Samim – Heater

Ricetta del giorno: prendi un produttore metà svizzero e metà iraniano, delle scimmie urlatrici ed una fisarmonica. Sminuzza ed amalgama il tutto con un groove minimal house, quindi mixa a fuoco medio per tre minuti: la tua hit in Samim è pronta. Heater è uno di quei pezzi incatalogabili ed indefinibili, che si ama o si odia, che piace tantissimo o che fa totalmente ribrezzo. A me, per inciso, piace tantissimo. Peccato che rimarrà un successo one shot.The Flow“, l’album di Samim in cui è contenuta anche Heater, infatti, anziché spingere ulteriormente l’acceleratore sulla strada della creatività e delle contaminazioni infettive, risulta monocorde, ripetitivo e decisamente poco accattivante.

You need to a flashplayer enabled browser to view this YouTube video

About the author

Chissenefrega

© 2006-2014 - Chissenefrega 2.0 #whocares #zeroodio #tantoammore - Created by Meks. Powered by WordPress.