Supertelegattone, miao.

Ok, i premi sono già stati assegnati e la Notte dei Telegatti è già stata registrata giovedì scorso a Roma. Ma io questo post l’avevo scritto mercoledì, poi preso da grandi fratelli e scoop gossipari mi sono dimenticato di pubblicarlo (lo ammetto, sono un blogger allo sbando quasi quanto il tg5). Per rimediare, anche se solo in parte, barro i nomi dei perdenti. E comunque il post ve lo beccate lo stesso.

Ce li avete presente i Telegatti, no? Quella roba in similoro dalla forma felina, con cui il mondo del piccolo schermo vorrebbe premiare se stesso e i propri abitanti per meriti non sempre riconosciuti. C’è da dire che fino a quando la televisione funzionava, il riconoscimento poteva anche starci, e trasmetteva pure un certo senso di rigore. Ma negli ultimi anni, la Notte dei Telegatti, si è trasformata in una cerimonia finto-snob di pura autocelebrazione delle reti Mediaset e della spazzatura da esse prodotta. E se ne sono accorti anche gli autori del premio, visto che hanno voluto annacquare il significato di quello che dovrebbe essere un oscar alla tv, contaminando il mondo della musica, del cinema e dello sport.

Tv: Trasmissione dell’anno
– Striscia la notizia (Canale 5)
– Ballando con le stelle (Raiuno)
– Amici (Canale 5)

Ma che fine ha fatto “La pupa e il secchione“? Non era il “Comedy Show” di Italia 1, a detta di tutti, il programma dell’anno?

Informazione e approfondimento
– Lucignolo (Italia 1)
Matrix (Canale 5) (candidatura ritirata)
-Le invasioni barbariche (La 7)

Ovvio che tutti i blog che parlano di televisione vorrebbero veder vincere Daria Bignardi e le sue “Invasioni” (più che altro perchè sperano di gratificare il proprio ego con una citazione in diretta durante il programma de La 7, come è già successo per alcuni). Personalmente ritengo “Le invasioni Barbariche” un ottimo “salotto chic” (come la stessa Bignardi l’ha definito), ma che dell’informazione e dell’approfondimento ha ben poco. Beh, sempre più di Lucignolo, questo è evidente.

Fiction
– I Cesaroni (Canale 5)
– Distretto di Polizia 6 (Canale 5)
– Capri (Raiuno)

Io odio le fiction italiane, nella mia vita ho retto solo alla visione della prima puntata di Codice Rosso. Poi sono stato preso da una colica renale, ma questa è un’altra storia.

Personaggio dell’anno
– Fiorello
– Michelle Hunziker
– Claudio Amendola

Mi dispiace, ma Fiorello non ha fatto niente di male per meritarsi un Telegatto. Molto meglio Michelle Hunziker che ci ha fatto sognare con il suo singolo o Claudio Amendola che ha superato una grande prova recitando al fianco di Paris Hilton nello spot dei videofonini!

Cinema: miglior film
– Notte prima degli esami di Fausto Brizzi
– Il mio miglior nemico di Carlo Verdone
– Ti amo in tutte le lingue del mondo di Leonardo Pieraccioni

Ah, di cinema italiano non ci capisco niente e non ho visto nessuno dei film in nomination. Però vorrei vedere “The house of wax” con Paris Hilton, se qualcuno mi passa gentilmente il dvx.

Miglior attore/attrice
– Neri Marcorè
– Silvio Muccino

– Christian De Sica

Ah, perchè Silvio Muccino sarebbe un attore adesso? Telegatto per la miglior barzelletta alla commissione selezionatrice dei candidati.

Sport: Miglior sportivo
Nazionale italiana calcio
Valentino Rossi

Alessandro Del Piero

Ma “Alessandro Del Piero” non fa già parte della “Nazionale italiana calcio”? E se la Nazionale vince come si fa, se lo tengono a turno il telegatto? Io non mi fiderei mica tanto ad affidarglielo a Gattuso, però…

Musica: Miglior disco e miglior cantante
– Grazie di Gianna Nannini
– Live in Paris di Laura Pausini
– Made in Italy di Gigi D’Alessio

Due categorie raggruppate in una (per risparmiare?), come se automaticamente “disco” fosse sinonimo di “cantante“. Ovviamente voglio che vinca Gigi D’Alessio, “per la coerenza dimostrata tra i testi delle sue canzoni, le sue interviste e l’impeccabile conduzione della sua vita privata”. O per usare le parole di Laura (non la Pausini, eh!) che mi ha scritto di recente: “PER FAVORE ti prego devi dire qualcosa sul fatto che GG D’Alessio ha detto che essere nonno a 39 anni è un gioco, soprattutto se te la fai con una minorenne che ha l’età di tuo figlio… che schifooooo“. Laura, hai detto tutto tu.

Miglior Tournee
– Eros Ramazzotti
– Ligabue

– Renato Zero

Qui proporrei come quarta scelta “mia cugina di terzo grado che canta col coro della chiesa“, perchè il coro della chiesa fa delle tournee allucinanti. I membri si alzano (“membri” inteso come “componenti”, anche perchè vista l’età media ci vorrebbe un silos di Viagra per far alzare quegli altri) alle 5 del mattino e partono in pullman per raggiungere un freddo santuario e, durante il tragitto, per riscaldare le corde vocali recitano tutti insieme il Santo Rosario. E se il viaggio è troppo lungo, ricominciano ripetendo all’infinito i misteri gaudiosi. Mica semplice: ci provasse, Renato Zero.

About the author

Chissenefrega

© 2006-2014 - Chissenefrega 2.0 #whocares #zeroodio #tantoammore - Created by Meks. Powered by WordPress.