Category - Morgan

1
X-Factor 3 – Quarta puntata, ospiti i Tokio Hotel. Eliminata Ornella al posto di Ambrasophie (non ho parole), riflessioni su un programma calante
2
X-Factor 3 – Terza puntata. Chissenecronaca live. Claudia Mori se ne va, ma poi ritorna. Eliminati A&K, entra Mario
3
X-Factor 3 – Seconda puntata. Chissenecronaca live e diretta su Facebook! Eliminati gli Horrible Porno Stuntmen
4
X-Factor 3 – Prima puntata. Chissenecronaca live, eliminato Francesco Gramegna
5
Addio per sempre o Simona, adorata cozza tra i nostri limoni. (Non) ti dimenticheremo
6
X-Factor 2 – La finale. Chissenecronaca live – Vince Matteo Becucci
7
X-Factor 2 – tredicesima puntata, Chissenecronaca live – eliminato Daniele Magro

X-Factor 3 – Quarta puntata, ospiti i Tokio Hotel. Eliminata Ornella al posto di Ambrasophie (non ho parole), riflessioni su un programma calante

Per motivi (odonto)tecnici indipendenti dalla mia volontà, ma attribuibili a quel figlio di buona donna del mio dentista (scusate: non sono io, è l’anestesia che parla in questo momento) questa settimana seguiremo X-Factor solo sulla Bacheca Ammiraglia di Chissenefrega in Facebook. Abbiate pietà; la Chissenecronaca qui sul blog per stavolta salta, con grande dispiacere dei “blog tarocchi” che dovranno copiare i loro post da qualcun altro. A proposito, vi ringrazio sentitamente per il supporto dimostrato nell’appassionante caso blog-forense “Csnf VS Bimbominkia anziana”: mi sono arrivati tanti commenti di solidarietà, molti di voi hanno bacchettato l’indebita appropriatrice (giudicata colpevole senza attenuanti) sul luogo del delitto ormai ripulito di ogni prova, ho ricevuto messaggi di sostegno su FB e mail di appoggio da gente che pensavo non mi leggesse più da anni. Vi dico la verità, non me l’aspettavo. E tutto senza interpellare né Gil Grissom, né Santi Licheri.

Tornando a noi: dopo tre puntate e in previsione di ciò che ci aspetta stasera, devo proprio dire che “non mi piace per niente la china che sta prendendo questo programma” (cit). Cantanti anonimi come mai prima d’ora e già convinti di essere star, scelte musicali poco interessanti e autoreferenziali, invasività eccessiva delle coreografie di Luca Tommassini, e poi loro – i tre giudici – in completo corto circuito. Se Mara esagera in empatia (saranno gli squilibri ormonali della menopausa in ritardo?) e Morgan risulta appiattito (ma forse non è colpa sua, la scorsa settimana ha detto testualmente che c’è qualcuno tra gli autori che lo ostacola e gli “rompe le palle”), Claudia Mori in quest’ultima settimana ha deciso di farsi odiare da quella parte d’Italia che ancora riusciva a sopportarla rilasciando a destra e a manca dichiarazioni strumentali in merito a quel “crimine” (o “sgarberia” come l’ha chiamata lei stessa) che l’ha vista protagonista, ovvero l’accostamento della sua figura attuale di balenottera attempata a quella di quando era un giovane crostaceo. La Molleggiated Housewife si è autoproclamata portabandiera di una rivoluzione sessantottina con quarant’anni di ritardo, proprio nel periodo storico che vede le tematiche di sfruttamento dell’immagine (e non solo) femminile all’ordine del giorno, già ampiamente dibattute per il fatto che coinvolgono con modalità alquanto sgradevoli personalità ben più autorevoli di quelle che partecipano ad un programma televisivo d’intrattenimento dove tutto è – peraltro – previsto da copione. Le sfuriate di una Claudia Mori qualsiasi sul degrado di questa società maschilista, sono magari concettualmente corrette (seppur scatenate da una pura carenza personale d’ironia), ma inutilmente ridondanti oltre che inadeguate per modo, tempo e luogo. E non è certo una come lei che può ergersi a paladina del femminismo, dato che riveste il ruolo che riveste non in quanto “donna emancipata” bensì in quanto “moglie di qualcuno“. E a proposito di quel “qualcuno”: tutti chiedono a Claudia Mori quando Adriano Celentano tornerà in tv; speriamo che qualcuno cominci anche a chiedere quando se ne andrà via lei.

