Category - Alessia Marcuzzi

1
Bignami del GF 11 (parte 2)
2
Bignami del GF 11 (parte 1)
3
I finalisti del Grande Fratello 10
4
Grande Fratello 10 – Prima puntata – Chissenecronaca live
5
Alessia Marcuzzi fa tendenza
6
No victoria ma vanagloria (and the party is over)
7
La vita continua. Ma ci sta modo e modo

Bignami del GF 11 (parte 2)

Continua da qui l’indispensabile bignami, gentilmente offerto dalla nostra Elena:

pietro guendalina gf 11Ricercando altri elementi interessanti, come non concentrarsi sui due triangoli di questa edizione? Il primo è quello composto da Guendalina, Pietro ed Ilaria. Proviamo a riassumere il tutto in poco spazio, ma sarà dura: Guendalina, romana, simpatica come un riccio ben nascosto sul bagnasciuga, entra nella casa con un ex alle spalle e una figlia seienne a carico. Pietro si avventura oltre la porta rossa con una ragazza che lo attende e si fida di lui: Ilaria. Dopo tipo dieci minuti dall’ingresso, un raggio lobotomizzante annulla i ricordi del ragazzo in merito alla sua storia esterna e le vicende lo portano tra le braccia (e le poppe) di Guendalina. Purtroppo però, Ilaria, istigata da Signorini, decide di alzare la cresta e non di comportarsi come ogni cornuta delle edizioni precedenti. Previo televoto, si infila nella casa spodestando Guendalina dalle ginocchia di Pietro e riprende possesso del territorio andando a tener vivo il rapporto con il suo quasi ex, negli armadi della casa. Ovviamente le due oche si scannano per il galletto, ma chi avrà la meglio nell’aia? Quella con più alleate perché presente lì dentro da più tempo. Ilaria e Pietro ben presto escono di scena e all’unica rimasta di questo triangolo non resta che consolarsi con frasi tipo: “Si renderà conto di che si è perso, io non ho perso niente”. “Che se lo tenga, sono pentitissima e schifata!”. Ora come ora, Guenda passa le giornate a spettegolare e fare scherzi idioti con Margherita. Due zitelle abbandonate che si accudiscono tra loro, manca il bicchierino di Vov e la partita a tresette e lo scenario da ospizio è completo.

Read More

Bignami del GF 11 (parte 1)

L’altra sera ero a cena con amici: si parlava del più e del meno e, con mia grande (ed amara) sorpresa, ho realizzato di essere completamente disinformato sugli interessantissimi avvenimenti di questa edizione del Grande Fratello. Una serie di lacune su cui non mi sono dato pace, tanto che la cena mi è rimasta sullo stomaco. Ho dovuto chiedere ad Elena, l’enciclopedia Treccani del Gieffe, di ragguagliarmi.

spennacchiotto giulianoSiamo a cento. Cento  giorni (circa) di reclusione per alcune rarissime specie di decerebrati italiani. Una sorta di gagliardo zoo dove ogni tanto qualche bestiola abbandona la gabbia ma un nuovo Polipo Paul è già pronto a salire sul piedistallo delle Meteore e sostituire la creaturina uscente.
Nella prima puntata li abbiamo visti entrare colmi di speranze, fieri e ignoranti a sfidare il domani. Di quella seratona c’è da incorniciare la prima apparizione di Giuliano, il Gigolò ribattezzato Spennacchiotto dalla Gialappa’s. Figo come l’ombra di Fonzie, arriva fuori della casa con un casco sulla faccia e l’ormone femminile freme e scalpita. 400,00 € di media per una sera con lui, chissà che manzo ci verrà proposto! E invece appare questo omino anonimo dall’aria saccente e scostante, un uomo che ti ispira un gran desiderio… sì un gran desiderio di vederlo affondare tra le sabbie mobili. Poi apre bocca, si esprime, mostra il suo lato accomodante e quel carattere compagnone… Con uno così non ci uscirei manco se dessero a me 4.000 € perché dopo 10 minuti dei suoi borbottii e delle sue filosofie di vita c’è voglia di aggiungere anche un branco di coccodrilli affamati a contorno delle sabbie mobili. Durante la sua permanenza nella casa riesce a rendersi antipatico e a scannarsi con un sacco di gente e non fa che ripetere che lui vincerà, che ne è certo, che lui è lì per giocare e arrivare alla fine. Gli va bene per dei mesi che il Grande Fratello non lo mette in Nomination ma, alla prima occasione buona, viene detonato e spedito per direttissima a Pomeriggio 5 a telefonare in diretta all’unica donna della sua vita che lo riesce a tollerare: sua mamma. Vogliamo ricordarlo così.

Read More

I finalisti del Grande Fratello 10

Manca una settimana alla conclusione dell’edizione monstre (in tutti i sensi) del Grande Fratello, che ha retto in ascolti e primeggiato in fatto di gossip. Stasera sono stati designati i quattro finalisti che lunedì prossimo si contenderanno il montepremi di 250.000 euro.

