Popstar sconosciute / 1 – Ilona Europa

Chissenefrega entra da oggi in modalità summer on (anche se il sottoscritto, mentalmente, in quella modalità c’è già da tempo e forse pure d’inverno). Siccome sapete che d’estate muoio un po’(oaoaoaoaoah) e aspetto che ritorni l’illusione di un’estate che non so(aoaoaoaoah), questo blog subirà un discreto (ma fisiologico) rallentamento degli aggiornamenti, proponendo per il mese in corso delle rubriche riempitive, qualche post in replica e cose così, tanto per non lasciarlo diventare un abandonware di periferia durante il periodo agostano. Ad ogni modo, non è ancora ufficialmente chiuso per ferie: se non sono qui, mi trovate di sicuro a bazzicare le zone dell’anguriara di Facebook oppure anche di Twitter. Intanto, nell’attesa di ritemprare le forze azzerate dall’afa e che arrivino i primi freschi settembrini, inauguriamo “Popstar sconosciute”: ovvero alla scoperta delle stelle cadute così rapidamente che non ci siamo nemmeno resi conto che siano passate nell’emisfero boreale della discografia. Si comincia con Ilona Europa, the Sony’s House Disco Diva.

Patetica babbiona californiana ultracinquantenne convinta di essere una mega-strappona. In patria non se la filava nessuno, perciò ha furbescamente cercato successo (ma il successo è stato più furbo di lei, infatti non si è fatto trovare) nel Vecchio Continente inserendo “Europa” nel suo nome d’arte. E’ un po’ la gemella ipersfigata di Fergie, la copia a stelle e strisce di Ana Bettz, come se quella in tricolore non fosse già più che sufficiente. Sul suo sito ufficiale, Ilona Europa si definisce molto modestamente un mix di Abba, Coldplay, Enya e Cher; si vanta che uno sponsor le ha richiesto 20.000 copie del suo cd per poterle distribuire gratuitamente (verosimilmente come freesbie) e si proclama la unica House Disco Diva certificata Sony solo perché tale casa discografica le ha fatto incidere dei samples per una libreria di suoni. Sogna, cara Ilona, sogna. Ma soprattutto, facci sognare.

Qui sotto, la sua più grande hit: Live Forever, contenuta nell’indimenticabile (soprattutto per la copertina) compilation “The best of dance volume 1”.

Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l’ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.

About the author

Chissenefrega

© 2006-2014 - Chissenefrega 2.0 #whocares #zeroodio #tantoammore - Created by Meks. Powered by WordPress.