Category - Curiosità

1
Google getta fango sul sottoscritto! Una campagna mediatica indegna di un Paese civile volta esclusivamente a screditare il buon nome del Chissenefrega blog!
2
Joe le taxi
3
Promemoria: non lavare il pennello con l’acquaragia
4
Ti sei fatto il bidet, tesoro?
5
Nicki (chi?) Minaj
6
Comunicazioni interne
7
Sono influenzato / 1 – Tron: Legacy (Leggasi: Tron)

Google getta fango sul sottoscritto! Una campagna mediatica indegna di un Paese civile volta esclusivamente a screditare il buon nome del Chissenefrega blog!

E’ dal 1994 che ne ho il sospetto, e finalmente i fatti confermano: Google cospira contro il sottoscritto mediante una campagna mediatica veramente indegna di un Paese civile, una vera e propria macchina del fango che non ha precedenti nella storia della Repubblica. Secchiate di menzogne e tonnellate di falsità architettate ad arte per screditare chi blogga onestamente e vuole solo fare il bene della blogosfera! E adesso non tirate fuori il discorso che nel 1994 Google neanche esisteva e i suoi inventori erano ancora all’asilo: è ciò di cui loro stessi vi hanno convinto plagiando le vostre menti sfruttando un monopolio dei media che non ha eguali in nessun’altra democrazia occidentale.

Ma veniamo ai fatti. Mi scrivono un paio d’ore fa gli amici di Google Adsense, fornitore della pubblicità di questo blog (con il quale attualmente si incassa la mirabolante cifra di circa un centesimo di euro alla settimana):

Durante una recente revisione del suo account abbiamo riscontrato che sta pubblicando gli annunci Google in un modo che non è conforme alle norme del programma

VIOLAZIONI TROVATE:

ADULTI/PORNOGRAFIA: Come stabilito dal regolamento del programma, ai publisher AdSense non è consentito pubblicare annunci Google su pagine che trattano contenuti pornografici, tra cui foto o video che contengono immagini di nudo o atti sessuali.

E mi linkano la seguente pagina dove l’orrenda e pornografica violazione del regolamento, dei diritti umani, della dignità della donna (Striscia la Notizia docet e, in questo caso, Google mi pare più retrogrado, viscido e bigotto di Antonio Ricci), del codice civile, penale, della strada e delle regole del Monopoli (Chissene in prigione direttamente e senza passare dal via!) avrebbe avuto luogo. Ovvero un post di due anni fa dove si parla del topless di Lady Gaga e si intravede ADDIRITTURA un Germanotto capezzolo.

Devo dire che sono molto amareggiato. Non tanto dalla suddetta campagna ordita da chi vive nell’invidia e usa la magistratura rossa per fare lotta politica (ehm…), bensì dal fatto che devo pure difendere Lady Gaga che colpe – una volta tanto in vita sua – non ne ha. Lei è solo una ragazza in difficoltà. Pubblicare una sua foto già ampiamente rimbalzata su giornali e siti di ogni centimetro quadrato di terre emerse, soprattutto una foto (ma tu guarda cosa mi tocca scrivere) ARTISTICA dove di pornografia non c’è una mazza e dove si mettono, ironicamente e con lo stile sempre sobrio sobrissimo e soberrimo che contraddistingue questo blog, a confronto due topless di due note popstar, sarebbe ordunque un reato così grave capace di macchiare per sempre l’onorabilità e la candida fedina penale di un blogger che si è sempre distinto per onestà e irreprensibilità e che si è sempre fatto in quattro per aiutare i bisognosi, soprattutto giovani minorenni marocchine indigenti con naturale propensione per il meretricio invitandole nella sua villa di Arc… sto divagando.

Read More

Joe le taxi

Vanessa Paradis, il diastema più bello di Francia (se, vabbè: ‘na volta…). Trentotto anni, compagna di Johnny Depp (che,  preciso, non è quello nella foto qui sotto, o almeno credo, però non escludo che gli effetti collaterali di The Tourist possano essere devastanti). Io, una volta, Vanessa Paradis – non so perché – la scambiavo sempre per Patsy Kensit (che, oggi, scambio a sua volta per Liz Hurley).

vanessa paradis

Read More

Nicki (chi?) Minaj

Le vie della fama sono misteriose come il regolamento di Amici di Maria e io, parlando di nuove popstar,  sono un po’ out of date come un antivirus scaduto. Quindi cerco urgentemente qualcuno che mi illustri la genesi di Nicki Minaj, una che pure Google Trends mi conferma esistere da qualche mese, eppure spunta ovunque, come l’herpes. Dischi, featuring, foto, video, ma… da dove esce? Chi è? Una Lady Gaga abbronzata? E’ parente di Nichi Vendola? E’ lo pseudonimo di Nicole Minetti? Su che tangenziale esercita? Perché ha il corpo a forma di clessidra di Windows inchiodato? Come fa a passare dalla chioma bionda pavonata a una nube di zucchero filato in mezza giornata? Vi prego, qualcuno mi illumini.