Accedono alla finale del Grande Fratello 10

Cristina Pignataro: per non appannare l’immagine della Cristina gnocca senza testa (ma con “tetta”) che partecipò l’anno scorso, nel cast di questa edizione del GF è stata inserita una Cristina decisamente più anonima che omonima. Quattro mesi vissuti come un mero suppellettile, inopportuno mix di cellulite vagante e pettegolismo smodato. Zitella acida che ha puntato tutto sull’ignavia e su qualità caratteriali al limite dell’ameba per raggiungere l’agognata finale e quindi il sogno di riempirsi la saccoccia di euro col minimo sforzo. Voto: scadente tappezzeria da saldi al Bricocenter.

Mauro Marin: il presunto molestatore di aspiranti escort è candidato alla vittoria del reality per essere stato – nel bene o nel male – sempre se stesso, ovvero un goliardico interprete della sessuomania da cinepanettone. Il salumiere trevigiano, una volta uscito dal reality, potrà abbandonare la sua vecchia professione e – approfittando delle affinità fisionomiche – subentrare a Jerry Calà nella peggior commedia all’italiana, oppure firmarne la colonna sonora spacciandosi per Drupi. Voto: se lui è il migliore, figuriamoci gli altri.

Alberto Baiocco: cenerentolo della Casa, ha passato quattro mesi immerso nelle pulizie domestiche. Si rifiutava persino di andare in diretta se il piatto della doccia non era splendente ed il pavimento brillante. Ed è stato proprio quando ha percepito la somiglianza di Mara con il Mocio Vileda che è scoccata la scintilla. Voto: Luisa inizia presto, finisce presto, e di solito non pulisce il water.

Read More

Grande Fratello 10 – Prima puntata – Chissenecronaca live

Premessa: questa (probabilmente unica) Chissenecronaca del Grande Fratello 10 va in onda qui e prosegue eccezionalmente su www.ilgrandefratello.info, blog a tema gestito dalla nostra vecchia conoscenza Zaghel, con la regia di Gioxx. E’ un progetto emergente che, perchennò, il sottoscritto ha deciso di supportare.

Mentre in altre Nazioni il Grande Fratello lo sopprimono, qui da noi Canale 5 ha deciso che saranno i telespettatori che dovranno chedere l’eutanasia se vorranno scampare alla decima edizione del padre di tutti i reality, dalla durata monstre di cinque mesi (pregusto già quello che succederà sotto le feste: a Natale prove tecniche di cinepanettone e la notte di capodanno festini con peti luminescenti al posto dei petardi). Al timone del programma, anche quest’anno, una donna sempre sobria ed elegante, dagli abiti di classe che ne evidenziano il fisico statuario e la voce da antifurto Getronic, ovvero Alfonso Signorini. Poi, c’è anche quell’altra presenza fissa, quella bionda con problemi intestinali e che con Signorini condivide una insana passione per i wurstel di suino.

La scenografia è rinnovata, come anche il make-up di Alessia Marcuzzi che sembra Avril Lavigne vestita con lo stesso sacco nero che quelli di CSI usano per portare via i cadaveri. Alfonso Signorini ha una giacca verde biliardo (però senza stecca e palle). La puntata si apre con un balletto corale sulle note di “Celebration”  eseguito dai sopravvissuti delle nove precedenti edizioni. Che aver scelto una canzone di Madonna indichi che gli autori si aspettano da questa edizione qualche sorta di miracolo?

Primo concorrente ad entrare nella nuova pacchianissima casa: Tullio (detto “Tully – l’amico delle donne” che sembra il titolo di una puntata delle Winx), rappresentante di abbigliamento. Dice di non essere un “femminaro”. E’ “Un misto tra Austin Powers e Arisa” afferma la Marcuzzi (eh, vabbè, se comincia già a fregarmi le battute).

Dentro al confessionale ci sono “tre allegri ragazzi morti” che rispondono al nome di Gianluca, Vittorio e un altro che non ho capito. Mi sembra di intuire che siano tre che hanno partecipato l’anno scorso e che la produzione si è dimenticata di far uscire dalla casa. In questi mesi si sono cibati di scarafaggi, con grande sofferenza perché mangiare dei propri simili non è mai così gradevole.

Seconda concorrente Camila: modella brasilian-napoletana che non fa altro che urlare come se le avessero appena sterminato la famiglia. E’ la riproduzione malriuscita di Belen Rodriguez.

Entra anche Marco, parrucchiere 18enne preso dal pubblico: ha una cravatta fuxia il cui nodo è stato fatto da Alessia Marcuzzi (testuali parole) “quando sono salita in camera tua”. Chiedo che venga aperta un’inchiesta sul caso.

