Chiedi e ti sarà dato

La mia sensibilità musicale è entrata in conflitto con la mia memoria storica ed entrambe, alla fine, hanno convenuto che non potevano rimanere indifferenti alla citazione avvenuta nei commenti, di due pezzi da novanta del pop anni novanta. Milioni di anni fa, quando la vita era più facile e si potevano mangiare anche le fragole, facevano capolino sui mercati discografici due tra le boyband più desaparecide di sempre: i Les Worlds Apart (gruppo inglese ignorato in patria, ma idolatrato in Francia dove fu triplo disco di platino) e gli Ultra (gruppo inglese ignorato in patria, ma fenomeno commerciale tutto italiano*, con oltre un milione di copie vendute).

I primi sperimentavano sonorità houseggianti su una massacrata cover di “Could it be I’m falling in love” degli Spinners, e lanciavano un perverso videoclip zoofilo, auspicando di far breccia (per lo meno un decimo di quanto non stessero facendo i Take That) nei cuori delle teenger dell’epoca, le quali si dividevano tra indossatrici di jeans ascellari ma stretti alle caviglie, e quelle che “toglimi tutto ma non i miei fuseaux“.

Gli Ultra, invece, passavano  – senza merito –  per dei gran bonazzi solo perchè rappresentavano il sogno erotico della sedicenne che stava abbandonando “Cioè” per i primi Harmony, quella che (in jeans ascellari o fuseaux) faceva venticinque chilometri in Graziella per raggiungere il sordido baretto frontecaserma alla ricerca di una recluta in uniforme cui concedersi come licenza premio. Riascoltata oggi, “Say it once“, ha ancora quel retrogusto di tormentone strappamutanda e il che non guasta; rivedere il gruppo, invece, ti fa pensare a quanto siano cambiati i cànoni di immagine per le star della musica. Se una volta le boyband si spogliavano per piacere alle ragazze, oggi, per piacere alle ragazze, si vestono. Come loro.

*Talmente tanto italiano che la loro unica hit fu pure riveduta e disarmonizzata dall’onnipresente Laura Pausini in un (im)memorabile duetto. Ah, adesso capisco perché gli Ultra sono scomparsi.

About the author

Chissenefrega

© 2006-2014 - Chissenefrega 2.0 #whocares #zeroodio #tantoammore - Created by Meks. Powered by WordPress.