La sposa perfetta – finale: vincono Alessia, Claudio e Mamma Teresa

Allora ricapitoliamo: La Sposa Perfetta è un reality che si propone di generare da un po’ di fango-auditel e da un rivolo di saliva, una coppia medioborghese perfetta, tradizionalista, con lui maschio dominante e lei colf-lavapiatti istruita in culinaria e bigodini dalla suocera bigotta. Una specie di minestrone tra Ciao Darwin senza la goliardia bonolisiana e Uomini e Donne privato del trash e degli eccessi defilippiani. Dopo due mesi di convivenza e varie peripezie, sono rimasti in gioco, ad oggi, la perfida doppiogiochista Mamma Ambra (conosciuta anche come Regina degli Inferi) e il figlio Max The Inseminator, che dietro all’aria da passerotto caduto dal nido nasconde la potenza sessuale di un mandingo, capace di spargere qua e là per il mondo eredi non riconosciuti (donne, attente che potreste rimanere gravide al primo sguardo languido del biondino, sempre che capiate da che parte ha gli occhi). Ancora dentro al gioco anche Mamma Emanuella, meglio nota come La Vecchia Ciavatta, che quando uscirà avrà perso 30 anni di vita (ed entrerà quindi nel guinness come donna più anziana del mondo). Il figliolo, l’ingenuo e perennemente pigiamato Andrea, infatti, l’ha ricoperta di delusioni, innamorandosi prima di una spogliarellista mentitrice col cervello da gallina (Sara), poi di una gallina mentitrice col cervello da spogliarellista (Aida). Avendo ricevuto il due di picche da entrambe, ha tentato invano di consolarsi con la sposa dal decoltée esagerato, Simona, meglio nota come la reincarnazione di Maria Teresa PettoRuta. A ben pensarci sarebbero una coppia fantastica, visto che la verve tombale di Andrea ricorda molto quella altrettanto funerea di Amedeo Goria. Ma lei non ci sta e di fronte a qualsivoglia proposta del pigiamato, fugge atterrita.

Madre Teresa e il figlio Claudio sono gli ultimi due superstiti del reality ed i più indicati alla vittoria. Lui, con la sua aria da manovratore del Tagadà e lei, perennemente messa in disparte da tutte le altre mamme a causa delle sue incomprensibili espressioni lessicali riconducibili ad un antico linguaggio Maori, hanno sempre giocato pulito. Nessuno scandalo ha colpito Claudio, neanche dopo che ha tentato di esorcizzare il demone che alberga in Ambra a colpi di mestolo, ed il giovane (il più piacente del gruppo, cosa non difficile visto che erano 4 tombini) è riuscito senza difficoltà a conquistare il cuore e l’accento campano della bella Alessia. Di fronte alle insidie del reality, Madre Teresa ha sofferto in silenzio, chiudendosi a riccio ed esprimendosi nel suo idioma sconosciuto. Ma mai perdendo la dignità, come ha invece fatto Mamma Rosa Appassita, giustamente eliminata dopo aver detto addio all’educazione e all’autocontrollo in diretta tv oltre che in un momento in cui stava seduta sulla tazza del WC.

L’ultima prima serata, dopo il riassunto delle puntate precedenti, propone un bel karaoke madri/figli. Gli ascolti precipitano ma si risollevano quando la giurata sempre splendida Amanda Lear intona con la sua voce da decespugliatore la nuova hit Vulevù Randevù. Prima eliminazione: Simona aka Maria Teresa PettoRuta abbandona. Cadeo le chiede di rivelare al pubblico il suo cognome, ma lei si rifiuta (per la cronaca, si chiama Cerizza). Alle superstiti viene fatta la domanda clou e cioè se abbiano trovato la loro anima gemella all’interno del reality. Federica decide di confessare il suo amore per Max The Inseminator, inconsapevole che da domani sarà alle prese con pappine, pannolini e Satana in persona come suocera. Alessia conferma il sentimento per Claudio; per spiegare a Mamma Teresa quello che sta succedendo, i due usano segnali di fumo. Fernanda potrebbe ripiegare solo sul pigiamato ma, come volevasi dimostrare, neppure lei se lo piglia. Eliminati entrambi. Una prova di vita di coppia a base di stiro, vestizione e frittata aspetta le due coppie ormai formate. Nonostante io sia sempre stato un sostenitore a spada tratta di questo reality, devo ammettere che la serata conclusiva è una delle più noiose della storia. L’intervista finale alle due aspiranti spose dimostra nuovamente come il programma sia architettato al dettaglio e spiana la strada alla vittoria di Alessia. Risultato del televoto: vince Alessia, ma tu guarda. Si spengono i riflettori su Villa La Suocerina: Roberta Lanfranchi è libera di tornare alle sue beghe pomeridiane e Cesare Cadeo, con un triplo salto carpiato all’indietro, può rientrare finalmente nel suo mondo, fatto di prati verdi, cielo terso e lenzuola bianche stese ad asciugare.

About the author

Chissenefrega

© 2006-2014 - Chissenefrega 2.0 #whocares #zeroodio #tantoammore - Created by Meks. Powered by WordPress.