Consiglio del giorno

Dice il saggio: mai andare da Mediaworld con addosso una polo rossa, se non vuoi essere scambiato per un commesso in ogni corsia.

Che di per sè non è neanche tanto male, solo che ti senti tremendamente in colpa quando, per non deludere quella simpatica vecchina che si aggira nel reparto frigoriferi, sei costretto ad inventare le più assurde baggianate sulla capacità di congelamento del freezer Indesit riguardo al quale ti ha gentilmente chiesto informazioni. Preso alla sprovvista, devi essere bravo ad improvvisare. I due tinegger in zona televisori LCD, invece, non hanno nemmeno avuto il tempo di aprir bocca che al primo sguardo interrogativo li ho subito freddati con un sonoro: “Non sono un commesso!“. Tra l’altro erano talmente giovani che sicuramente non avevano i soldi per comprarselo e anche se li avessero avuti lo avrebbero utilizzato per guardare Mtv. Denaro sprecato.

Due minuti dentro al negozio e non avevo nient’altro che voglia di fuggire. Per fortuna dall’altra parte della strada c’è la Feltrinelli, dove al limite mi scambiano solo per un ebete quando sfoglio “Fuori Onda” di Emilio Fede, il fumetto di Avril Lavigne, o i bestseller di Moccia. Tsè, loro non sospettano che io lo faccio per dovere di cronaca! Comunque, ho fatto acquisti:

Dei Garbage mi manca il dvd, ma provvederò. Siccome ormai devo essere l’unico a non aver ancora letto “La Casta” (quindici ristampe in tre mesi, mica bruscolini), ho pensato di recuperare. Però mi domando se sia davvero così interessante questa biografia non autorizzata di Letizia.

About the author

Chissenefrega

© 2006-2014 - Chissenefrega 2.0 #whocares #zeroodio #tantoammore - Created by Meks. Powered by WordPress.