La Tata ieri e oggi

Qualche settimana fa, TgCom ha riportato la foto qui a destra (scattata dai paparazzi di TMZ) che ritrae la Fran Drescher del 2008. Se negli anni 90, il ruolo da protagonista nel telefilm “La Tata” le diede la virtù di far girare la testa a figli, padri e maggiordomi, oggi, Fran, al rientro dal supermercato insieme all’immancabile cane “Castagna”, sembra una qualsiasi casalinga di Frosinone, tutta colesterolo e Bref Professional, che fatica ad arrivare a fine mese.

Il telefilm, che tutti ricordiamo di certo con grande affetto, è stato un vero fenomeno di culto nel nostro Paese (merito del miracoloso lavoro eseguito in fase di adattamento in italiano che trasformò la protagonista da trasgressiva bambinaia ebrea, a icona kitch della ciociaria), tanto che Francesca e famiglia erano ospiti di continuo nelle trasmissioni televisive di intrattenimento delle nostre tivù nazionali.

A dieci anni di distanza dall’avvio dell’ultima serie (decisamente sottotono rispetto alle precedenti, ma necessaria per mettere la parola fine al travagliato rapporto tra Francesca e il signor Sheffield), che fine hanno fatto gli altri protagonisti?

La mia preferita, la perfida C.C. Babcock (Lauren Lane), abbandonate le scene lavora come insegnante di recitazione. Invecchiatissima (ma mai quanto Fioretta Mari).

La timida Grace (Madeleine Zima), oggi è la lolita di Californication (e non è più così timida). Venuta su bene.

Zia Assunta (Reneè Taylor – nella serie originale Sylvia, madre di Francesca). Educatrice un po’ sui generis, è una pensionata con problemi di tiroide. Sempre cotonatissima.

Yetta (Ann Morgan Guilbert – nella serie originale nonna di Francesca). Che dire: è già tanto che sia ancora viva…

Maggie (Nicholle Tom). Continua a fare l’attrice con scarso rendimento, in attesa della grande occasione che probabilmente non arriverà (in Beethoven era ancora troppo giovane per riuscire a sfruttare lo showbiz a suo piacimento). Comunque, discretamente conservata.

Brighton (Benjamin Salisbury). Il suo ruolo nella serie è sempre stato piuttosto marginale, quando crebbe e diventò adolescente, lo privarono anche di qualsiasi battuta. Oggi se ne sono perse le tracce (e lui ha perso un po’ di capelli). Sfigato.

About the author

Chissenefrega

© 2006-2014 - Chissenefrega 2.0 #whocares #zeroodio #tantoammore - Created by Meks. Powered by WordPress.