X-Factor 5 per poveri – quarta puntata su Cielo

x factor 2011Alessandro Cattelan è fin troppo british stasera: apre il programma senza nemmeno un minimo saluto al pubblico, manco fosse Maria de Filippi. Nei primi due minuti di trasmissione riesce senza che nessuno lo corregga a: 1) dire che la finale di X-Factor si terrà il 5 maggio (????) 2) chiamare il cantante dei Maroon Five Davide (scambiandolo forse per Papasidero a cui è appena stato concesso un tanto inutile quanto indegno tributo) e 3) – anatema degli anatemi – pronunciare il cognome del leader dei Maroon Five LEVAIN anziché Levìn. Cattelan perde punti: mettiamogli – non so – un gobbo, un auricolare, un pappagallo parlante sulla spalla che gli faccia da suggeritore. E non vestiamolo di velluto stile cassa da morto, per favore. Peraltro, noto solo ora che batte le palpebre tipo 50.000 volte al minuto. Sarà colpa di Morgan che ha alzato la polvere?

Nicole – Heaven. “E’ un pezzo nuovo di trincia” afferma la Ventura. Ah, pensavo fosse un pezzo nuovo di Emeli Sandé (che poi, comunque, non si direbbe “nuovo di TRINCA” ???? MAH). Pezzo giovane cantato da una giovane, finalmente. Nicole risulta ancora parecchio acerba e carente di personalità. Ma carica di sebo. Voto 6

Vincenzo – Portatemi Dio. Da non ascoltatore di Vasco Rossi, ammetto di non aver mai sentito questa canzone prima d’ora. Il brano sarà anche adeguato, ma mi sembra che si stia trasformando Vincenzo nel nuovo Damiano Fiorella di X-Factor 3. Voto 6 e 1/2

Proprio l’altro giorno invocavo la limonata omosex per Cattelan come avvenuto per il conduttore di X-Factor USA, ma direi che la scena degli scongiuri con grattatine genitali reciproche tra lui e Vincenzo è stata più che sufficiente per farmi inorridire.

Claudio – Mi sei scoppiato dentro al cuore. Arisa dice titoli a caso, nel frattempo Claudio rivela che si sente insicuro perché proviene da un dimagrimento di 50 chili. E per gli altri 50 cosa stiamo aspettando, la dieta Joe Bastianich? La canzone è stata voluta dallo stesso Claudio (al posto dei Nickelback) e francamente gli interrogativi sul perché di tale scelta si sprecano. Arrangiamento popdanzereccio decisamente brutto, di cui Arisa di assume le responsabilità. Elio tenta senza successo di estorcere un outing a Claudio, il quale canta anche decentemente, ma nemmeno stavolta risulta particolarmente entusiasmante. Voto 6+

Café Margot – Senza Paura. Secondo il loro caposquadra Elio sono impeccabili, ma hanno avuto uno screzio con la Ventura e – come da copione – la pagheranno cara. Dimostrano ancora una volta di essere delle brave cantanti (direi fin troppo brave per continuare a convivere con la mediocrità di questo show) ma potrebbero cantare anche l’elenco del telefono senza sbavature; look vestaglia e bigodini da stroncare senza appello. Concordo con Morgan che vede penalizzante la scelta di brano e vestiti, adeguati per l’avanspettacolo, Casa Vianello e il gay pride. Voto 6/7

Francesca – Higher Ground. Per Arisa, Francesca è una “Ferrari parcheggiata” e a questo attacco la Mona risponde con un elegante “Arisa non capisce un ca**o”. Dopo l’abito da suora e quello da cruciverbone, stasera Francesca pare pronta per la pennica postprandiale. E’ ritornata ad essere la capace interprete rockettara dei provini: esegue bene ma con una certa banalità latente. Lo fa notare anche Morgan: stasera mi trovo incredibilmente sempre d’accordo con lui. Probabilmente ci riforniamo dallo stesso spacciatore. PS: Ma perché Francesca canta dallo sgabuzzino? Voto 6 e 1/2

I Moderni – Back it up. Una volta tanto non è una canzone urlata e nemmeno da ballare freneticamente, pertanto ciò dovrebbe giovare alla coesione delle voci e le loro qualità dovrebbero uscire in maniera più cristallina. Così, purtroppo, non è: criticarli ormai è come sparare sulla croce rossa. Che orrore i vestiti “a metà”. Voto 5

Jessica – Folle città. Il ciclone Jessica (“ciclone” solo perché in scena Tommassini ha messo una bicicletta gigante) canta la Bertè e non ci poteva essere scelta più adatta. Mi dispiace per i suoi detrattori, ma la personalità e l’incoscienza sono doti che hanno un peso non indifferente nel cocktail Cessica. Un cocktail altamente alcolico da sorseggiare con cautela perché rischia di lasciarti un doloroso cerchio alla testa, lo ammetto, ma a me piacciono le sensazioni forti. Elio obietta delle cose che francamente non afferro; è più odioso di qualsiasi Morgan strafatto stasera. Voto 7

Valerio – Cigarettes and coffee. Mi perplime tutto, dalla canzone, al cantante, al balletto, alla pettinatura stile post esplosione di Fukushima. Voto 2

Morgan mette (in)aspettatamente in scena un nuovo vaniloquio che Arisa battezza “momento di pernacchiosità”. Personalmente condivido la sostanza della stroncatura a Valerio che davvero merita meno di chiunque altro un posto all’interno di questo talent. E’ purtroppo ormai evidente che queste prese di posizione morganiane sono tutt’altro che sincere: l’uso strumentale della sceneggiata contro il suo stesso concorrente sa di già visto (capitò anche con Matteo Becucci che finì per vincere il programma) e ha quel triste retrogusto di “ultima spiaggia” acchiappatelevoti.

Antonella – Mad about you. Antonella è sempre a fuoco, anche se stasera è meno perfetta del solito. Inezie: fossero tutti capaci come lei potrei sopprimere le chissenecronache perché non avrei un cavolo da scrivere. Voto 9-

Escono le Cafè Margot con la scusa “siete brave e già pronte per fare un disco, quindi vi elimino”. Come se le case discografiche del mondo fossero tutte lì ad aspettare loro. Ma lo scopo di questo programma originariamente non era proprio quello di trovare un artista bravo e pronto, a cui far fare un disco?

ps1: Elio ripigliati.

ps2: è stata la puntata finora più moscia della stagione.

About the author

Chissenefrega

© 2006-2014 - Chissenefrega 2.0 #whocares #zeroodio #tantoammore - Created by Meks. Powered by WordPress.