nicki_minaj1

Read More

Comunicazioni interne

1) Per non dimenticare. Dai commenti scopro che a questo mondo esistono delle argute carampane di Ambrasophie (che ne sanno più di noi):

A distanza di anni trovo qsto blog sfigato che parla di una mia vecchia conosc. va bene, nn si può piacere a tutti ma i vostri giudizi vanno aldilà del gusto personale..oltre al fatto che dove va angelucci o chi per lui (per quanto a me stia antipatico)sono fatti suoi..e poi te in quella strada che ce facevi???vabbe sorvoliamo….
Punto primo : in arte Francesca si chiama sofia….e nn ambrasophia …”INFORMATEVE”
punto secondo: è l’unica insieme a pochi altri ad essere una vera e propria musicista e naturalmente voi da ignoranti repressi quali siete parlate senza sapere nulla….oltre ad essere la seconda donna ad aver cantato allo stadio san siro e a scrive e interpretare tt le sue canzoni…
punto terzo: L’invidia ragazzi miei fa veramente male…sta di fatto che loro li ci sono …voi li guardate sempre e spendete il vostro tempo a trovare le giuste cattiverie per sembrava alternativi e contro un sistema di cui poracci siete schiavi….trovate qualcosa da fare nella vostra vita vi darà più soddisfazione…invece di brillare sempre e solo dietro il riflesso degli altri…..
Abbiate almeno il coraggio di pubblicare qsto post……o odiate anche essere contraddetti da chi ne sa + di voi???

2) L’ho già scritto altre volte, meglio ribadirlo, soprattutto di questi tempi: non sono responsabile delle pubblicità che compaiono sul blog. Se avete qualcosa da lamentare sugli accostamenti che compaiono negli adsense, prendetevela con Google. Lo dico nel caso dovesse passare su queste pagine la Santanché.

adsense 2011

Sono influenzato / 1 – Tron: Legacy (Leggasi: Tron)

Tron LegacyCiao mondo ho l’influenza (etciù). Prima di avere l’influenza, però, ho visto Tron Legacy. Bello? Brutto? Boiata pazzesca? Ridefinisce il significato del termine “capolavoro”? Non lo so. So solo che mi è piaciuto molto, e più che un seguito mi è parso un remake con il budget e la tecnologia necessari ad un adeguamento di quella che negli anni 80 era solo un’idea innovativa limitata dai mezzi produttivi. Il mondo virtuale rappresentato in Tron Legacy è molto vicino alla mia idea di fantascienza (molto di più, almeno, dell’orto botanico elettronico di Avatar); il 3D è usato in maniera parsimoniosa, non troppo invasiva, e non provoca l’ “effetto mal di mare” (in rete c’è chi si lamenta e si sente truffato: effettivamente metà film andrebbe vista senza occhialini che fanno perdere colore e luminosità, ma il resto è assolutamente appagante pur nelle sue tinte cupe); Jeff Bridges giovane e interamente ricreato al computer è semplicemente spettacolare per la perfezione di dettaglio raggiunta. Giusto in un paio di scene si nota una minima “gommosità” del volto, ma la mimica facciale del modello digitale è nel complesso spaventosamente reale, quasi più reale del Jeff Bridges vero, il cui anziano personaggio è dipinto come un vecchio ultrasaggio talmente zen da risultare quasi stucchevole. La colonna sonora daftpunkiana, che sembrava bella ma non eccelsa se ascoltata a sé, risulta magniloquente accostata alle immagini, studiata per essere funzionale ad ogni singolo fotogramma. La trama è la nota dolente: la “favola ecologista” di Avatar qui è la storia di un bamboccione che diventa adulto dopo aver riscoperto l’amore (sacrificale) del padre. Un po’ pochino, lo ammetto, ma un film del genere non lo si va certo a vedere per l’intreccio cervellotico, bensì per rimanere inebriati dalle sensazioni generate da un lungometraggio di puro entertainment fisico, a metà strada tra la più adrenalinica giostra di Mirabilandia ed una continua stimolazione sensoriale immersi in atmosfere musicali electro-epiche.

© 2006-2014 - Chissenefrega 2.0 #whocares #zeroodio #tantoammore - Created by Meks. Powered by WordPress.


Warning: Unknown: open(/home/content/84/3302084/tmp/sess_ved9uv8noumgkak06k9g4hh0t2, O_RDWR) failed: No such file or directory (2) in Unknown on line 0

Warning: Unknown: Failed to write session data (files). Please verify that the current setting of session.save_path is correct () in Unknown on line 0