Uccidete Lil’ Mama

La prendo un po’ larga. E forse anche un po’ larva. Umbrella di Rihanna ci piace, ed è una hit mondiale ormai consolidata. Di solito una bella canzone non perde mai il suo fascino quando viene rivisitata con dei remix o delle cover da parte di altri artisti, soprattutto quando questi ci mettono del proprio e aggiungono qualcosa di interessante al pezzo originale. E’ il caso di una cover non ufficiale, ma che su Myspace funziona che è una meraviglia: quella di Scott Simons, che rimuove il groove hiphoppeggiante del brano e ricanta la melodia aggiungendo quell’armonia che al pezzo di Rihanna manca.

Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l'ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.

Una insolita rivisitazione, simile a quelle che fa il suo collega israeliano Sagi Rei (divagazione: se non avete ancora sentito la sua versione di “Crying at the discoteque” cliccate qui).

Ma veniamo al punto (dolente). Ci sono, ahimè, dei remix ufficiali che non sono nemmeno degni di essere chiamati tali, per i quali non ho una definizione migliore che emerite schifezze. Le potenzialità trash di questa Lil’ Mama le aveva già scoperte Diariobignardo (definendola brillantemente una “versione rinsecchita e gggiovane di Missy Elliot“) con il “remix” di Girlfriend. Lì, però, c’era ben poco da rovinare. Non avrei il coraggio di dire che è “una giusta direzione per la musica” come fa r’n’bjunk, ma mi limiterei a osservare che la matematica non è un opinione, per cui porcheria + porcheria = meraviglia. Insomma, la versione doppiamente intamarrita del pezzo di Avril Lavigne ci poteva anche stare ed aveva pure un suo perché.

Quello che invece Lil’ Mama fa con Umbrella è un vero obbrobrio, ascoltare per credere. Una torta alla crema trasformata in un mattone di muffa. La cosa più triste in tutto ciò è che se a questa Lil’ Mama fanno fare dei “remix” di canzoni così “importanti”, vuol dire che la gggiovane e rinsecchita Missy Elliot ce la vogliono sdoganare a tutti i costi. Per carità, fermiamola prima che sia troppo tardi. Mettiamoci una canottiera bianca, pimpiamo uno skateboard e andiamo alla ricerca di questa fantomatica pseudorapper dell’ultima ora per lapidarla con delle bombolette di vernice spray.

You need to a flashplayer enabled browser to view this YouTube video

About the author

Chissenefrega

© 2006-2014 - Chissenefrega 2.0 #whocares #zeroodio #tantoammore - Created by Meks. Powered by WordPress.