Come se non bastasse, la quarta puntata del talent show di Raidue prevede l’ospitata più temibile della storia, un vero evento portasfiga che mina la millantata ricerca di qualità e del pubblico “laterale” di cui finora X-Factor si è sempre fatto vanto, e che potrebbe incrinare una volta per tutte il rapporto di fiducia con i telespettatori rilevati dall’Auditel (che già sono pochi: l’anno scorso il talent teneva testa all’edizione più forte di sempre del Grande Fratello, quest’anno fa risultati deludenti anche in assenza di controprogrammazione). Ma soprattutto potrebbe compromettere il rapporto fiduciario con quell’internet (cioè noi, voi e decine di altri siti, blog, forum e community) che garantisce al programma un battage pubblicitario unico e proveniente dal basso, regalo preziosissimo ma che sempre meno questo talent show sembra degno di meritare. Invitare come ospiti i Tokio Hotel incarna una scelta precisa: quella di un programma prossimo alla canna del gas che ripone tutte le sue speranze di crescita nell’Amicizzazione (in piena controtendenza rispetto all’X-Factorizzazione di Amici) per accalappiare un target giovanilistico troppo sfuggevole. Invitare come ospiti i Tokio Hotel ad X-Factor è come buttarsi a gambe aperte in un roveto, come spalancare le porte di casa durante un’alluvione, come uscire in giardino sperando di abbronzarsi mentre è in atto un’esplosione nucleare. Dopo questa sera Raidue si leccherà le ferite. E ci vorranno chilometri di lingua, quella lingua che finora è stata utilizzata per parlare a vanvera anziché per tentare di costruire uno show come si deve.

X-Factor 3 – Terza puntata. Chissenecronaca live. Claudia Mori se ne va, ma poi ritorna. Eliminati A&K, entra Mario

23 settembre 2009. Gli occhi stasera sono ben aperti e puntati sugli scoop-magna-magna della miracolata Francesca Xefteris, in arte Ambra Sophie degli orrori, che diventa il nostro principale bersaglio nonché la candidata preferenziale ad una rapida ed indolore eliminazione. Le orecchie sono invece precauzionalmente sigillate per evitare la nuova esibizione delle Yavanna. L’anno scorso, prima di cambiare il look ai (pessimi) Farias, trascorsero svariate settimane; il trio di sorelle bucoliche che della famiglia patagonica è la naturale reincarnazione, invece, subisce già alla terza puntata un rinnovamento d’immagine per risultare più facilmente “collocabili”. Via le orecchie a punta e l’aria da maestrine, dunque, nella speranza di entrare nelle grazie del telespettatore medio e sopravvivere alla scure del televoto. La puntata di questa sera sarà “a tema”, ovvero dedicata per scelta della produzione agli anni 80: la selezione delle canzoni affidate ai concorrenti mi sembra scontata come non mai e conoscendo Tommassini prevedo un profluvio di chiome cotonate, paillettes e spalline da rugbysta.

Nel corso della serata ci sarà (di già?) la prima nuova entrata. Claudia Mori e Amadeus (io devo ancora capire cosa ci fa questo qui, non aveva detto che si dava all’ippica?) hanno scelto il nuovo Lady Gago, Morgan un ventenne EMO che porta più rimmel di lui, mentre Mara Maionchi un gruppo superfashion i cui componenti cantano male però si vestono benissimo.

Prima di aprire le danze c’è da registrare la reazione di Simona Ventura sul caso Muse. La conduttrice adesso vuole abbindolarci con una presunta connivenza con la band che risulta ahimé decisamente poco credibile. Supersimo non ha seguito il suggerimento di Tvblog di “dimettersi” (o di presentare pubbliche scuse); anzi, ha preferito ribadire in un’intervista al Corriere della Sera chi è che comanda affidandosi alla faccia di tolla di sempre (“coi Muse era tutto preparato e sono stata al gioco“): sbugiardata su tutti i fronti, non era quantomeno auspicabile un piccolo (ma gradito) passo indietro? Tentare di ribaltare maldestramente l’evidenza deve proprio essere il trend del momento: forse anche la Ventura sta gettando le basi per un futuro in politica.

