Category - Internet

1
#WIDG – La tv che vorremmo
2
Twit da Bacheca Ammiraglia / 2
3
Twit da Bacheca Ammiraglia / 1
4
Pinterest, prime impressioni
5
Martina Portolano: nuova star del web?
6
Madonna, esibizione al Superbowl 2012
7
Birba, Patty e La Bersagliera: chi scegliere?

#WIDG – La tv che vorremmo

widg

E’  partito, in grande stile e con notevole fermento in rete, il progetto WIDG, acronimo di “Web indice di gradimento”. Lanciato da Tvblog, Cinetivu, Televisionando e altri blog del settore, prevede una settimana di dissertazioni “diffuse” che si svilupperanno sul web, andando a coinvolgere i blog, i forum e i social network (e le loro cerchie di lettori, amici e aficionados) sullo spinoso argomento della qualità televisiva.

Un coraggioso, originale e costruttivo esperimento di discussione partecipativa che parte dal basso per dimostrare che i parametri comunemente utilizzati per valutare una tv che pare incriticabile, che si autotutela e che finisce soltanto per “essere d’accordo con se stessa”  (cit.), forse non sono completamente condivisi dal pubblico, o da una buona fetta di esso.

Dal 27 febbraio al 4 marzo, dunque, anche questo blog insieme agli altri che sono stati coinvolti nell’iniziativa, si aggregherà alla conversazione online e ne terrà monitorato l’andamento. Dato che la televisione è parte del nostro quotidiano, amica e amante, ma anche fonte di indignazione e risentimento, vi giro le due domande esistenziali che tutto il web si porrà durante la settimana ventura (non Simona) e alle quali mi piacerebbe che rispondeste (qui sul blog o in qualsiasi altro social-luogo: Facebook, Twitter, la Bacheca Ammiraglia) in maniera che anche Chissenefrega possa avere un suo punto di partenza dal quale sviluppare poi la discussione:

1) Cos’è per te la qualità in televisione?

2) Qual è la tv che vorresti?

Twit da Bacheca Ammiraglia / 2

Cresce il successo dell’iniziativa di social-umorismo su twitter, spin off della nostra Bacheca Ammiraglia facebookiana. I due più retwittati:

(di Lucia)
Belen indossa la bandiera della città dei minipony #sanremo #bammiraglia

(di Jacopo)
Celeste Gaia dovrebbe abbandonare la musica e dedicarsi al porno, non dovrebbe nemmeno trovarsi uno pseudonimo #sanremo #bammiraglia

 

E gli altri twit pù significativi della serata:

Tutte le canzoni internazionali fighe diventano enormi ciofeche a #Sanremo #bammiraglia

Regia manda un po’ di Gran Soleil, te prego. #sanremo #bammiraglia

Marco Guazzone = Marco Mengoni anziano canta i Coldplay #sanremo #bammiraglia

Il pennellone con la giacchetta paiettata(ma come si scrive?) mi fa simpatia #bammiraglia #Sanremo

non sapevo che Debora Villa fosse in gara tra i giovani #sanremo #bammiraglia

Dai lineamenti, Chiara Civello potrebbe essere la mamma di Gemmadelsud #sanremo #bammiraglia

Read More

Twit da Bacheca Ammiraglia / 1

Ieri sera, per la prima volta nella storia dell’umanità, abbiamo tentato una interconnessione tra due social network, facendo sconfinare Facebook (dove seguiamo il Festival live sulla Bacheca Ammiraglia) dentro a Twitter, dove ho retwittato alcuni dei commenti della serata creando una sorta di “dependance” della Bacheca Ammiraglia.

Questi i due twit di maggior successo:

(di Jacopo)
vi immaginate che meraviglia se sullo sfondo venisse trasmesso il porno amatoriale di belen? #sanremo #bammiraglia

(di Nicola)
La serata è andata talmente bene che domani faranno condurre al capitano Schettino #sanremo #bammiraglia

Non è una appropriazione di contenuti da parte del sottoscritto, bensì una specie di esperimento di humour-sociale in stile Spinoza esclusivamente orientato al Festival di Sanremo. Grazie a tutti quelli che hanno contribuito e grazie a quelli che contribuiranno le prossime sere. Il resto dei twit hashtaggati #bammiraglia dopo il salto.

Read More

Pinterest, prime impressioni

pinterest wishlist

I soliti geek noti dicono che sarà il social network fenomeno del 2012 (nel resto del mondo intendo, eh, che qui abbiamo appena scoperto Twitter e per il momento ci basta). Trattasi di Pinterest, una specie di Twitter visuale meets Groupon dove anziché condividere pensieri stringati, si creano delle liste settoriali di immagini che rappresentano i nostri interessi. Interessi che scopriremo essere comuni a molti altri utenti coi quali, nel nome di queste trovate affinità, potremo socializzare. Con Pinterest è possibile creare delle “wishlist” di oggetti e farseli regalare dai propri amici: a prima vista il social network sfrutta il “culto dell’immagine” per orientarsi altamente al commercio, presentando molti link in uscita che dall’immagine di una credenza in ciliegio ti portano subito al rispettivo negozio online.

