Chi la canta?

Nato sulle ceneri del plurisgamato quiz truffaldino noto come “Gioco della bocca“, il gioco altrettanto iperfarlocco del “Chi la canta” (qui le fotocopie del regolamento) riempie i palinsesti estivi delle emittenti televisive locali. Se nel primo bisognava indovinare la parola misteriosa mimata sullo schermo da un paio di labbra, nel secondo è necessario indovinare il cantante di una canzone misteriosa per vincere 3000 euro. Costo della telefonata 15 euro che garantisce l’acquisto di loghi e suonerie per il cellulare, ma non garantisce la partecipazione al gioco in diretta (che sarebbe pure un po’ difficile, visto che diretta non è). Il programma che, diciamo la vertià, riesce a tenere incollato il telespettatore al televisore più di qualsiasi trasmissione di Amadeus, sarebbe da studiare approfonditamente: dietro a “Chi la canta” c’è un lavoro di scripting e ideazione di contenuti che ormai non si trova più in nessun altro programma tradizionale delle reti nazionali. Il presentatore/trice di turno si arrampica sugli specchi per spiegare regole inesistenti, la regia interviene con una voce fuori campo (come nella miglior tradizione) cantando parti della canzone misteriosa, facendo battute e bacchettando i concorrenti. Già, i concorrenti, il sale del quiz, i protagonisti incontrastati del gioco. Chiamano a mitraglia: in cinque minuti passano nella finta diretta trecento/quattrocento telefonate. Sono concorrenti che tutti i quiz vorrebbero avere: prendono la linea, salutano, dicono immediatamente il loro nome e la loro risposta (ovviamente sempre sbagliata) e riagganciano. Mai nessuno che si perda nelle solite irritanti richieste di aiutini, complimenti per la trasmissione o saluti a “tutti quelli che mi conoscono”. Concorrenti che hanno tutti la stessa voce. Nessuno mai che sia deluso per aver sbagliato, nessuno che implori clemenza da parte del notaio. Solo l’ultimo che chiama dopo una marea di vani tentativi, ovvero il vincitore, si concede qualche parola in più. Tutto troppo esilarante, nella puntata di oggi hanno nominato chiunque, mancava solo Bill StiKaulitz:

Domanda: Chi canta “Maledetta Primavera” ?

Risposte (solo una minima parte):

Ciao sono Maria, è Romina Power?
Ciao sono Stefano, è Dora Moroni?
Ciao sono Monica, è Gianna Nannini?
Ciao sono Giulio, è Carla Boni?
Ciao sono Cristina, è Nada?
Ciao sono Paolo, è Dalidà?
Ciao sono Donatella, è Gilda Mignonette [confesso di non averla mai sentita nominare prima d’ora, complimenti all’autore per l’idea] Ciao sono Claudio, e Caterina Caselli?
Ciao sono Silvia, è Mita Medici?
Ciao sono Marco, è Ivana Spagna?
Ciao sono Serafina, è Mariella Nava?
Ciao sono Federica, è Antonella Ruggiero?
Ciao sono Nicoletta, è Rita Pavone?
Ciso sono Giulio, è Marcella Bella?
Ciao sono Chiara, è Ombretta Colli?
Ciso sono Tiziano, è Tosca?
Ciao sono Wilma, è Teresa de sio?
Ciao sono Pietro, è Angela dei Ricchi e Poveri
Ciao sono Vittoria, è Alice?
Ciao sono Francesco, è Raffaella Carrà
Ciao sono Daniela, è Marisa Sannìa?
Ciao sono Alberto, è Giovanna?
Ciao sono Luisa, è Lola Falana?
Ciao sono Sergio, è Loredana Bertè?
Ciao sono Marisa, è Ornella Vanoni?
Ciao sono Claudio, è Sabrina Salerno?
Ciao sono Roberta, è Fiordaliso?
Ciao sono Lorenzo, è Viola Valentino?
Ciao sono Clara, è Giorgia?
Ciao sono Gabriele, è Luisa Corna?
Ciao sono Vincenza, è Lina Sastri?
Ciao sono Daniele, è Mietta?
Ciao sono Beatrice, è Orietta Berti?
Ciao sono Nicola… Sinceramente non sapevo la risposta per cui ho chiesto a mia madre… beh, ci provo anche se non so se è giusta… per caso non sarà mica Loretta Goggi?

About the author

Chissenefrega

© 2006-2014 - Chissenefrega 2.0 #whocares #zeroodio #tantoammore - Created by Meks. Powered by WordPress.