Festival di Sanremo 2010. Quarta serata, chissenecronaca live. Giovani: vince Tony Maiello. Eliminati Fabrizio Moro ed Enrico Ruggeri

Live su Facebook: http://www.facebook.com/chissenefrega

Dopo la devastazione fisica, psichica e sensoriale di ieri sera, direi che la cosa migliore da fare è dimenticare il passato ed immergerci nella visione della quarta serata del Festival, quella dei duetti, ma soprattutto quella in cui verrà proclamato il vincitore di “Sanremo Nuova Generazione” (ovvero uno tra Nina Zilli, Jessica Brando, Tony Maiello e Luca Marino). Gli ospiti della serata sono cuciti su misura per “noi” pubblico gggiovane, infatti vedremo sul palco dell’Ariston i Tokio Hotel (no comment), Bob Sinclair (ma a questo punto perché non Tiesto, oppure Fargetta?) e la “grande diva” Jennifer Lopez, ovvero una che ha fatto due canzoni e due film di successo dieci anni fa, ed oggi sta disperatamente raschiando il fondo del barile.

L’apertura sembra quasi da MTv, con Bob Sinclair alla consolle e i ballerini che fanno alzare e smuovere il granitico pubblico. La Clerici entra in scena vestita da trota d’acqua dolce e fa da spalla ad un comico di Zelig. Facciamo che parte la gara che è meglio.

Malika Ayane / Sabina Brazzo
I volteggi del balletto della scala sottolineano la raffinatezza del pezzo, di grande classe, che cresce intensamente nella parte finale. Aspirante premio della critica, necessita di un paio di ascolti per entrarti in circolo. Voto 8

Simone Cristicchi / Coro Dei Minatori Di S.Fiora
Bella l’idea del coro dei minatori, per i vari significati metaforici che può avere. Avrei preferito, però, un duetto col coautore Frankie Hi Energy (ah, credo di essere l’unico in rete che non ha ancora scritto che gli archi del brano sono prelevati direttamente da Toxic di Britney Spears). Pezzo CON-TA-GIO-SO. Voto 8+

Irene Grandi / Marco Cocci
Marco Cocci: uno dei grandi misteri del nostro spettacolo, proprio come Selvaggia Lucarelli: è sempre in televisione e non capisco mai a far che. A parte questo, grande grinta, la coppia funziona. L’effetto che fa la canzone cantata a due voci, è molto “Baustelle” (ma va?). Voto 7 e 1/2

Irene Fornaciari Feat.Nomadi / Mousse T & Suzie
Mi aspettavo che Mousse T (mai caduto così in basso) facesse il miracolo, risollevando un pezzo deprimente iniettandogli sonorità e vocalità interessanti. E invece “Il mondo piange” è l’unica canzone che rimane una lagna insopportabile anche cantata in inglese. Voto 4

Marco Mengoni / Solis String Quartet
Chi sono sti “Solis”? Parenti di Carlos e Gabrielle? Rimane un 6 politico, nulla più.

Pupo, Filiberto, Canonici / Divas / Marcello Lippi
Un vero scandalo che questo schifo di canzone sia ancora in gara. Prima dell’esibizione, Lippi si lancia in un’inutile arringa in cui parla di mondiali, morti e sentimento nazionale: mah, tutto ciò mi perplime [via FB: siamo ai livelli di intervista Avatar / Risurrezione Nilla pizzi]. La verità è che Pupo conosce benissimo i meccanismi televisivi, perciò sa bene che più tempo occupa il palco con cose inutili, più il televoto lo favorirà. Comunque, chi sono ste Divas? Una versione povera delle Yavanna? Voto: inclassificabile

Dopo la porcheria di cui sopra, la canzone di Jennifer Lopez pare qualcosa di sublime. La Clerici (che la proclama “regina del pop”: ma quando mai!?)  annuncia il singolo “What is love” come un’anteprima mondiale, peccato che su youtube questa canzone sia presente dalla primavera del 2009. Certo che se la Clerici, Elisa, Jennifer Lopez (e Maria Nazionale, mi suggeriscono su FB) si mettessero in fila, i loro deretani occuperebbero tutto il palco dell’Ariston.

Valerio Scanu / Alessandra Amoroso
Già sentita ieri e già rilevata la trasformazione del duo nei nuovi Mietta e Amedeo Minghi (dove Mietta è Valerio Scanu). E’ incredibile, ma la (trottolino) Amoroso apporta parecchio ad un pezzo bruttino. Poi li ho trovati particolarmente rilassati. Voto 5/6

Arisa / Lino Patruno & Jazz Band
L’anno scorso duettò con Lelio Luttazzi e fu un bel momento in stile anni 20; quest’anno Arisa si ricicla l’idea e il momento diventa anni 40. Le sorelle Marinetti disertano, mente lei appare stranamente infighita: passa da Groucho Marx a Charlie Chaplin. Voto 6 e 1/2

Enrico Ruggeri / Decibel
Ruggeri inforca i suoi mitici occhiali con la montatura bianca. Per la serie: siamo uguali a trent’anni fa, tranne i capelli. Sponsor della reunion, il Viagra. Voto 6 (solo per il bel momento revival).

