X Factor 2 – Sesta puntata – Chissenecronaca live, eliminata Ambra Marie

Anche questa settimana doppio live qui su Csnf per la consueta Chissenecronaca e in contemporanea su FaceBook per le prime impressioni a caldo. E da domani si replica fino a che non mi squaglierò i polpastrelli (oppure finché FB non mi bannerà per abuso di banda, o di sostanze stupefacenti) con il live del festival di Sanremo edizione numero 59: non mancate, eh!

Archiviati i carampanismi per Ambra Marie “degli orrori” e Daniele “Pretty Woman”, scaldiamo i motori per la Chissenecronaca della sesta puntata di X-Factor, il miglior talent show della televisione italiana, nonostante la presenza di Simona Ventura. A proposito della Ventura, c’è da dire che domani partirà per Miami allo scopo di piazzare su qualche mercatino le sue meravigliose tute da ginnastica autoprodotte (ecco spiegata la crisi del made in Italy), nonché il suo cinepanettone: riprendendo una battuta che ho sentito stamattina a Tutti Pazzi Per RDS, “se la Ventura va a rappresentare nel mondo il cinema italiano, vuol dire che il cinema italiano è preso con dei laceri pezzi di stoffa cuciti sul deretano, ovvero co è pezze ar cu*o” (però a pensarci bene, se Rossella Brescia fa la diggei, non è che la radiofonia stia messa tanto meglio). Inoltre bisogna registrare la sua risposta all’attacco sferrato in settimana dalla rivale Maria de Filippi. Nella sua (de) filippica, Maria, nervosa per il reiterato flop domenicale contro l’Arena di Massimo Giletti e idrofoba per essere stata battuta mercoledì sera in ascolti da una pivella senza arte né parte come Caterina Balivo, definiva sull’Espresso la Mona Nazionale un semplice “mezzo”, un’adepta dell’autocelebrazione e addirittura una sorta di ostacolo distraente per il pubblico televisivo, più intento ad apprezzarne il “seno strizzato” che i contenuti dei suoi programmi. Il bue che dice cornuto a una mandria di tori, praticamente.

Supersimo risponde oggi su Repubblica che è grata “come un gatto in tangenziale” (ok, non l’ha detto, ma l’avrà sicuramente pensato) per questa stroncatura che “ci sta come un limone tra le cozze” (ok, non l’ha detto, ma l’avrà sicuramente pensato) e che non fa altro che accrescere il consenso del pubblico nei suoi confronti. Adesso io mi chiedo: ma non ce l’avete un cellulare? Non potete risolvere le vostre beghe via sms anziché far sprecare inutilmente carta ai giornali dove potrebbero trovare spazio contenuti decisamente più interessanti, tipo l’oroscopo, i numeri del lotto, i consigli contro le vene varicose o una pubblicità di D&G?

The Bastard Sons Of Dioniso “My Sharona”: Vabbè, un classicone adatto a quell’interpretazione sborona che li contraddistingue. Infatti, sembrava “My Sborona”. L’intonazione è meno “optional” del solito, l’esibizione è energica, sul palco copertoni e ballerine. I tre elfi del bosco della Val di Sole indossano vestiti di pelle, Jacopo sta svenendo perchè i pantaloni stringono proprio lì, ma gli abiti sono volutamente stretti per “fargli capire chi comanda”, afferma Mara. Voto 6/7

Noemi “Ain’t No Sunshine”: Anche se le sono caduti gli ear-monitor, l’ha cantata egregiamente. Ha il “timbro del momento” e riesce a sfruttarlo come Dio comanda. Morgan apprezza che Noemi abbia cantato un pezzo r’n’b con uno stile asciutto, senza inutili fioriture. La Ventura non è d’accordo, si agita perché ritiene che Morgan si riferisca a Daniele Magro. Ha voglia di attaccar briga Simona, stasera, chissà che a Miami non si sfoghi un po’. Voto 8 1/2

Daniele Magro “Gocce di memoria”: è evidente che quel pizzico di moderna internazionalità che aveva dimostrato ai provini e durante la prima puntata, alla Ventura non è piaciuto, infatti lo sta progressivamente trasformando nel nuovo Antonio Marino (se non sapete chi è leggetevi le Chissenecronache di X-Factor dell’anno scorso). Come avere un talento per le mani e saperlo sfruttare solo per fargli indossare giacche assurde: la prossima volta comprati un Servo Muto Foppa Pedretti, Simona. Voto 4

Andrea, fu Giops, ora di nuovo Andrea “Milano e Vincenzo”: pezzo storico di Alberto Fortis, a cui Andrea fu paragonato qualche puntata fa. Sarà un “artista”, ma io tutta sta arte non ce la vedo: in questo modo osceno so cantare anche io dopo essermi scolato mezzo litro di antipiretico. Voto: a L-A-V-O-R-A-R-E-E-E-E-E-!!!

Stasera c’è l’inutile presenza di Chiara Baschetti, modella che avrebbe dovuto svallettare a Sanremo, ma Bonolis non è riuscito a trovare un accordo sul cachet. Chissà cosa le ha promesso Facchinetti…

Primo esito del televoto: a rischio Daniele Magro. Visto che Andrea-Giops-Andrea è immeritatamente salvo, direi che sono d’accordo. Pronostico: alla seconda manche andranno al ballottaggio i Farias ed usciranno. Almeno spero. Ospite d’onore Miguel Bosè. I concorrenti gli tributano una esibizione corale, come se Bosè fosse morto e dovessero celebrarne le esequie. Una roba imprecisa, un medley inutile ed altamente antitelevisivo, poiché compaiono anche i cantanti che non si erano ancora esibiti, facendo svanire l’attesa del telespettatore.