Si apre il programma e le acconciature dei giudici sono da guinness dei primati (inteso come specie animale): Morgan è pettinato da Mara Maionchi (i parrucchieri hanno preso un abbaglio: la puntata è dedicata agli anni 80, non alle 80enni) e Claudia Mori da Liza Minnelli dopo una sbronza.

Marco: Notorious – Duran Duran
Ho trovato molto convincente il “forrest gump” degli under 25. Ammetto che – nonostante le mie iniziali diffidenze su di lui – mi stupisce di settimana in settimana.
Voto 7

A&K: Survivor – Mike Francis
Un brano di Mike Francis che sembra cantato da Francis il mulo parlante. Terza esibizione posticcia e malriuscita.
Voto 4

Francesca: Nothing compares to you – Sinead O’Connor
Lei canta bene, ma le hanno incollato un lampadario dell’Ikea in testa e la rinchiudono dentro ad una zanzariera (ma perchééééé????). Non bastava un po’ di Autan?
Voto 6 e 1/2

Silver: Vita – Dalla & Morandi
Look da Gianni Morandi che però sembra cento volte più giovane di lui. Pessima interpretazione, cantante pressoché inutile allo show. Rimpiango Jury Magliolo
Voto 2

Luana Biz: Club Tropicana – Wham
Non male, ma si poteva fare pure meglio. Spirito ed interpretazione adeguati, ma la poca confidenza con il palco un po’ li penalizza.
Voto 6/7

Damiano: Bandiera Bianca – Franco Battiato
Musicalmente gli affidano un brano che è pienamente nel suo mondo cantautorale: ma nonostante tutto interpreta in maniera poco sentita e un po’ troppo approssimativa (Mara concorda, Morgan pure). Terrificante lo strip-tease.
Voto 5

Ornella: Non Sono Una Signora – Loredana Bertè
Canzone inadeguata, c’è poco da dire: fatele cantare Nelly Furtado e non truccatela come un viados di periferia.
Voto 3 1/2 di incoraggiamento

Read More

X-Factor 3 – Seconda puntata. Chissenecronaca live e diretta su Facebook! Eliminati gli Horrible Porno Stuntmen

Giornata terrificante questa, e non solo sotto il profilo meteorologico. Non vi dirò che ho la testa pesante come un’anguria e che prima mi sono abbioccato a tavola mentre stavo cenando, per essere svegliato repentinamente da mia madre che urlava verso il televisore la soluzione della “Ghigliottina” dell’ Eredità (era “cintura”, se a qualcuno interessasse). Dunque cosa c’è di meglio stasera se non tapparsi in casa, incatenare le porte, staccare i telefoni e gustarsi la seconda puntata di X-Factor3? Vorrei scrivere molte cose relativamente alla “premiere” della settimana scorsa, ma sintetizzerò dicendo solo che Claudia Mori non ha capito niente dalla vita: basta vedere innanzitutto le canzoni che ha selezionato per i suoi concorrenti (da scappare a gambe levate anche se fuori c’è un nubifragio) e poi questa nuova pettinatura (la “cofana dimessa da Signorina Trinciabue” [© Alessia via FB]).

Durante l’apertura del programma, si disquisisce per venti interminabili minuti sul fatto che la Mori non ha capito niente dalla vita (l’avevo detto, io). Ospiti di stasera i Simple Minds; la gara parte e io ho già un sonno non indifferente.

