#WIDG – Una domenica senza Auditel. E una intervista (esclusiva) con un analista che confessa: “Ho barato”

UPDATE! La redazione di Cinetivu risponde all’analista anonimo qui intervistato, con un sibillino comunicato in dieci punti in cui difende l’iniziativa:

Spettabile redazione di Chissenefrega,
in merito alle dichiarazioni dell’analista pentito tengo a precisare che:

1 I numeri sono tali che qualche persona che bara non inficia i risultati.
2 Abbiamo volutamente arruolato due giurie differenti per incrociare i risultati.
3 I file excel non sono mai stati spediti due giorni prima, per un blackout/guasto tecnico, tanto che pensavamo di ricorrere a dei foglietti.
4 Il suo intervistato non è mai uscito di casa e se l’avesse fatto avrebbe dovuto seguire il programma mentre camminava senza guardare la strada.
5 Se il suo intervistato si fosse addormentato davanti al programma da valutare, sarebbe stata colpa del programma e non della scheda.
6 I membri del panel non potevano avere contatti con l’esterno, ma solo con gli autori dell’iniziativa, interpellandoci in confessionale … ehm … via mail.
7 Gli analisti non hanno ricevuto/non riceveranno la colomba premio per Pasqua, perché non abbiamo voluto drogare l’indice edonico dell’esperienza.
8 Qualora venisse replicata l’esperienza Analisi Qualità Tv eviteremo di far fare maratone televisive ai nostri analisti: a quelle ci pensano già da soli alcuni programmi della prima serata.
9 Riguardo all’attendibilità: WIDG è stato tarato totalmente sul web e conseguentemente le due anime del panel erano lettori di blog e blogger. I risultati vanno letti partendo da questo presupposto. Qualora dovessimo proporre WIDG in un supermercato, interpelleremo cassieri e clienti.
10 Le intimidazioni di Chissenefrega non influiscono sull’indice edonico dei programmi valutati.

Cordialmente
Diego Odello

 

Volge al termine la settimana del web-dibattito sulla qualità televisiva, e si conclude con una giornata di protesta simbolica denominata “Una domenica senza Auditel” (clicca qui per scaricare il manifesto ufficiale in PDF).

widgLascerò ad altri l’onere di tirare le somme sulla riuscita del progetto, per quanto riguarda il sottoscritto è stata un’iniziativa ben sviluppata, in grado di coinvolgere una importante fetta del web e di iniziare una discussione, finalmente, costruttiva. Ovviamente ha pagato lo scotto della giovinezza, ma il progetto #WIDG ha tutte le carte in regola per sfondare in futuro – se verrà, come mi auguro, riproposto – e per non rimanere confinato dentro i recinti di internet. Di certo è stato qualcosa di più interessante dei Teleratti.

Qui, concludiamo con uno SCOOP in esclusiva mondiale, perché l’intelligence di Chissenefrega ha rintracciato in una località segreta uno degli analisti (rigorosamente anonimo) che hanno partecipato all’esperimento di valutazione qualitativa dei programmi tv (analisi pubblicata da CineTivu e Tvblog). E ce ne svela i retroscena. Premettendo che MI DISSOCIO DA TUTTO a prescindere, credo che ricevere una eventuale “critica dall’interno” possa essere un utile stimolo per aggiustare qualcosa e migliorarsi in futuro.

Egregio analista, da dove nasce la sua voglia di entrare a far parte del panel WIDG? E’ un appassionato di televisione o lavora nel settore?

Sono un frequente lettore di alcuni blog che parlano di televisione ed un giorno in uno di questi mi ha incuriosito leggere l’iniziativa di una specie di rilevazione televisiva. Non era specificato nell’articolo cosa c’era da fare di particolare, però mi faceva sentire figo il fatto di essere uno dei valutatori di alcuni programmi televisivi.

So che in molti ambivano ad entrare nel panel: erano richiesti particolari requisiti per entrarvi? Come mai hanno scelto lei, qual è il suo X-Factor?

No, nessuna richiesta particolare, se non guardare dei programmi televisivi (quelli su cui poi il WIDG ha fatto le 4 comparazioni). Non saprei dire perché mi hanno scelto: forse sono stato tra i primi a candidarmi?

Ci spiega esattamente come funzionava la rilevazione?

La mail preliminare arrivata dagli organizzatori di WIDG ci indicava di fornire alcuni semplici dati personali (nome, età, città di provenienza) incluse alcune domande “televisive”, come quali canali preferisco, in che fasce giornaliere guardo più la tv, cosa è per me l’auditel e quali emittenti sperimentano maggiormente. Niente di così strettamente personale, ma è solo per farsi un’idea del panel.

