale featuring la Rana Pazza.

UPDATE:

mi piace soprattutto l’idea che molte delle persone che la cantano non abbiano idea di dove provenga quella musica

facili ironie a parte, scopro solo ora che il singolo dei “The White Stripes” non era mai stato pubblicato in Italia ed uscirà a breve proprio sulla scia del rinnovato successo. Bè, compilmenti.

© 2006-2014 - Chissenefrega 2.0 #whocares #zeroodio #tantoammore - Created by Meks. Powered by WordPress.