Sofia: Ma il cielo è sempre più blu (Rino Gaetano)
Faretti sparati in faccia e ventilatore che le scompiglia i capelli: dove ho già visto tutto questo? Da oggi la chiameremo Ambra Sophie Degli Orrori.
Voto 3

Marco: L’Amore si Odia (Noemi)
Marchetta autocelebrativa di Castoldi che fa cantare al suo leccatissimo omonimo la nuova hit della sua pupilla Noemi. Se non è una scelta gigiona questa… Vestito come uno studente modello di Cambridge e con due sopracciglia che sembrano spazzole da spazzacamino, Marco fa una figura discreta.  Sono ancora scettico sul fatto che possa fare strada autonomamente come artista, comunque, tutto sommato se la cava bene, personalizzando il pezzo come se fosse un proprio inedito. Buono anche l’arrangiamento; il lavoro di squadra fatto in settimana, premia.
Voto 6 e 1/2

Luana Biz: Human (The Killers)
Scelta stracommerciale penalizzata dalle scene oscene di Tommassini (una ballerina mostra pure un capezzolo, ce n’è per tutti i gusti quest’anno). Sul palco cadaveri e divani, tutto molto statico e sottotono. Esibizione triste e poco riuscita, a dispetto della canzone molto estiva ed energica.
Voto 6, più per simpatia che per altro.

Damiano: Un senso (Vasco Rossi)
Vabbè: le canzoni di Vasco Rossi sono degne dei peggiori karaoke di periferia, impossibile tirar fuori un minimo di personalità con pezzi del genere. La settimana scorsa era due spanne sopra rispetto a questa sera, e comunque continua a starmi sulle scatole. Ma perché quelli di Raidue non lo spediscono a fare la controfigura di Luca Barbareschi in quella fiction con la Stefanenko?
Voto 5

Silver: Faith (George Michael)
Afferma che se Elvis fosse nato negli anni 80 avrebbe scritto questo pezzo (seduto sul seggiolone, forse?). Il look british anni 60 gli tira su un po’ il voto, ma nell’esibizione è risultato alquanto scialbo.
Voto 5 e 1/2

Yavanna: Teardrop (Massive Attack)
Già definite da qualcuno “le nuove Farias” (o, via FB, le “ragazze ninna-nanna” o ancora “le Yavanzi” e le “figlie di Spock”): come non essere d’accordo. Ai Farias ad un certo punto l’anno scorso tagliarono i capelli, a loro cosa tagliamo? Le false orecchie a punta o direttamente le corde vocali? Stasera distruggono senza pietà il capolavoro dei Massive Attack ed oltre ad avere una voce lagnosa tipo Paola e Chiara investite da un tram, indossano abiti che le fanno sembrar pronte per partecipare al loro stesso funerale.
Voto: -1000

Esito del televoto: Yavanna (meritatamente) candidate all’uscita. Mara è dispiaciuta perché le ritiene “molto particolari e nuove”. Ma perché? Solo per dei pezzi di plastica comprati in cartoleria attaccati alle orecchie? Dopo qualche attimo la Maionchi sbotta in un epico turpiloquio che tra “ca**o”, “mi sono rotta i co***oni” e “vaffanc**o” sfocia in “sono la NONNA SALICE DI QUESTO CA**O” (“Nonna Salice” è un nomignolo affettuoso con cui la chiamano le Yavanna e che probabilmente non potrà più sentire). Mara piange e se ne va, ma poi ritorna. E continua con le parolacce: cercate il video su Youtube perché sarà il video virale che vedrete ovunque nei prossimi giorni, un altro grande momento che andrà ad arricchire la storia trash della televisione.

Read More

X-Factor 3 – Prima puntata. Chissenecronaca live, eliminato Francesco Gramegna

x factor 3La stagione televisiva appena iniziata prevede un turbinìo di talent show. Da Scalo76 Talent (che farà ascolti da monoscopio) a Italy’s Got Talent della (non) premiata ditta Scotti/De Filippi, passando per Academy 2, Amici 9 e chi più ne ha più ne metta. Ma siamo davvero un popolo talmente talentuoso da meritare una così eccessiva celebrazione delle nostre velleità artistiche sul piccolo schermo? Non è che sia solo poca voglia di lavorare? Io alcuni dubbi ce li avrei, considerando che la star del momento è Alessandra Amoroso (un disco in uscita, una colonna sonora per un film “moccioso”, uno show tv con nonno Gianni Morandi), la vincitrice di Amici che può annoverare tra i suoi migliori fan gli iscritti al gruppo  “Quelli che non si lavano mai le orekkie e se ne vantano!” di Facebook.