Noemi / Kataklò
Al terzo ascolto l’ho capita, ma forse fa un effetto migliore nella versione radiofonica. Si poteva osare di più, però. Voto 6+

Fabrizio Moro / Jarabe De Palo E Dj Jad
Momento joint in compagnia. Qualcuno c’ha da accendere? Voto 3

Povia / Marco Masini + una inutile bambina
Peccato che la Protezione Civile sia impegnata a far altro (e non parlo di massaggi), perché ritengo che sia l’unico ente preposto per intervenire in questo momento e mettere fine a questo epico scontro tra due terrificanti calamità naturali. “El Nino” incontra l’ “Uragano Katrina”. Via FB: ecco il momento topico della serata…Povia e Masini…..con una bimba che si sdraia lasciva mentre la paranoia avanza. Dopo aver assistito a questo orrore, vado a rifarmi le orecchie con l’ultimo album di Miley Cyrus. Voto: Vaffanculo (inteso come canzone di Masini, eh)

Dopo la pubblicità ritorna Jennifer Lopez con un medley del meglio di tutta la sua carriera. “Durerà 30 secondi, quindi” [via FB]

Al via la finale dei giovani: Jessica Brando ce la fa ad esibirsi prima della mezzanotte. Via FB:

-“E’ poco più di una bimba ma canta come una vecchia”
-“Si è messa una tenda per vestito?! Ma poi sta ferma come una stoccafissa (sono gentile) mentre canta/bela”
-“un sacco di mimica facciale anche, ha una paresi?”
-“vestito molto poco azzeccato!!sembra impietrita piu’che altro”
-“ma è la figlia segreta di Staffelli???”

Tony Maiello (Via FB):
-“Marco se n’è andato e non ritorna piu… la ricorda solo a me?”
-“Nel mio repertorio di musica liturgica ho dei brani che, confrontati a quelli proposti dai giovani di questo Sanremo, sembrano heavy metal”

Luca Marino (Via FB):
-“se Luca Argentero mettesse incinta un babbuino nascerebbe uno così”
-“non infangate il nome e l’immagine di luca argentero!!!!!!! avrebbe un figlio cosi solo se lo facesse con arisa”

Nina Zilli (Via FB):
-“tra tutto il mortorio giovanile proposto, se non vince lei, non so dove andremo a finire..”
-“se non vince lei mi suicido con una overdose di Gran Soleil”
-“Se non vince Nina mangio biscotti al cioccolato made in Antonella finchè non mi viene il culo come quello di J.Lo”

Fine della gara, si attende il verdetto. Nel frattempo c’è un’altra ospite che viene a far marchette del suo nuovo film: la Clerici la definisce “la nuova Romy Schneider” (AHAHAHAHAHAHAH, miglior battuta della serata, Antonella!!!), si tratta di Cristiana Capotondi, che vestirà i panni della principessa Sissi in un remake del noto film degli anni 50. Cristiana Capotondi nei panni della Principessa Sissi è la giusta risposta alla Martina Stella della Freccia Nera.

Attorno a mezzanotte si rifà vivo Bob Sinclair e poi quell’altro di Zelig con i pantaloni zebrati (o “muccati”). La visione che fa scintillare le pupille, però, è Antonella Clerici vestita come la Madonna di Hard Candy, solo che per vestire lei hanno usato molta più stoffa. Il momento è gradevolmente trash, si cerca (per quanto non ci si riesca) di rivitalizzare il pubblico in sala. Antonella finalmente sembra sciogliersi e ritrova la sua originaria verve ed autoironia. Proclamazione del vincitore dei giovani: vince Tony Maiello con “Il linguaggio della resa” (va ora in onda il riscatto di Mara Maionchi). Il momento è frenetico, il  padre di Tony fa irruzione sul palco e viene scambiato da Antonella per il marito di Mara.

Si esibiscono i Tokio Hotel: non dirò niente perché “Fare battute sulla dubbia sessualità di Bill non è divertente. E’ come farne sui vestiti della Clerici” [via FB]

Eliminati definitivamente Fabrizio Moro ed Enrico Ruggeri (tra i fischi del pubblico che protesta contro il trio Pupo/Filiberto/Canonici). La Clerici afferma “il pubblico si divide”, ma a me pare che sia ben compatto nel non voler vedere l’orrido trio in finale. Lo show, comunque, non è stato male: ritmato e coinvolgente (certo, dopo aver visto la serata di ieri, anche una puntata della televendita Giorno&Notte sarebbe stata stimolante). Se non ci fossero stati i responsi del televoto (e i Tokio Hotel), la serata poteva essere giudicata anche QUASI decente.

About the author

Chissenefrega

© 2006-2014 - Chissenefrega 2.0 #whocares #zeroodio #tantoammore - Created by Meks. Powered by WordPress.