Lo Show dei Record / Seconda puntata (mi è piaciuta di più la prima)

Lo slogan della serata è: “questo è lo show dell’impossibile, ma vedrete quante cose sono possibili nell’impossibile“. Che mal di testa, cosa si è bevuta la d’Urso stasera?

Dopo la teenager apparecchiuta che entra nel guinness dei primati per il maggior numero di tentativi falliti per entrare nel guinness dei primati, arriva un bellissimo quadretto famigliare. Barbara d’Urso e l’uomo più alto del mondo: lei gli arriva giusta giusta all’inguine e si nota un certo sguardo di desiderio nei confronti della sua chilometrica patta dei pantaloni. L’uomo più basso del mondo, invece, parla come Alvin dei Chipmunks, cerca di usare violenza sulla conduttrice denudandola e sbattendola sul pavimento. Lei, però, la prende a ridere e lo coccola come il bambinello del presepe, mentre lui si gode la veduta patatoramica da un’angolazione a dir poco ginecologica. Quando vivi in un paese di dieci abitanti sperduto in Mongolia, anche una vecchia Barbara d’Urso fa buon brodo.

Nello show dell’assurdo c’è posto anche per la sosia di Patty Pravo (però non fumata). Ah no, mi sbagliavo, è solo la donna che non si taglia le unghie dal ’79. Barbarona nostra le chiede come fa per lavarsi, per vestirsi, per mangiare: è chiaro che mira ad arrivare alla fatidica domanda: “come fai quando ti viene la diarrea?” ma – in un clima di delusione generale – non osa tanto.

Poi c’ è la donna clessidra, una vecchia col girovita di 38 centimetri, che segna un doppio record: oltre al vitino da vespa si ritrova un fisico da caffettiera. L’uomo più snodabile del mondo si esibisce in contorsionismi che solo a vederli ti viene la tendinite. Eccezionale quando si cala sul davanti, mette la testa tra le ginocchia e poi sale all’indietro: il guinness lo conquista per essere l’unico uomo al mondo che riesce a farsi da solo una colonscopia e senza bisogno di usare una sonda.

Leggi anche: Lo Show dei Record / Terza puntata (col bambino più peloso del mondo e la regina dei rutti)

About the author

Chissenefrega

© 2006-2014 - Chissenefrega 2.0 #whocares #zeroodio #tantoammore - Created by Meks. Powered by WordPress.