Anche per questa sua immediatezza visiva, Pinterest è, al momento, un social network di crescente popolarità tra fotografi ed artisti che possono trovare un naturale spazio per l’esposizione delle loro opere.  Le statistiche dicono che degli oltre quaranta milioni di accessi mensili al sito (attualmente si può diventare membri solo su invito in quanto l’iscrizione non è ancora aperta a tutti) l’80% è effettuato da donne. Non a caso gli argomenti di maggior interesse (anzi, di maggior Pinteresse) riguardano acconciature per capelli, foto di gattini, abiti fashion, ricette, neonati, scarpe, piante e fiori, taglio e cucito. C’è anche una policy molto rigida riguardo alla pubblicazione di contenuti “piccanti”: Pinterest ti avverte fin da subito che non accetta nudità e forse anche per questo il pubblico maschile diffida da questa nuova esperienza sociale (e iscriversi per broccolare non sembra un’idea troppo eccitante, vedendo le suddette foto di crostate, gattini, bambini e lavori all’uncinetto).

Read More

Martina Portolano: nuova star del web?

martina portolano hot

La rete parla di lei da qualche mese, ma la grande popolarità (?) è arrivata di recente. Martina Portolano (e non porta solo quello, direi) è la celebrity 2012 di Youtube. Romana ma cesenate d’adozione, con un fratello iperprotettivo che scandaglia internet alla ricerca di profili fake ed un presunto fidanzato molto geloso, Martina nasce su Netlog, il famoso social network per bimbeminkie di malaffare. Lì pubblica foto di un certo calibro (calibro mign-8) e dei video decisamente pieni di grazia:

Poi trasloca su Youtube ed è la consacrazione: i maschi la riempiono di complimenti per le scene e i costumi, le donne le invidiano le coreografie ed il fisico scultoreo.

A loro, la novella star risponde con un video lucidissimo (dopo il salto) in cui denuncia lo sfruttamento della sua immagine e si scaglia contro chi la critica e si appropria dei suoi contenuti. Martina, oltre a dimostrare grande classe nel danzare, dispone di un ricco e sobrio vocabolario che usa sapientemente declinandolo in poesia. Ad esempio, dal minuto 1:27:

Read More

Madonna, esibizione al Superbowl 2012

Che dire? Un comeback in grande stile: una carriera trentennale riassunta in dodici minuti, raccontata tra nostalgia e modernità con l’ausilio del Cirque Du Soleil, gli LMFAO, Nicki Minaj e tutto il cucuzzaro. Esibizione forse un po’ più classica e tradizionale rispetto a quella ipertecnologica dei Black Eyed Peas l’anno scorso, ma comunque un momento di spettacolo epico (anche per l’età della protagonista) e calcolato al millimetro perché fosse tutto perfetto (playback incluso ma, povera donna, cosa le vogliamo chiedere ancora? Un live attaccata al polmone artificiale?)

Penso proprio che gli oltre cento milioni di telespettatori sintonizzati possano ritenersi più che soddisfatti di ciò che hanno visto, e anche il pubblico allo stadio ha reagito con un calore che non era affatto scontato. Chi dava Madonna per spacciata dopo il flop dell’ultimo album dovrà ricredersi ed arrendersi all’evidenza di quella che sarà una sua ennesima stagione da protagonista (e ben venga, aggiungerei, soprattutto se servirà a disinfestarci dalle varie Gagate…)

ps: è sempre impressionante pensare a quale mastodontica organizzazione ci debba essere dietro uno spettacolo del genere, anche solo per montare in “tempo reale” un palco di tali proporzioni.

Birba, Patty e La Bersagliera: chi scegliere?

Sapete che Google vi osserva e sa tutto di voi? A questo indirizzo potete scoprire come siete visti dagli occhi dei pubblicitari del motore di ricerca. Io, per la cronaca sono fotografato così:

Categorie di interesse:
Acquisti – Abbigliamento
Arti e intrattenimento – Musica e audio – Musica pop
Community online – Hosting e condivisione di file
Viaggi

Dati demografici:
Età: 18-24
Sesso: maschile

Beh, tutto azzeccato, no? (il primo che obietta sull’età lo stronco).

Comunque, se è vero che le pubblicità che compaiono sui siti internet sono più utili di quelle tradizionali in quanto “contestuali” (e pertanto cucite su misura sugli interessi dell’utente), non oso pensare che profilo abbia di me l’agenzia pubblicitaria (non è Google, evidentemente) che mi propone piccanti incontri online con codesti sfiziosi bocconcini a metà strada tra la Granny assatanata e il Camposanto:

 

Read More

© 2006-2014 - Chissenefrega 2.0 #whocares #zeroodio #tantoammore - Created by Meks. Powered by WordPress.


Warning: Unknown: open(/home/content/84/3302084/tmp/sess_fgp0c81seshtc02r48k83nf5h3, O_RDWR) failed: No such file or directory (2) in Unknown on line 0

Warning: Unknown: Failed to write session data (files). Please verify that the current setting of session.save_path is correct () in Unknown on line 0