Category - Hilary Duff

1
Hilary Duff su Maxim (qui ci starebbe bene un’emoticon a forma di cuore)
2
Hilary Duff – Reach Out
3
Hilary Duff – I want to blow you up
4
Lo scorpione entra in vergine
5
Miley Cyrus nuda
6
Crisi d’identità in Google Translator
7
Recuperato il cadavere di Hilary Duff

Hilary Duff su Maxim (qui ci starebbe bene un’emoticon a forma di cuore)

Se c’è una giovane artista su cui non avrei puntato nemmeno una crosta di polenta, quella è Hilary Duff. Le sue quotazioni musicali sono in netto ribasso, la sua carriera di attrice mai realmente decollata. Ma posso dire che, tutto sommato, mi sta simpatica (soprattutto dopo questo servizio fotografico)? Considerato il clima di carestia attuale nel mondo dello spettacolo e di perenne riciclaggio di meteore anziane dal portafoglio avido, anche una aspirante rising-star che non ha mai brillato per grande talento o spiccata personalità, merita il suo momento di gloria. Non foss’altro perché ha sempre dimostrato di ambire ad un serio professionismo, di fare il suo dovere con il massimo dell’impegno richiestole senza rompere mai le scatole a nessuno, senza dover per forza mettersi in mostra in maniera insana o imbarazzante e talvolta superando egregiamente anche i suoi stessi limiti. Una popstar umile si merita una copertina glamour con l’auspicio che possa continuare la sua strada grazie ad un rispettabile senso del dovere. D’altronde in questo contesto non deve né cantare, né ballare, né recitare: è una piacente ventunenne che fa bella mostra di sè, tanto vale prenderla come tale, senza aspettative o preconcetti (e qui ci starebbe bene un’altra emoticon a forma di cuore).

Read More

Hilary Duff – Reach Out

Hilary Duff è un genio del marketing: in cinque anni di carriera musicale ha pubblicato due album di inediti e quattro greatest hits, contenenti le stesse canzoni rimescolate nell’ordinamento e con le copertine via via sempre più glamour. Dopo il flop di Dignity, esce oggi il brano che anticipa l’ennesima raccolta di una cantante che (mi autocito) “pubblica greatest hits senza mai aver fatto le hits”. Si tratta di “Reach Out”, un taroccamento spudorato di Personal Jesus dei Depeche Mode, con sonorità alla Katy Perry e vocalità da ovino al macello.  Che dire, Hilary stavolta l’ha fatta proprio grossa e pure parecchio fuori dal boccale…

Hilary Duff – I want to blow you up

Vista la scena degli scorpioni e questa, direi che non c’è null’altro da segnalare sul nuovo film di Hilary Duff, War Inc. E stendiamo un velo pietoso sulla colonna sonora (ma la stessa cantante ci rassicura sul fatto che le canzoni del film non saranno presenti nel suo prossimo album). La fetenzìa musicale di cui sotto, nelle intenzioni dovrebbe fare l’effetto di una vodka secca, e invece sembra una Vecchia Romagna allungata con lo scolo del lavello. Anche John Cusack, alla fine del video, non sembra gradire particolarmente.

Lo scorpione entra in vergine

Nel suo prossimo film (War Inc), Hilary Duff interpreta una popstar russa dai comportamenti un po’ lascivi. Il lungometraggio è pronto dalla fine del 2006, ma deve ancora essere rilasciato ufficialmente, a causa delle proteste dei gruppi animalisti contro le ripetute violenze a cui degli sventurati scorpioni vengono sottoposti nella pellicola.

You need to a flashplayer enabled browser to view this YouTube video


Miley Cyrus nuda

Miley Cyrus non è particolarmente bella, non è particolarmente brava. Ma è una quindicenne di successo perché, anche grazie al non esemplare padre (il da sempre avido manager e pigmalione Billy Ray Cyrus, già protagonista del telefilm tappabuchi “DOC” dove con i suoi gilet in capretto e i cappelli da cowboy faceva capitolare tutte le infermiere più tamarre del policlinico), è riuscita a strumentalizzare ogni lato oscuro dello showbiz trasformandolo in gossip a suo favore. Miley Cyrus è una di quelle teenager che si farebbero abbordare da qualsiasi sconosciuto fuori dai cancelli dell’istituto tecnico in cambio di MMS e suonerie di Bill Kaulitz. Nella scacchiera Disney, Miley “Hannah Montana” Cyrus rappresenta la pedina che si è mangiata la Hilary Duff di Lizzie Mc Guire, ma che ancora non è riuscita a mettere sotto scacco l’astro nascente Vanessa Hudgens, nonostante i suoi continui tentativi di emularne personalità, comportamenti e scandaletti a sfondo sessuale, l’ultimo dei quali l’ha obbligata a chiedere scusa pubblicamente ai suoi fans, dopo la diffusione in rete di svariate foto private ritenute sconvenienti per una della sua età. E l’affare si ingrossa anche per (de)merito della pubblicazione di alcune fotografie su Vanity Fair di giugno, dove la giovane attrice compare mezza nuda e con un make up che sembra sia appena stata ripescata dal lago d’Iseo dopo un tentativo di annegamento a dicembre. Un grande “buzz” che sembra creato ad arte attorno al suo personaggio, rendendola in breve tempo la più giovane miliardaria di Hollywood. Minni e Topolino prima si indignano e poi gioiscono, e lei, nel frattempo, dall’alto dei suoi quindici anni sta già lavorando alla sua prima autobiografia, corredata di foto esclusivamente caste.

E per riabilitare completamente l’immagine, dopo i peccatucci veniali di cui sopra, Miley è già in tour negli ospedali per incontrare i suoi fans più sfortunati. Se non merita una laurea ad honorem in marketing (anzi in markètting) questa…

Crisi d’identità in Google Translator

Non so se sia un easter egg, oppure un errore imprevisto del dizionario che sta sotto al traduttore di Google. E non so a chi possa interessare ciò, ma è appunto per questo che la notizia merita di comparire su questo blog. Fatto sta che ho appena scoperto questa cosa e ne rivendicherò la paternità quando tutti i blog geekosi dell’universo ne parleranno.

Read More

Recuperato il cadavere di Hilary Duff

Una gita al mare fuori programma e poi il dramma. La sequenza di immagini qui sotto è forte, ma la pubblico solo per dovere di cronaca. Hilary Duff in versione bagnante viene travolta improvvisamente da un cavallone: la giovane popstar si sbraccia, urla, sbraita, ma è sopraffatta dalle onde. In poco tempo beve ettolitri di oceano. I bagnini tentano il tutto per tutto, ma ormai non c’è più nulla da fare.

Read More

© 2006-2014 - Chissenefrega 2.0 #whocares #zeroodio #tantoammore - Created by Meks. Powered by WordPress.