Isola dei famosi 5

E’ ufficialmente partita su Rai Due l’edizione dell’Isola dei Famosi più fiacca di sempre. Ancora scottata dalle delusioni primaverili, Simona Ventura torna – con verve dimezzata e un chilometro di coda in mezzo alle gambe – al timone del reality che quest’anno vuole avere come prerogative il buongusto, la tolleranza e il talento vero dei protagonisti. Mai fidarsi di quello che dice una presentatrice barcollante che entra in studio urlando “questo è il grande gioco della vita” e trenta secondi dopo, parlando con l’inviato Francesco Facchinetti (precedentemente noto come DJ) snocciola già il primo di una lunga serie di “ci sta come un limone tra le cozze“. Un’edizione che sembra partire già sedata (o seduta, o segata) nella quale, a dieci personaggi che definire VIP è quasi un reato, si affiancano anche sei concorrenti “non famosi”. Scopo del programma sarà tentare di indovinare chi appartiene all’una e chi all’altra categoria.

Miriana Trevisan
Ai tempi di “Non è la Rai” era una delle più promettenti: purtroppo, dopo una tiepida esperienza come velina, l’ufficio di collocamento non le ha trovato altro di meglio che un posto da badante per presentatori tv anziani, subito usurpatole da qualche straniera senza permesso di soggiorno;

Alessandro Cecchi Paone
Da quando si è rivelato omoaffettivo, ha riscoperto il 13enne che è in lui: si presenta all’isola nel ruolo di aspirante divulgatore scientifico, ma le cose più scientifiche che potrà fare vanno dal vivisezionare qualche lucertola all’analisi delle urine dei suoi colleghi col “piccolo chimico”;

Francesco Coco
Dopo essere stato scaricato dalla Arcuri e dopo lo scandalo delle sue presunte foto omosex, ha deciso di andare in un luogo dove nessuno potrà mettere in dubbio la sua virilità. Il divulgatore Cecchi Paone ha già messo gli occhi su di lui, o meglio dentro al suo costume, ma solo a scopo scientifico: lo porterà ad infrattarsi dietro un cespuglio al fine di rinfrescare i suoi studi di anatomia.

Debora Caprioglio
Almeno Claudia Koll, dopo i traumi pornosoft tintobrassiani, si è ritirata in monastero; lei invece te la ritrovi sempre tra i piedi: esce dalla porta di Canale 5 e rientra dalla finestra di Rai 2. Sull’isola mostrerà di certo il suo più grande talento, l’osso sacro;

Lisa Fusco
Showgirl, anzi “subrettina“, dal curriculum inesistente, si candida come erede diretta di Imma di Ninni (chi?);

Manuela Villa
Ha detto bene Nicola Savino l’altro giorno: per paura di patire la fame, la figlia del reuccio della canzone italiana si è “presa avanti“. Gli altri concorrenti stanno già complottando alle sue spalle che, in caso di necessità, la passeranno sullo spiedo: con una sola coscia di Manuela possono banchettare per settimane;

Cristiano Malgioglio
La cosa che gli mancherà di più sull’isola sarà la tinta per capelli, oltre al suo make up. Dopo pochi giorni scatterà la follia e lui si ritroverà fasciato in un body rosa shocking, sotto una tempesta tropicale, mentre balla sulle punte cantando “under my ombretto, etto, etto, eh eh, under my ombrettooooo”;

Paul Belmondo
Se il mondo è bello perchè è vario, il Belmondo è solo un po’ svarionato. Leggo su Wikipedia: “Dopo risultati mediocri nelle formule inferiori, ha corso in Formula 1 con scuderie di secondo piano senza riuscire a qualificarsi nelle maggior parte dei Gran Premi a cui ha partecipato“. Incoraggiante biografia;

Nicola Canonico
Showgirl dal curriculum inesistente, si candida come erede diretta di Lisa Fusco (chi?);

Debora Salvalaggio
Ci sono talmente tante cose da dire sulla carriera di questa valletta snob che, guarda un po’, non me ne viene in mente nessuna.

Le sei fortunate “persone comuni“, scelte tra 50.000 aspiranti sono:

Sando Silvestrini, bancario (Sando? Sando Sùbido!). Nonnetto (poco) atletico, che da quando si è separato ha cominciato una nuova vita a base di discoteca, arti marziali e massaggi tantra;

Karen Picozzi, impiegata trendy con la passione del fitness, vuole mettere in gara tutte “le qualità che il Signore mi ha dato”. E infatti, già nel video della sua presentazione si vede più nuda che vestita;

Tiziana Decorato, mamma e casalinga creativa tuttofare, da anni non si trucca più, non si pettina più, vive in simbiosi con la tuta da ginnastica. Una barbona, praticamente;

Claudio Cucurullo, muratore e domatore di serpenti: momento topico quando proiettano il filmino delle sue vacanze dove lo mostrano con un pitone che gli fuoriesce dai pantaloni;

Vittorio De Franceschi, finanziere, partecipa solo perchè la Ventura aveva bisogno di sistemare quella faccenda dell’IVA, capisciammè;

Viviana Bazzani, ex poliziotta che dopo essere stata gravemente ferita in una sparatoria ha capito il vero senso della vita: anche il ruolo del caso umano è stato assegnato.

Come volevasi dimostrare, il tanto invocato buongusto fa subito la sua comparsa quando la sconosciuta Picozzi (quella più nuda che vestita), parla innocentemente della Topa Pelosa, un tipico animale honduregno. E la tanto invocata tolleranza si palesa quando Cecchi Paone si rifiuta di fare le nomination, perchè lui è una persona seria e non sparla alle spalle della gente. Il pubblico fischia e la Ventura si prodiga nel suo peggior cazziatone alla Nazione, neanche fosse il presidente della Repubblica dopo un attacco terroristico: “Non voglio più sentire nè fischi nè urli, ognuno è libero di pensarla come vuole!! La tolleranza deve cominciare proprio da qui perchè questo non è un Paese Civile!! Ci stiamo avvicinando a momenti di grande violenza!! Questo non è un Paese civile!!!”

Update: la sceneggiata tra Cecchi Paone e la Ventura rasenta il ridicolo, scaramucce da comari dirimpettaie sul balcone col Mocio Vileda in mano, mentre aspirano ad oltrepassare i confini finora conosciuti del trash. “Tu sei una persona seria e hai firmato un contratto, conoscevi il regolamento, per cui adesso devi fare le nominations!!”, intima Simona. “Io non ho mai parlato male di nessuno in vita mia, questo è un meccanismo perverso e pericolosissimo, diseducativo per i bambini che ci stanno guardando”, risponde Alessandro. “Un contratto è una parola data, è diseducativo anche far vedere ai bambini che non si rispetta la parola data”, ribatte Simona. “Lasciamo che decidano i genitori se è più grave parlare alle spalle e fare la spia, o se pagare per non andare contro i propri ideali”, dice Alessandro. “Ma è un contrat…”, prova a ripetere Simona. “Ma non mi dare lezioni che ho un fratello avvocato che è anche più bravo di te”, incalza infervorato Paone. “La tua spocchia te la puoi mettere da un’altra parte!” sbotta la Ventura che poco dopo smentirà di aver pronunciato la suddetta frase. “Simona, Blob camperà una settimana grazie a quello che hai detto”. “Alessandro, tu sei fuori come un balcone, io non ho mai detto una cosa del genere!” [continua… che qualcuno carichi il video su youtube al più presto!]

About the author

Chissenefrega

© 2006-2014 - Chissenefrega 2.0 #whocares #zeroodio #tantoammore - Created by Meks. Powered by WordPress.