Comunque, il nostro talent preferito rimane X-Factor, la cui terza edizione parte stasera in modo da anticipare la concorrenza. Come già di certo saprete, la categoria dei giovani under 24 è stata assegnata a Morgan: dato che ha sempre vinto lui il programma, c’è una ottima probabilità che quest’anno la storia si ripeta; peccato che  i suoi vincitori stupiscano durante la gara ma quando si trovano a dover camminare con le loro gambe dimostrino non poche difficoltà. Morgan è un furbo stratega, nonché capace abbattitore delle potenzialità commerciali dei suoi cantanti. I gruppi sono ancora nelle mani di Mara Maionchi, che non ha dimostrato particolare entusiasmo quando le è stata affidata la categoria; infatti, fuoco di paglia dei Bastard Sons of Dioniso a parte (che devono il loro successo per il 90% a Gaudi e per il 10% al fatto che si lavano poco) nella scorsa edizione i gruppi furono un vero disastro (citofonare SOS e Farias).

Questione Claudia Mori: ho già espresso un misto di perplessità e curiosità al riguardo. La “molleggiated housewife” per età paleolitica, larghezza da silos e look anni 60 revisited non mi è mai sembrata la persona giusta per il ruolo di terzo giudice in sostituzione di Simona Ventura. Ai provini (quelle poche volte che c’è andata, ed è una cosa pure fastidiosa perché dimostrare un minimo di rispetto per un ruolo così ambito era quantomerno doveroso) ha interpretato subito la parte della strega cattiva, la megera con la cofana cotonata e gli occhialoni neri da casalinga tenebrosa. La sua perfidia è risultata a volte un po’ gratuita, ma probabilmente si difenderà dicendo che non è realmente lei, che sono gli altri che la dipingono così. E, viste le dimensioni, per dipingerla non ci vuole un pennello grande, ma un grande pennello.

Novità col botto dell’anno è che il vincitore del programma parteciperà di diritto al prossimo Festival di Sanremo di Antonella Clerici, sezione “Big”, nella speranza di replicare l’effetto “Marco Carta”. E la cosa non è propriamente confortante.

Vi aspetto dalle ore 21.05 per seguire live la prima puntata di X-Factor 3 sulla bacheca Facebook di Chissenefrega, ormai nota nella blogosfera anche come “Bacheca Ammiraglia”.

Prima impressione: hanno ingrandito lo studio. Solo per farci stare la Mori, è evidente. Seconda impressione: i capelli di Francesco Facchinetti sembrano un rat-mousquet scuoiato, l’associazione amici della nutria grida vendetta. E non parliamo di come sono (ac)conciati i tre giudici: Morgan ha eliminato il suo ciuffo e ha ceduto i capelli brizzolati a Claudia Mori che sembra Simona Ventura post-mortem. Terza impressione: tutto è come sempre, ma mi mancano le bocce artificiali in bella vista di Supersimo. C’è già uno “scandalo” nell’aria: la cantante (si fa per dire) del gruppo A&K è stata squalificata perché figlia di un dipendente Rai. Lei smentisce dicendo che vuole fare la prova del DNA perché sua madre è Debbie Rowe e probabilmente suo padre è Macaulay Culkin. Vabbè, si comincia. Quest’anno attribuirò ai concorrenti un voto per “simpatia” (visto che mi stanno quasi tutti sui cosiddetti) e uno per la performance, con l’imparzialità che mi contraddistingue (AH-AH! Risata in stile Nelson dei Simpson).

