Sfida Celentano contro Garrison, addio Giulia Gambecorte

Serale di Amici del 19 marzo. Davanti ad un parterre orfano di Nosferatu Iancu e formato dalla sempre presente Platinette Winehouse (tatuata coi pennarelli da lavagnetta, ma fortunatamente vestita) e da una tremenda Oriella Dorella (che in un lapsus defilippiano viene chiamata “Orietta”: Maria deve averla confusa con la Berti, ma – bisogna ammettere – la pettinatura poteva ingannare) si è consumata stasera la madre di tutte le battaglie danzerecce.

La ragazza della via Gluck, Alessandra Celentano (ormai nota solo come “Quella lì”) lancia il guanto di sfida a Confettino Garrison. “Quella lì” entra in scena con il cappello volutamente sugli occhi per impedirsi la visione della Dorella mentre tenta l’impiccagione con le extension di Platinette. Alessandra balla un passo a molti che dovrebbe essere un tango, il cui risultato è più argentiano che argentino, per quanto sembra terrificante. Tra stacchi d’ascella e pestoni sui piedi, la Celentano porta a termine l’opera quasi decorosamente. Ma in tutto ciò il ballerino Francesco dov’era?

Confettino Garrison è pronto al contrattacco e risponde mettendo in scena una coreografia hip-hop ispirata all’artrite. Susy è completamente inadeguata a fargli da partner, mentre Giulia se la cava un po’ più discretamente, ma solo perchè il regista la inquadra poco. Senza fiato e con un paio di ossa rotte, Garrison stramazza al suolo: quest’uomo non è più lui da quando Brian l’ha abbandonato sull’altare.

PS: Attendo video. Grazie Matteo.

You need to a flashplayer enabled browser to view this YouTube video

PS2: Anche stasera Marco Carta frigna, perché perde la sfida di canto con Roberta. E, a sorpresa, lei gli frega anche il primo posto in classifica, tiè! La squadra bianca risulta perdente: l’allieva che anziché esibirsi ha passato tutta la serata a fissare il soffitto fischiettando, sperando di non essere schierata in nessuna prova è Susy. Meriterebbe di uscire lei e invece la scure del televoto si abbatte su Giulia Gambecorte. Un po’ (ma proprio poco, eh) mi dispiace.

About the author

Chissenefrega

© 2006-2014 - Chissenefrega 2.0 #whocares #zeroodio #tantoammore - Created by Meks. Powered by WordPress.