Sara Jorge, a must have?

“Beautiful World” di Sara Jorge è stata considerata la canzone must have dell’estate 2006. Ma nonostante un buon successo nella patria Inghilterra, mi sembra che nel resto del mondo (e non parliamo poi dell’Italia!) stia passando talmente inosservata che un po’ mi dispiace. Le premesse perchè fosse una hit intercontinentale c’erano tutte: un pezzo caramelloso da diabete, una cantante botulinica ibrida tra la fotocopia di Mariah Carey (ma con qualche anno di meno) e la voce da gattamorta sputata di Kylie Minogue (ma con qualche ottava in più). Produttore: quello di “Can’t get you out of my head” della stessa Kylie e di “Groovejet” di Spiller. Un video carino e i remix dei migliori deejays inglesi. Tutto sembrava perfetto, ma qualcosa non ha funzionato. Sarà che non siamo più negli anni 99/2001 quando quel tipo di pop-dance spopolava? Sarà che quel genere di musica è diventato talmente usa e getta da venir gettato ancor prima di essere usato? Sarà che la nuova frontiera della musica da ballo è l’ hip/hop a 100bpm di produzione americana e la nostra eurodance a 130bpm è bella che sepolta? Non lo so e non voglio fare eccessivamente il nostalgico. Ma trovo che un ritorno al passato, un ritorno ai Daft Punk, agli Air, agli Stardust, agli Underworld, ai Modjo, agli Spiller, ai Phoenix, alle Kylie, alle Sophie Ellis, alle Moony (e chi più ne ha più ne metta) di un lustro fa sarebbe davvero auspicabile per dare una rivitalizzata ad un genere (quello della pop-dance-houseggiante di stampo europeo) che ha ancora molto da dare ma è stato ingiustamente, e frettolosamente, accantonato.

About the author

Chissenefrega

© 2006-2014 - Chissenefrega 2.0 #whocares #zeroodio #tantoammore - Created by Meks. Powered by WordPress.