PRIMA MANCHE

Concorrenti Categoria 16/24

Ornella Felicetti
Italoperuviana, ha il look adeguato ed una voce cristallina. A me piace molto, ma forse è un po’ troppo “piatta”; spero che Morgan riesca a regalarle un po’ di “colore artistico”. E anche un bel push-up. Canta “Malo” di Bebe, dato che è di madrelingua spagnola; pare un mix tra Belen Rodriguez e Ambra Angiolini. Confermo che canta bene, ma in maniera piusttosto anonima.
Voto pregiudiziale basato esclusivamente sulla simpatia al sottoscritto: 8
Voto oggettivissimissimo dopo la performance: 6
Media: 7

Marco Mengoni
Quanto vorrei essere lì per prenderlo a sberle. Ho trovato il suo atteggiamento da pettirosso caduto dal nido decisamente irritante fin dalla prima volta che l’ho visto. Prevedo scintillanti scontri con Morgan perché non riusciranno a mettersi d’accordo su chi abbia la priorità sull’uso della lacca. Tra loro nascerà una love story platonica che si concluderà biblicamente nel camerino di Luca Tommassini. Scelta del brano ipergigiona (ah, quanto mi manca la Mona Nazionale!): canta, tutto tremante, “Man in the mirror” del compianto Michael Jackson. Un uomo-ameba.
Voto pregiudiziale basato esclusivamente sulla simpatia al sottoscritto: 1
Voto oggettivissimissimo dopo la performance: 6
Media: 3,5

Concorrenti Categoria Gruppi

Yavanna
Le “fate del bosco”, o le sorelle cattive di Cenerentola, sono un trio bucolico quantomeno originale nell’estetica (si presentano vestite di carta velina e con le orecchie da Dottor Spock). Musicalmente le trovo piuttosto “pataccose“, nel senso che con quella voce – che talvolta raggiunge frequenze da scacciacani – esagerano negli arzigogoli inutili. Cantano “Con te partirò”: una noia mortale, speriamo che partano sul serio e molto presto. Vien quasi da preferire la versione emo-punk della Tim Tribù Band. Per loro cambio eccezionalmente il metodo di giudizio:
Collocabilità discografica: VOTO 0
Collocabilità in un bel film di Rocco Siffredi: VOTO 10 e lode

Media: 5

A&K
Mara e suo marito, ai provini sono letteralmente impazziti per questo duo di teenager smorti (tanto da chiedersi “ma perché loro nascono così e noi no”? Chissà cosa intendevano: malvestiti e con eccesso di sebo cutaneo, forse?) che a me sinceramente non fa impazzire neanche un po’. Lui (“A”) è visibilmente immaturo ma canta discretamente, lei (“K”) ha la presenza scenica di un acaro della polvere e la voce impercettibile di una formica schiacciata con una ciabatta. News dell’ultim’ora e primo scandalo della stagione: lei (“K”) è stata squalificata perché sua madre lavora in rai (sì, ma Damiano degli over 25, allora?). La produzione nella figura della produzione ha pensato di sostituirla con uno scarto qualsiasi scelto a caso tra i 40.000 provinanti, altrettanto afono e di personalità carente. Trattasi di Daniele Vit: insopportabile rapper che ha già inciso album, partecipato a Sanremo e collaborato con Fabri Fibra (siamo a posto: per assurdo si potrebbe sospettare che ci siano più trame losche su di lui che sulla povera formica schiacciata con una ciabatta). A questo punto doveva essere escluso il gruppo in toto e sostituito con un altro, visto che da mesi (anni?) si va blaterando che una delle qualità fondamentali di un gruppo deve essere la coesione dei suoi componenti. Qui ci troviamo di fronte ad un’improvvisazione bella e buona solo per salvaguardare il cantante “A” di cui Mara si è follemente innamorata.
Voto pregiudiziale basato esclusivamente sulla simpatia al sottoscritto: 0
Voto oggettivissimissimo dopo la performance: 4
Media: 2

Read More

Addio per sempre o Simona, adorata cozza tra i nostri limoni. (Non) ti dimenticheremo