>>> La Chissenecronaca continua eccezionalmente qui <<< (niente panico, sono stato pagato profumatamente affinché voi tutti clicchiate su questo link)

Alessia Marcuzzi fa tendenza

Avete presente il video virale dello scandalo tratto dalla sit-com “Così fan tutte” in cui Alessia Marcuzzi mima una “ironica” (scusate, ma se questa è ironia, adesso vado a scaricarmi la filmografia di Jessica Rizzo per farmi quattro risate) scena di sesso orale con un “wurstellone” (il video è qui, non lo pubblico perché poi chissà cosa dice il Moige. E il mio parroco) che ha fatto prendere la decisione al direttore di Italia Uno di censurare il programma mandandolo in onda in tarda serata? Bene: arrivano dall’America i primi tentativi di emulazione.

Read More

No victoria ma vanagloria (and the party is over)

Causa sopraggiunti limiti di età, sopportazione, assuefazione da programmi tv discretamente realizzati (quali X-Factor o le televendite di cassapanche del 700 su Telemarket) e chi più ne ha più ne metta, ho deciso che scoprirò il vincitore del Grande Fratello 9 domani mattina dopo il caffè, ma prima di aver svuotato l’intestino.

Dopo che le mie orecchie hanno sentito le seguenti tre frasi, ho spento:

“Mi auguro che per il vincitore si possano aprire le porte del cielo” (Alessia Marcuzzi, ore 21.23 mentre i concorrenti maschi infilavano – fischiettando – le mani in tasca)

“Cristina ha un fior di cervello” (Alfonso Signorini, ore 21.34 – poteva dire anche un fiordifragola o un fiore di zucca)

“Ho le emozioni che mi scoppiano” (Cristina del Basso, ore 21.40 – tu chiamale se vuoi “emozioni”, io le chiamerei piuttosto “bocce”)

Il vero vincitore del programma, comunque, è chi è riuscito a seguire questa cloaca maxima di pornografici sbraitii per più di tre mesi. Vi stimo (ma anche no).

La vita continua. Ma ci sta modo e modo

Sarà mica che è stata un po’ fuori luogo, la puntata del Grande Fratello andata in onda questa sera? Slittata ADDIRITTURA di due giorni, non tanto per rispetto del lutto abruzzese, ma per lasciare spazio ad una serata di disarmante pressapochismo giornalistico (lunedì sera tra l’alunno dormiente Alessio Vinci e la maestrina cecata Cesara Buonamici nello speciale Matrix in prima serata era in atto una gara a chi ne imbroccava di meno, mentre le Veline del Governo, Gelmini e Carfagna, presenziavano facendo pura demagogia da campagna elettorale fuori stagione), la terzultima puntata del Reality Show di Canale 5 propone – in un irreale clima di mestizia a cui non crede nessuno, tantomeno i telespettatori – un menù che all’inizio sembra depurato, ma che entro la mezzanotte tornerà ad essere quello caciarone di sempre. “I toni della puntata saranno diversi dal solito” annuncia credibile come un assegno postdatato in apertura la Marcuzzi “Ma bisogna andare avanti e speriamo di portare un po’ di allegria”. Fa specie che tale “allegria” non sia ottenibile privandosi del gossip da pollame in batteria: la notizia che Vanessa si è accoppiata con chiunque all’interno della casa, anche con gli acari della polvere, è talmente importante che deve essere spiattellata ad ogni costo ad una Nazione ferita che – secondo gli autori del GF – strenuamente cerca l’evasione; il climax dei buoni sentimenti raggiunto con la riappacificazione tra l’imprenditore auana-sgnaps Gianluca e l’ormoneggiatore perennemente smutandato Alberto, viene nuovamente messo in discussione, a causa della suddetta libertina Vanessa. E con Siria partono le consuete accuse più o meno urlate: “Tu sei falsa”, “Tu sei vera”, “No, gli acari della polvere dicono che sei falsa”. Toni proprio diversi dal solito, insomma.

Allucinante che non si possa rinunciare a mandare in onda il video del momento di panico di domenica notte, quando, avvertita la scossa di terremoto, i concorrenti sono dovuti scappare fuori dalla casa. Ora: non è che io mi faccia solitamente impressionare da ciò che la televisione nostrana trasmette anche se talvolta mi abbandono allo sdegno di facciata ed al sensazionalismo giusto pour-parler. Non voglio neanche mettere in dubbio l’umano e comprensibile istinto di sopravvivenza, naturale e sacrosanto se la terra ti trema sotto i piedi. Ma presentare al pubblico le immagini – assolutamente trascurabili – dei concorrenti del Grande Fratello che scappano neanche tanto terrorizzati dai letti tremanti, come se avessero realmente corso un qualche reale pericolo (dentro una struttura fatta di cartapesta, peraltro), come a voler legittimare la dorata cattività costruita in un reality a discapito delle tangibili e drammatiche notizie di cronaca, come a volersi vantare del fatto che se il terremoto è stato distintamente percepito anche nella Casa di Cinecittà, significa che “questo è un reality reale, dove si mette in scena la vita vera“, è semplicemente irriguardoso e profanatorio – per non dir di peggio – nei confronti di chi un letto, una casa, una vita, non ce l’ha più.

© 2006-2014 - Chissenefrega 2.0 #whocares #zeroodio #tantoammore - Created by Meks. Powered by WordPress.