Jury (il-mio-diamante-grezzo-che-non-è-più-grezzo-ma-formato) “Virtual Insanity”: la canzone, a dispetto della leggerezza che trasmette, non è semplicissima, ma mi aspettavo molto di più da lui, sinceramente. La voce andava e veniva, la base era troppo bassa, zompettando sul palco gli mancava il fiato. Carino il video sullo sfondo, anche se non l’ha visto nessuno. Jury è una specie di Sonohra ma senza il fratello rompiscatole che gli porta via le carampane. Voto 6+ di incoraggiamento

Farias “Quando nasce un amore”: speravo che Mara gli facesse cantare “Obsesion” degli Aventura, oppure “Papi Chulodi Lorna, ma non è stato così; per somigliare ad Anna Oxa potevano rifarsi i denti e invece hanno scelto di tagliarsi i capelli. L’opinionista Matteo Bordone  critica la scelta estetica e Mara risponde prontamente “se fosse così facile fare certe scelte tu ti taglieresti la barba e diventeresti Indro Montanelli” (grande Mara!). Il quartetto della Patagonia canta “Quando nasce un amore”, ma era meglio se cantavano “Un’emozione da poco”, che è esattamente ciò che trasmettono. Basta scherzare, è giunto seriamente il momento di lasciarceli alle spalle (loro, e anche i loro capelli). Voto: Adios amigos

Matteo “Stay”: sobrio e pulito come al solito. Pezzo perfetto, difficile trovargli dei difetti. Ma voglio sentirlo con qualcosa di suo, scritto da lui. Miguel Bosè (che nel frattempo trova anche il tempo per litigare con Luca Tommassini sulla tosatura dei Farias) esprime il suo apprezzamento dicendo “ca**o”. Voto 7/8

Ambra Marie “Amore disperato”: è scontro (ancora, che rottura!) tra Morgan e Simona sulla “svolta” di Ambra Marie. La scorsa settimana avevo pronosticato una “Orietta Berti in versione finta-Anouk, oppure la suoneria del Gattino Virgola in versione finta-Anouk”, ma la rocker bergamasca è pronta a stupirci con Nada in versione finta e basta. Sabato pomeriggio, al Processo, l’opinionista Matteo Bordone (sempre lui) ha consigliato ad Ambra Marie di abbandonare il look da falsa rockettara per puntare a diventare una icona gay: “Diventa una icona gay e poi puoi cantare ciò che vuoi, quelli non ti mollano più per sessant’anni”. Non so cosa abbia Bordone contro la comunità gay, ma una tale sciagura non si dovrebbe augurare a nessuno, poi “quelli” hanno già il problema di doversi gestire Paola e Chiara, perché infierire? Ritornando alla performance: nettamente meglio del previsto, me l’aspettavo molto più scialba, pronta a tagliarsi le vene sul palco. Invece canta decentemente: apprezzabile il tentativo, anche se fatica a discostarsi veramente dal suo stile finto-Anouk. Per Bosè ha la voce da uomo. Scopriamo pure che ha fatto due anni di danza del ventre e per Facchinetti è “un’artista completa”. Ero pronto con il 2, invece: Voto 5/6

Enrico “Impressioni di settembre”: in mezzo ai rovi e alla nebbia creata artificialmente da Tommassini (ma è meglio che non vi dica come), canta in maniera quasi impeccabile (tranne nell’inizio un po’ calante, ma ce ne siamo accorti solo io e Mara Maionchi, per cui…). Miguel Bosè, protagonista della serata, si commuove: “Per me sei il gusto nel cantare”, gli dice. Anche per me. Voto 8+

Momento “domande intelligenti del pubblico”. A Mara: “Meglio produrre un cantante di successo oppure 100 notti di sesso con un Farias?”. Risposta: “Se avessi 40 anni di meno, molto meglio produrre un cantante di successo: godi molto di più” [e sottovoce: “ma và a cag….”]. Saluti al caliente Miguel e alla Baschetti, che non ha fatto NULLA, se non cambiarsi tre vestiti in tre inquadrature diverse, senza dire una parola. Voto 0.

Secondo responso del pubblico: Ambra Marie Facchetti al ballottaggio insieme a Daniele Magro. La battaglia tra Morgan e Simona continua senza esclusione di colpi. La Ventura è allibita che due “grandi talenti” come i suoi siano al ballottaggio, mentre “cantanti che stonano tantissimo sono ancora dentro” (si riferisce, palesemente, ad Andrea). A questo punto un po’ mi dispiace, perché, nonostante le mie stroncature, Andrea e i Farias meritano oggettivamente di sparire dal programma prima di chiunque altro. Perfido fino al midollo, il mefistofelico Morgan lascia alla caposquadra dei 16-24 l’onere di eliminare il suo “diamante grezzo”. Simona dice di essere “molto disturbata” (lo sapevamo già, eh…). “Questo programma”, continua Supersimo, “ha preso una china che a me non piace per niente perché si votano più i giudici che i cantanti”. Secondo la regina della ciurlata nel manico, Morgan ha messo in atto una strategia per mettere in cattiva luce i suoi cantanti. Lui risponde che non c’entra nulla e che lei deve prendersela con il “popolo sovrano che ha sempre ragione”. D’altronde questa frase è uno dei cavalli di battaglia della Ventura: quando il popolo sta con lei è pronta a renderlo sovrano, quando invece le danno contro è un oscuro piano tramato nell’ombra alle sue spalle. Simona, non eri tu quella che decantava le virtù della “cultura della sconfitta”? Meno paranoie e più fatti, cara mia: sceglie di salvare Daniele: Ambra Marie eliminata.

About the author

Chissenefrega

© 2006-2014 - Chissenefrega 2.0 #whocares #zeroodio #tantoammore - Created by Meks. Powered by WordPress.