La sindrome di Stoccolma

La capitale svedese è una città quadrata e riflessiva, ordinata e cosmopolita. Poco trafficata ed estremamente pedonabile. Molto meno nordica e assai più europea di quanto mi sarei aspettato. Algida ma calda contemporaneamente, sia dal punto di vista meteorologico che nell’atteggiamento assai cordiale dei suoi abitanti (tranne che nelle pseudo-sosia di Anna Tatangelo che hanno come miglior passatempo quello di ubriacarsi e ruttare in metropolitana. Voglio dire: almeno ci avessero accennato un po’ di lap-dance…). Stoccolma è un interessante luogo da scoprire che contrappone modernità e storia, cultura e fast-food, vetrocemento e sterminate aree verdi. La vita pullula in superficie e nei suoi cunicoli sotterranei, dove la pulizia è una regola e i mezzi pubblici spaccano il secondo. Un posto che magari non ti colpisce fin da subito, perchè ti ci vuole un po’ per entrare nei suoi meccanismi e nei suoi ritmi (troppo mattinieri per noi animali notturni!), ma poi non puoi non rimanerne affascinato. Soprattutto se scopri che Emilia e i The Ark sono ancora vivi e vegeti, con nuovi dischi in classifica e pubblicizzati con manifesti un po’ ovunque.

Ben ritrovati a tutti. Vi ho spedito anche una cartolina che pubblicherò (se e quando arriverà) assieme ad un po’ di foto, in risoluzione magari un po’ migliore di quelle qui sopra. Per il momento devo recuperare un po’ di sonno e sbrigare qualche faccenda. Poi si riparte, con un turbinio di novità (seeeee, magari!).

ps1. Questo post l’ho scritto 2 giorni fa, ma più o meno da allora la mia adsl non ha più voluto saperne di funzionare. Temevo che la svendita di Telecom alle banche e a Benetton avesse già portato conseguenze disastrose. Comunque, ora tutto sembra sistemato, ma a questo punto ci rivediamo lunedì.

ps2. Sfatiamo due miti. Il primo: le svedesi non sono affatto tutte stangone bionde supergnocche. Il secondo: io non ho perso nessun aereo.

About the author

Chissenefrega

© 2006-2014 - Chissenefrega 2.0 #whocares #zeroodio #tantoammore - Created by Meks. Powered by WordPress.