The Cube – La Sfida

the cube teo mammuccariTeo Mammucari ha alternato programmi riusciti (Libero, Distraction, Cultura Moderna) a programmi di cui la televisione italiana avrebbe fatto volentieri a meno (Primo e Ultimo, The Call, Sarabanda). The Cube, interessante novità di questa stagione di Italia Uno, appartiene fortunatamente alla prima categoria: format semplice e lineare, suspense che cresce, fenomenale impianto scenico, montaggio serrato, niente lungaggini o incasinamenti cervellotici. Il grande cubo al centro dello studio, oltre ad essere  il luogo deputato allo svolgimento delle prove che vertono esclusivamente sull’abilità fisica dei concorrenti, riesce anche a contenere quell’atteggiamento di perenne strafottenza nei confronti del prossimo che Mammucari di solito esibisce nei suoi programmi, pensando magari di essere pure irresistibilmente divertente.

In questo caso, non trovandosi al cospetto delle solite sgallettate che affollano comunemente i suoi show tipo Flavia Vento o Carmen di Pietro, Teo è costretto a moderare il suo noto sarcasmo e a incanalarlo verso un appassionato sostegno ai concorrenti. Il fatto che per motivi di budget il game show sia registrato a Londra (peraltro non ho capito perché ci sia la necessità di ribadirlo in trasmissione ogni due secondi, anche con scritte in sovraimpressione), al fine di riutilizzare la scenografia già installata e le costose tecnologie di ripresa, è in realtà un valore aggiunto: sempre per motivi di budget, infatti, anche i concorrenti sono raccattati tra gli italiani residenti a Londra (che ormai numericamente superano i londinesi) e appartengono per lo più alla categoria dei giovani di belle speranze volati oltremanica in cerca di fortuna, gente dalla personalità interessante e dalla innata capacità di mettersi in gioco. Insomma, finalmente un game giovane, dinamico e realizzato con professionalità, non pensato per la solita casalinga italiana coi bigodini in testa che prepara il ragù: promosso su tutta la linea, a patto che la produzione rimanga lì.

About the author

Chissenefrega

© 2006-2014 - Chissenefrega 2.0 #whocares #zeroodio #tantoammore - Created by Meks. Powered by WordPress.