Poi, 1-2 giorni prima della valutazione dei 2 programmi ci arrivava una mail con un file excel dove compilare i propri giudizi. Erano indicate sempre due regole: seguire assolutamente i programmi (nel migliore dei casi uno in diretta e l’altro in differita) e inviare il file compilato entro le ore 12 del giorno successivo alla trasmissione.

Le è capitato di barare o effettuare una rilevazione non veritiera? Era possibile farlo?

Ammetto: ho barato nel momento in cui non avevo voglia di seguire nessuno dei due programmi da valutare, vuoi per noia, vuoi per distrazioni esterne. Comunque i programmi che dovevo giudicare li avevo già presenti visto che spesso li guardo e quindi alla fine ho dato le valutazioni tenendo conto del giudizio maturato nei mesi di visualizzazione.

Se durante la rilevazione avesse dovuto assentarsi per un certo periodo dalla visione, tipo per andare in bagno, cosa succedeva?

Niente: il panel WIDG non è invasivo come quello dell’Auditel perché nessuno aveva i miei più stretti dati di contatto. Per assurdo sarei potuto anche uscire da casa per farmi gli affari miei.

Le è capitato di addormentarsi davanti ad un programma tv che doveva analizzare?

No

E’ sempre stato sobrio e obiettivo durante le valutazioni, anche quando ha dovuto valutare Pomeriggio 5? O in qualche momento ha ceduto alle lusinghe dell’alcol per darsi coraggio?

Tutto sommato sono stato obiettivo con le valutazioni, anche con la non tanto brava Barbara D’urso. E meno male che non si è valutato il programma il 29 febbraio quando a Pom 5 c’è stato lo scontro epico Canzona vs D’Urso-Liguori 🙂

Voi membri del panel potevate avere contatti? Ne conosce qualcun altro oppure siete tutti anonimi?

Io non conosco assolutamente gli altri membri e non c’era possibilità di saperli.

Ha subito pressioni/intimidazioni da parte di qualche blogger (a parte quelle del sottoscritto per ottenere questa intervista)?

Assolutamente no.

L’attività si è svolta a titolo gratuito o è stata retribuita?

Ma che risposta scontata… aspetta che ho un appuntamento con il mio promotore finanziario di fiducia… 😀

Beh, magari a Pasqua le arriva la colomba, chi può dirlo… Cosa secondo lei ha funzionato di più di questa iniziativa e cosa ha funzionato di meno?

Mi è piaciuto che il panel fosse composto da persone volontarie, così per dare l’idea di una rilevazione popolare senza condizionamenti. Non mi è piaciuto il fatto che dovevo inviare i giudizi entro un breve lasso di tempo: solo 12-18 ore di tempo per trovare un programma in differita, soprattutto se di Mediaset, non era ne’ facile ne’ immediato.

Secondo lei questo metodo di valutazione può essere considerato più attendibile rispetto ad altri metodi comunemente usati (Auditel)?

In merito all’elemento dell’iniziativa che non mi è piaciuto penso che sia stato difficile che pure gli altri membri abbiano potuto vedere per intero un programma in differita. Considerando poi che il panel era via web, mi lascia presagire che la larga fetta di valutatori era giovane. Penso inoltre che i valutatori abbiano in maggioranza dei comuni pregiudizi su una persona o un programma. Tenendo conto di tutti questi elementi, direi che questa iniziativa è attendibile quanto l’Auditel: parzialmente inattendibile.

Ritiene che questo sistema di rilevazione sia idoneo a mettere in evidenza la qualità dei programmi tv?

Tutto sommato sì.

Che lei sappia, è previsto un proseguimento o una reiterazione dell’esperimento? Nel caso, parteciperebbe nuovamente?

Non credo che l’esperimento si ripeterà. In tal caso penso di non rifarlo se la condizione sarà quella di inviare i dati nelle consuete 12-18 ore perché non ci riuscirei.

Applichiamo dunque lo stesso metodo per saggiare le sue opinioni relativamente a questa esperienza. Dia un voto da 0 a 9 alle seguenti voci ripensando alla sua settimana da analista:

Partenza (inteso come preparazione e kick off del progetto): 8

Finale (se non fosse ancora finito, faccia una previsione): 5

Emozione: 3

Conduttori (inteso come blog promotori dell’iniziativa): 9

Totalità (giudizio sull’iniziativa tenendo conto di tutti i contenuti sul web): 7

Allegria: 3

Divertimento: 2

Tristezza: 0

Rabbia: 0

Disgusto: 0

Fastidio: 0

Noia: 6

Paura: 0

Coinvolgimento: 5

Sentirsi a casa / senso di accoglienza: Che voto dovrei dare?! Se proprio lo devo dare -10

Interesse: 5

Commozione:  0

About the author

Chissenefrega

© 2006-2014 - Chissenefrega 2.0 #whocares #zeroodio #tantoammore - Created by Meks. Powered by WordPress.