Category - musica

1
Voleva farsi due risate
2
Rihanna, dalle Barbados con furore
3
The Simpsons
4
Britney in Black
5
Fatboy Slim (is fucking in heaven)
6
Ritorno all’alesaggio
7
Paris Hilton Album

Voleva farsi due risate

Il buon Ema mi segnala una news che non può non passare insosservata. Per questo esiste questo blog.

Intanto devo dire al caro Kevin Popozao che, pur avendo un anno meno di me, sembra mio nonno pescatore subito dopo che è stato operato alla prostata. Giusto per puntualizzare. Poi, se il capolavoro “Popozao” era una bufala per attirare l’attenzione della stampa, non è che il primo singolo ufficiale (“American most hated”, canzone, evidentemente autobiografica) mantenga proprio la bella promessa di “sorprendere tutti e lasciare di stucco”. Anzi. Io lo definirei, e sono anche troppo clemente, puro materiale escrementizio.

Come dici Kev? Volevi solo divertirti? Farti due risate? Bravo, bravo… vedrai come riderai tra qualche mese quando sarai scaricato come un barboncino sull’autostrada, quando i tuoi sogni di gloria si infrangeranno come una cristalleria ad un comizio di Rosa Russo Jervolino. E dovrai ritornare a vivere in una topaia, dovrai andare a lavorare e tirare su i figli che hai fatto sfornare alle povere derelitte che si sono fatte intortare da te.

Allora vedremo chi riderà.

Rihanna, dalle Barbados con furore

http://ultimate-rihanna.com

la la la

la la la

la la la la la Oh … OOOh

Niente, c’è poco da fare… questa Rihanna proprio non riesci a togliertela dalla testa.

Non solo perchè è sufficientemente gnocca da farti sbavare come una lumaca in calore, ma anche, e sembrerà strano, perchè fa delle canzoni che ti fanno letteralmente sbarellare.

Chiariamoci: sono un amante del pop, un po’ oldschool, e non sono di certo un patito di questi generi “urbani” che vanno tanto di moda adesso. Ma Rihanna, la mia Rihanna, fa eccezione. Tralasciando per obsolescenza il tormentone dell’anno scorso “Pon de replay”, pezzo tanto semplice quanto efficace, la nuova teen-idol delle Barbados propone quest’anno la sua sensualissima richiesta di aiuto: S.O.S. (rescue me). Sarà grazie al rifacimento della base su “Tainted love” dei Soft Cell, sarà grazie alle lyrics che sono a dir poco “infettive”, S.O.S. è una canzone che ti si marchia a fuoco nella scatola cranica e non se ne va più fuori, nemmeno con uno shampoo all’acido muriatico. E l’intero album, anche se non sarà memorabile, è decisamente molto ascoltabile e si mantiene piuttosto alto rispetto alla media rasoterra delle produzioni hiphop/rap/rnb americane del momento. Settimane intere in vetta alla Billboard u.s.a. e a tutte le classifiche europee sono un gran traguardo per un nascente astro 18enne, e il successo, a mio dire, se lo merita tutto. Non so se e quando arriverà anche qui da noi il nuovo singolo, Unfaithful. Canzone non certo estiva e che cambia totalmente registro, trasformando la danzereccia Rihanna in una specie di minimalista intimista stile Alicia Keys. Un paio di appunti: si sente che la voce è pesantemente corretta in studio e le lyrics sembrano scritte da un bambino di 3 anni. Ma non è questo l’importante: lei è bella e la melodia è orecchiabile… che cosa volete ancora?

The Simpsons

Visto che oggi è il 4 luglio, quale modo migliore per festeggiare il 230° anno dell’indipendenza degli Stati Uniti d’America, se non con la foto di una gnoccolona bionda in costume a stelle e strisce e un po’ di sano gossip sulla stessa ?
Infatti lei, la più amata dagli americani (ma qui da noi praticamente ancora sconosciuta, nonostante varie comparsate musicàl/cinematografiche), Jessica Simpson, divorzia.

E’ ufficiale.

Tgcom deve ancora capire due o tre cosette, tipo il nome di suo marito oppure che Newlyweds non era un “programma condotto da loro” ma un reality sulla loro felice vita di coppia, ma tant’è. L’importante è sapere che il matrimonio tra i due era talmente tanto felice che, scaduto il contratto con MTV che produceva lo show, hanno addirittura deciso di separarsi e, quindi, divorziare. Nel frattempo la sorella di Jessica, Ashlee, anche lei cantante e anche lei molto amata negli States, ha deciso di andare da un chirurgo plastico a ritoccarsi naso e labbra. Poi ha passato l’indirizzo del dottore alla sua sorella maggiore, pensando amorevolmente che avrebbe avuto bisogno di darsi una sistematina, adesso che è tornata sul mercato. E Jessica ha apprezzato il regalo, visto che ha subito prenotato il tagliando completo e si è fatta ritrarre in copertina su Maxim, dove, tra l’altro, annuncia per il 29 agosto l’uscita del suo primo album post divorzio.