La notizia dell’aborto spontaneo di Anna Tatangelo e le dichiarazioni sulla bisessualità di Fergie (‘a Nanda! Rasségnete che ormai nun te se pìja più nisùno!), vengono offuscate in un sol colpo dall’improvvisa breaking news Ansa che certifica l’abbandono di X-Factor da parte di Simona Ventura. Supersimo ammette, in una missiva pubblicata sul suo sito ufficiale, di essere eccessivamente stressata dai tre programmi che la vedono coinvolta. E vuole riposarsi per ricaricare le batterie in vista del debutto dell’Isola per la prima volta in primavera, nel 2010. Ma i maligni malignano malignando che la Ventura si sarebbe stancata di non avere un ruolo da vera protagonista nel talent show di Rai Due, oscurata da Morgan che le fa fare la figura della buzzurra svocabolariata, immagine che tutti sappiamo benissimo NON appartenerle nemmeno di striscio. E’ vero? Ecco. Al via, perciò, le chissene-ipotesi di candidatura sul nuovo giudice che potrebbe affiancare Marco Castoldi e Mara Maionchi a partire dal 14 settembre in X-Factor 3.

Alda d’Eusanio
chi è -> ex zarina della tv di stato, intima amica di Bettino Craxi, colf di Lele Mora, volto di cera e labbra di ciliegia, genio anche troppo compreso del trash catodico.
competenze musicali -> conosce solo “Dalla”. Non è un cantante, ma un consiglio, che trasmetterà coscienziosamente a tutti i  concorrenti che selezionerà.
il suo preferito della scorsa edizione -> Jury perché è un diamante che lei saprebbe sgrezzare come si deve.
perché lei -> l’hanno prima santificata, poi censurata, quindi esiliata e infine riabilitata. Oggi le hanno appena soppresso il programma del pomeriggio (“Ricomincio da qui”) mentre quello in prima serata (“Ricominciare”) è risultato un flop a causa della scarsa fantasia nel titolo. X-Factor rappresenterebbe per lei una nuova meritatissima rinascita professionale.

Read More

X-Factor 2 – La finale. Chissenecronaca live – Vince Matteo Becucci

Cari amici, cari Grant, cari Cooper e cari baldini, eccoci giunti alla tanto attesa puntata finale di X-Factor, il programma televisivo che ha ridato un senso al genere talent show. Dopo anni di vani tentativi della concorrenza di lanciare nuove stelle che fossero credibili sul mercato musicale (e non mi sto riferendo solo ad Amici di Maria, ma anche a Popstar, Superstar e Operazione Trionfo), mamma Rai è riuscita a dare la svolta, con uno show di qualità in cui il talento l’ha sempre fatta da padrone e che è stato in grado – nella passata stagione – di far esordire una Giusy Ferreri che (piaccia o no) per il programma rappresenta il più convincente dei biglietti da visita. X-Factor non ha mai avuto un successo di pubblico plateale, ma ha suscitato l’interesse dei musicofili più appassionati e degli addetti ai lavori. Il talent show con la musica che batte sul due – e che stasera viene meritatamente (e rischiosamente) promosso sull’ammiraglia Rai Uno – potrebbe essere foriero di un’inversione di tendenza anche per il concorrente defilippiano di casa Mediaset che, mai come nelle ultime stagioni, ha conosciuto un degrado totale dal quale non può far altro che risollevarsi.

Riascoltando a freddo gli inediti dei tre finalisti, è difficile azzardare un pronostico su chi vincerà:

Se i The Bastard Sons of Dioniso erano dati per favoriti su Rai Due ed hanno all’attivo un singolo decisamente “di rottura”, probabilmente risulteranno fuori fuoco, rispetto al target anzianotto di Rai Uno (però potrebbero essere votati in massa dagli ultraottantenni a cui esplode l’amplifon). Gli amanti di Al Bano e Iva Zanicchi troveranno sicuramente gradevole il brano di Matteo Becucci, banalità totale – ma ben eseguita – dal tipico italian style da Canzonissima, destinato a scomparire al più presto. Jury resta un’incognita: unisce una certa immatura freschezza compositiva (alquanto ruffiana, però moderna) ad un viso da cane bastonato acchiappatelevoti. Considerato che Rai Uno ha premiato a Sanremo Marco Carta (che del Magliolo è la nemesi), non mi sento di escludere un suo exploit finale.

