La Simona gabbata

Nella sua presentazione, Simona Ventura li definisce testualmente:

il gruppo più eclettico, innovativo e coraggioso della musica inglese

La performance in evidente playback, però, appare alquanto svogliata, cazzara e approssimativa. Supersimo non se ne accorge, anzi, riempie i Muse di complimenti e intervista beatamente il finto cantante che ha simulato il playback (per comprensibile protesta nei confronti della produzione del programma che non ha consentito loro di esibirsi live) senza rendersi conto che in realtà è il batterista. Al “batterista” (che in realtà è il vero cantante e leader della band, Matt Bellamy), peraltro, si fa riferimento più volte nel surreale dialogo tra la Ventura ed il suo interlocutore, ma la conduttrice più distratta e disinformata della tv italiana non batte ciglio e non mostra il benché minimo sospetto dell’avvenuto scambio.

Probabilmente non vedremo più i “The Muse” ospiti in un programma della Ventura, ma almeno l’hanno resa ridicola come pochi altri finora erano riusciti a fare: sono stati davvero eclettici, innovativi, ma soprattutto coraggiosi.

About the author

Chissenefrega

© 2006-2014 - Chissenefrega 2.0 #whocares #zeroodio #tantoammore - Created by Meks. Powered by WordPress.