Category - Rihanna

1
The real Gaga, the real Britney and the real (?) Rihanna
2
Vota la più stonata (o la peggio vestita)
3
Ma Rihanna dove li trova questi fidanzati, all’Ikea?
4
Rihanna – Russian Roulette (video)
5
Indovina chi?
6
Indovina chi?
7
Il topless di Lady Gaga [VS] il quasi-topless di Rihanna

The real Gaga, the real Britney and the real (?) Rihanna

Sentendo il testo (e anche un certo strano odore), temo che Lady Gaga si sia trasformata in Lady Qualcos’altro. Questa Lady Qualcos’altro, comunque, mi pare più telegenica dell’originale (e anche più youtubegenica e pure un po’ carta igienica).

L’imitatrice più famosa di Youtube, Venetian Princess, nuovamente nei panni di Britney Spears (dopo una mitica interpretazione di “Womanizer”) si augura un mondo libero da Heidi Montag e Spencer Pratt. Come darle torto?

Read More

Vota la più stonata (o la peggio vestita)

Weekend di sfide a colpi di laringite per le due regine del pop. Rihanna in tenuta medievale, canta Russian Roulette a Saturday Night Live: l’inizio è incerto, ma è al primo ritornello che dà il meglio di sè. Forse è un caso, ma quando il video arriva a 0:56, i pastori tedeschi dei vicini incominciano a ululare. Lady Gaga in versione diavolo a basso consumo energetico (avrà preso l’incentivo statale del 55% per farsi un vestito di pannelli solari?) intona – si fa per dire – , da dentro una vasca da bagno, Bad Romance sul palco della semifinale di X-Factor UK. Al primo “ohohohohoooooh” mi si è crepato il vetro della portafinestra (che non è a basso consumo energetico).

Ma Rihanna dove li trova questi fidanzati, all’Ikea?

Oggi esce il nuovo album di Rihanna, Rated R (un lavoro dal grande impatto emotivo e bla bla bla, con inaspettate svolte dark e bla bla bla). La cantante festeggia il lieto evento annunciando al mondo che finalmente ha superato la fase delle violenze di Chris Brown (foto qui sotto) e che ha un nuovo fidanzato.

Ora Rihanna frequenta Tristan Wilds di 90210 (foto dopo il salto). Ehm, ma siamo proprio sicuri che Tristan sia l’uomo giusto per farle scordare definitivamente il suo manesco ex?

Read More

Rihanna – Russian Roulette (video)

Giudizio breve: a parità di effetto thrilling, Russian Roulette sta a Disturbia come L’esorcista sta a Scary Movie.

Giudizio lungo: chi tira i fili del progetto Rihanna non ne sbaglia una dai tempi di “Pon de Replay” (sembra una vita fa, era il 2005): la reginetta barbadegna del pop’n’b si prepara all’ennesimo strike discografico con un lavoro di grande impatto emotivo, il cui singolo di presentazione sta già scalando le classifiche. Forse il nuovo look in stile “Grace Jones VS Predator” non fa impazzire proprio tutti (il sottoscritto in testa), ma è il giusto contraltare alla misurata compostezza delle sue uscite pubbliche (compresa la strumentale intervista record d’ascolti andata in onda sulla ABC in prima serata la scorsa settimana), in barba (degna) a quelle decine di colleghe di serie B perennemente con la bava alla bocca, che vendono un quarto, e che sono alla strenua ricerca di minuscoli ritagli nelle pagine secondarie dei rotocalchi gossipari. Lei, invece, non ostenta mai volgarità gratuite: gli eccessi non sembrano appartenerle, nemmeno quando si è mostrata al mondo – suo malgrado – con il volto tumefatto; Rihanna, il fuoco delle vanità, lo spegne con uno sputacchio. Altre pseudodive, al suo posto, farebbero indigestione di legumi e lo alimenterebbero a suon di emissione di gas corporei.

Si potrebbe tuttavia obiettare che le foto promozionali e le copertine che la ritraggono ultimamente, e che preparano la via all’uscita del suo nuovo album “Rated R” (il 20 novembre), scadano in eccessi bondage un po’ troppo da paginone centrale di “Le Ore Mese”, ma fanno parte di un naturale processo di crescita personale, professionale ed artistica. Rihanna non è una diva “nata fatta” e soprattutto non è passata dallo stadio “lolita” allo stadio “vacca” nel giro di qundici giorni. La Rihanna della maturazione interiore, sonora e d’immagine è una Rihanna moderata quando serve, patinata il giusto, ammiccante, sexy, ma mai grossolana.

Questo nuovo singolo dal pathos crescente fa avanzare Rihanna di un gradino sulla scala darwiniana dell’evoluzione delle popstar. Cupa ma incisiva (per quanto possa esserlo una popsong), Russian Roulette strutturalmente ricicla un’idea già sentita in “Shut up and drive”: lì, però, ci si divertiva; qui, invece, scorre sangue e c’è una truculenta svolta dark che mi lascia un paio di dubbi di fondo. Ovvero (1) quanto sia utile una canzone che inneggia al suicidio in maniera così semplicistica, con un testo da terza elementare e il consueto arrangiamento alla Ne-Yo. E (2) se certe atmosfere tenebrose appartengano realmente alla Nostra, oppure se siano imposte dall’alto, come se il “taglio di vena” fosse una tappa tanto prevedibile quanto obbligata dopo le disavventure del febbraio scorso, solo per poter annunciare l’album che farà uscire nel 2012 come “il più divertente e solare della sua carriera” perché Rihanna, a quel punto, vorrà dimenticare le avversità e ricomiciare una nuova vita (perlomeno prima che il mondo finisca come da profezie Robertogiacobbiane).

Il topless di Lady Gaga [VS] il quasi-topless di Rihanna

In testa anelli di calamaro e poi null’altro (sì, beh, forse delle alghe del mar morto). In molti aspettavano il primo topless ufficiale della icona pop del momento: da oggi, anziché Poker Face, potrà cantare “Poppe” Face.
Non è la sola ad attirare l’attenzione, però, Lady Gaga: Rihanna apre la scollatura e mostra – incollata con la UHU* direttamente sulla pelle – una stella marina tutta tempestata di brillanti, in stile Janet Jackson** ai tempi del “Nipplegate”.

Ok: chi preferite? Dovete schierarvi, ora. Ben consapevoli del fatto che io non vi voglio forzare, ma se pendete dalla parte sbagliata potreste rischiare di essere bannati a vita, per cui fate pure le vostre considerazioni nei commenti secondo coscienza.

* no, cioè, mi è balenato questo flash nella mente: ma anche voi vi spalmavate le mani di UHU (la colla in gel col tubetto di alluminio giallo) quando eravate alle scuole medie (ma anche alle elementari, o alle superiori, o all’università… ne avessi un tubetto sottomano, io me la spalmerei anche adesso, per poi provare il godurioso piacere di togliermela facendo tutte quelle palline appiccicose)? Non ditemi che preferivate la Pritt!

** a proposito, stasera alle 19.00 su Italia 1 va in onda la diretta tv del funerale di Michael Jackson. Che prevedo di seguire, con tutti i necrofili in ascolto, live su Facebook.

Read More

© 2006-2014 - Chissenefrega 2.0 #whocares #zeroodio #tantoammore - Created by Meks. Powered by WordPress.