Termina la puntata di Affari Tuoi con protagonista la sorella illegittima di Pamela Prati (ma non sono riuscito a vedere se e quanto ha vinto poiché impegnato in uno zapping frenetico tra Paperissima e la Littizzetto), parte – dopo quei tre quarti d’ora di pubblicità necessaria affinché terminati i programmi della concorrenza, il pubblico cambi canale – la finalissima di X-Factor. Facchinetti, smokingato per l’occasione, è pettinato con il grasso di foca; la Ventura indossa la maschera da deejay-SuperX, Morgan si è fatto la piastra e Mara Maionchi si è fatta una flebo di Gerovital per passare la nottata. Sono curioso di sapere come faranno a riempire le tre ore abbondanti di programma con nove canzoni di un minuto e mezzo l’una.

Breve riassunto – con filmato dal taglio giovanilistico – delle puntate precedenti per il pubblico dell’ammiraglia che se le è perse e collegamento con le tre localita d’origine dei finalisti: da Livorno, sfugge ad una gangbang la miss Italia in carica Miriam Leone (urla come un’ossessa, vi prego destituitela!); Claudia Andreatti dalla Valsugana sembra strafatta ma forse è solo l’entusiasmo di ricomparire in tv dato che dopo il aver vinto il titolo di bellezza era stata ampiamente dimenticata; Luisa Corna da Brescia è la supporter di Jury (poveretto, non poteva cascare peggio). Bella l’idea dei collegamenti dalle città, fa molto “Linea Verde”, manca solo che ci presentino le ricette regionali e le previsioni del tempo e siamo a posto.

Read More

X-Factor 2 – tredicesima puntata, Chissenecronaca live – eliminato Daniele Magro

Caro gruppo d’ascolto di X-Factor, il miglior talent show della televisione italiana è quasi in dirittura d’arrivo. Dopo la doverosa (e dolorosamente luttuosa) pausa della settimana scorsa, nella penultima puntata in onda stasera, per la prima volta i concorrenti eseguiranno la versione completa dei loro brani inediti, di cui finora abbiamo sentito solo stralci. Ed è su questi che dovremo d’ora in poi concentrare la nostra attenzione, perché è con i pezzi originali che i cantanti, una volta usciti dal loft di via Mecenate, tenteranno di rimanere nelle grazie del pubblico, di arruffianarsi il supporto della radiofonia e quello fondamentale del mercato discografico. iTunes premia costantemente Matteo, i Bastard Sons of Dioniso hanno decine di migliaia di groupies live, Jury è entrato come enfant-prodige ma deve ancora realmente confermare le sue qualità (stanotte ho pure sognato che veniva eliminato) e Daniele ha subìto un tale crollo verticale di simpatia che il solo pensiero che gli possano arrivare in tasca i 300.000 euro del premio finale, mi fa venire i geloni ai piedi.

Nell’attesa che prenda il via questa tredicesima e penultima puntata, vi dò conto del sondaggio lanciato due settimane fa, dove avevo chiesto chi secondo voi avrebbe vinto e così vi siete espressi:

The Bastard Sons of Dioniso 37%
Matteo Becucci 29%
Noemi 15%
Jury Magliolo 14%
Daniele Magro 5%

Direi che concordo. Le mie preferenze per Jury stanno pian piano svanendo, sostituite da una inaspettata stima per gli energici Bastardi trentini. Matteo ha buone chances di vincere, ma ribadisco che lo trovo poco utile per il nostro panorama musicale. Apre la puntata Noemi, l’ultima eliminata, che presenta il suo inedito – Briciole – “già un successo in tutte le radio”, assicura Facchinetti. Io è la prima volta che lo sento, e mi sembra un vestito perfetto per la cantante dalla voce roca scoperta da Morgan (che stasera adotta il look “Lady Oscar”) ed allenata da Andrea Rodini. Mi piace, voto 8

Una emozionata Lucilla Agosti (scambia il conduttore Facchinetti con Morgan) presenzia con una necessaria marchetta per il suo “Italian Academy, la tv che balla” (che non ho visto, ma ho letto critiche positive). Bella e brava anche quando si impappina, voto 10 e lode

Read More

© 2006-2014 - Chissenefrega 2.0 #whocares #zeroodio #tantoammore - Created by Meks. Powered by WordPress.