Il singolo di lancio, A Public Affair, circola già in rete (ed è ascoltabile pure sulla homepage del sito ufficiale), anche se l’uscita ufficiale è prevista per il 19 luglio in America. La canzone è molto orecchiabile e probabilmente conquisterà anche l’ Europa. Nulla di originale ovviamente: anche Jessica Simpson sembra stata colpita dalla febbre degli anni 80 e soprattutto dalla Madonnite, visto che il suo nuovo singolo non è nient’altro che un palese taroccamento di “Holiday”, brano storico della regina del pop, con qualche inserto, nella melodia, tratto da “Anticipating” di Britney Spears.

Comunque, se qualcuno vuole cantare, ecco le lyrics in anteprima mondiale…:

Jessica Simpson – A Public Affair

There go the street lights. The night’s officially on
I got the Green light, to do whatever I want
I’m gonna stand outside the box, and put the rules on hold

[PONTE]Tonight, Carte Blanche, 1st class, for the evening
Ready, Set, Go.

[RIT]All the girls’ stepping out for a public affair
All night, let’s rock, cause the party don’t stop
All the cameras, come out, for a public affair
Who cares, let’s rock, cause the party don’t stop

Hey, baby, I see you looking over here, baby
Are you gonna keep looking, or get up and talk to me
Here’s an opportunity, that you don’t wanna miss

[PONTE] [RIT]

Do what you wanna do
Tonight, the world does not exist
No, no, no, no
Move how you wanna move
All my girls work it out, like this
Give me room to shake, shake, shake

[RIT X2]

All night, don’t stop (laughs)
Who cares, let’s rock
All right, don’t stop
Who cares, let’s rock

[RIT…]

Britney in Black

Prima di farsi mora e di farsi fotografare nuovamente incinta, Britney Spears ha dimostrato di aver modestamente migliorato le sue doti di attrice. Nella intervista esclusiva rilasciata al rotocalco della NBC “Dateline” la ex-bionda ex-lolita-del-pop, ha detto di essere una ragazza qualsiasi: giovane e ingenua che si trova tuttauntratto a dover gestirsi con omogeneizzati, pappe e pannolini.

E grazie ad una pausa ad effetto del giornalista compiacente, riesce anche a far uscire le lacrime a comando, quando si lamenta della privacy persa a causa di giornalisti e paparazzi che sono sempre pronti a puntare gli obiettivi su di lei. “Accidents happen!” risponde quando la accusano di essere una cattiva madre. E sono solo cattiverie quando, tramite foto rubate, la si vede guidare col figlio Sean Preston in braccio, oppure quando lo lascia scorrazzare liberamente sul sedile posteriore della sua auto in corsa. O ancora quando fa precipitare il povero bambino dal seggiolone ed è costretta al ricovero in ospedale o quando gli fa rischiare la vita in pieno centro a New York mentre è impegnata a fare shopping. Eh sì, Britney è proprio migliorata come attrice. L’unica cosa su cui non ha convinto molto è stato quando, con la faccia da cane bastonato, ha detto che il suo matrimonio col ridicolo pseudoballerino Kevin “popozao” Federline è un matrimono felice.

Eh no, cara Brit, ti conosco bene io… su quello non mi inganni. Si vede lontano un chilometro che non vedi l’ora di togliertelo dagli zebedei. Che non vedi l’ora di sfornare il secondo pupo, adempiere al tuo contratto prematrimoniale e dargli un bel calcio nel sedere, che peraltro si merita assolutamente. Sai cosa ti dico, Britney ? Tieni duro… sgràvidati e scarica i due figli al padre. Divorzia, rimettiti in forma, riporta la tua chioma al colore originario e torna a vestire la tua uniforme da collegiale. Richiama Max Martin e fagli scrivere per te una hit come “Baby one more time” (oppure andrebbe bene anche “Oops i did it again”) perchè tu da sola a scrivere canzoni non sei proprio capace. Mostra una tetta e una chiappa, fai un po’ di foto glamour, sbarazzati di questa immagine da casalinga disperata che, ormai, non va neanche più di moda, lo dice pure Eva Longoria. E ritorna sulle scene alla grande, come tu sola sai fare. Fagliela vedere (e se vuoi anche toccare) a quelli che ti denigrano gratuitamente. Britney, ti prego, torna quella di un tempo. Questa casa aspiett’a tte.

Ritorno all’alesaggio

Just Jared, il blog più patinato d’oltreoceano, giudica “noioso” il nuovo album di Christina Aguilera e fa notare la somiglianza della copertina con quella del ben più meritevole “Bedtime Stories” di Madonna.

P.S.: chi mi spiega perchè il traduttore di Google traduce la frase “Back to Boring” come “Ritorno all’Alesaggio” ? Ma soprattutto: che caspita vuol dire alesaggio!??!

Paris Hilton Album

Bene, indovinate di chi stiamo parlando…

Cantare è l’ennesima impresa della giovane. Ha fatto un film, ha sfilato, posato per copertine, creato una propria linea di lingerie

Come dite? Potrebbe essere chiunque, peccato che abba già scritto la risposta alla domanda in caratteri cubitali nel titolo del post?? Beh, sì, quella però era ad uso e consumo dell’amico indice di Google.

Comunque non era difficile, dopo che il mio primo post di questo blog è stado dedicato a lei, la Divina, ora sento che la mia missione nella vita sarà quella di seguire passo passo la sua carriera. Sperando che sia breve.

© 2006-2014 - Chissenefrega 2.0 #whocares #zeroodio #tantoammore - Created by Meks. Powered by WordPress.